Nevroshockingiochi – Scena 2 (Onlyfuckingnoise/Neon Paralleli/HYSM?/Il Verso Del Cinghiale e altre, 2013)

Quando sulla loro pagina avevo letto l’autodefinizione art-rock, instintivamente avevo messo mano alla fondina, non credo si ci sia bisogno di spiegare perchè. Ma poiché ci insegnano che con le armi da fuoco non si scherza, il dovuto ascolto del disco mi suggerisce di non sprecare l’intero caricatore: qualche colpo d’avvertimento dovrebbe essere più che sufficiente.
Fuor di metafora, i Nevroshockingiochi da Macerata, qui al secondo album, sfoggiano una buona tecnica e capacità di scrittura, alcune felici intuizioni e qualche retaggio prog che ne appesantisce le trame. Fra le note positive sono da annoverare i suoni (Fabio Magistrali alla consolle) e la struttura dei pezzi, all’insegna di un rock industriale rumoroso (si ascolti l’incedere dell’iniziale Piccoli Omicidi Fatti In Casa) che ben si fonde con chitarre noise: trame complesse ma mai gratuite, aiutate anche dalla concisione e linearità della scrittura. L’atmosfera richiama un po’ gli anni ’90, Bill Laswell e dintorni, ma senza evidenti scopiazzature e con anzi una capacità di sintesi e rielaborazione notevole. Meno convincente è l’uso del cantato, nel nostro idioma, che a tratti si adegua a cadenze da rock italiano che poco hanno a che spartire col lato musicale della faccenda (a volte ricordano, ahimè, gli orrendi C.S.I. di Tabula Rasa Elettrificata), mentre altre volte indugia in cantilene che cadono nelle ingenuità di molto prog made in Italy del tempo che fu. Non è forse un caso che un dei brani migliori sia RESET, uno strumentale in odore di jazz core che dà tranquillamente paga a tanta robaccia di genere in giro ultimamente. Comunque non tutto è da buttare anche dal punto di vista vocale: è il caso di Senza Lingua, dei toni filtrati di Le Regole Del Poker, o del brano conclusivo, La regola delle 3 “S” o dello SBIANCAMENTO DELL’ANima, che sovrappone toni recitati e declamatori, alla maniera dei Contropotere de Il Seme Della Devianza, e può indicare una via interessante da percorrere in futuro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

St.Ride - Antologia Del Medio Mongoholi Nasi (Setola Di Maiale,…

"Genova's best kept secret", ma sarà davvero un segreto? Alla fine io li ho scoperti con quel piccolo capolavoro (e…

10 Jan 2008 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Vetro - Rapido Sguardo Dialettico (Sincope, 2013)

Sincope non è solo una etichetta di musica noise industriale e Massimo Onza ce lo ricorda pubblicando qua e là…

10 Dec 2013 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Morse Code – The Night An Artificial Light (Monster, 2010)

I redivivi (ex-)Caboto Alessandro Gallerani (chitarra), Alessio Crotti (basso) e Stefano Passini (batteria) mettono insieme un gustoso tritato misto (da…

27 Sep 2010 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Arashi – Jikan (PNL, 2019)

Dopo la recente collaborazione del guru della scena free giapponese Akira Sakata (sassofono, clarinetto basso e voce) al progetto New…

20 Jun 2019 Reviews

Read more

Verme Robots - Crawling In The Rush Hour (I make…

La produzione è ottima, buoni musicisti, rock articolato, complesso e raffinato che si muove dai R.A.T.M. fino ai bastioni…

10 Dec 2009 Reviews

Read more

Tetrics - S/T (Autoprodotto, 2012)

I Tetrics nascono come dinamica cover band della provincia anconetana, qui all'esordio con pezzi tutti originali. Apparentemente non ci sono…

11 Jun 2013 Reviews

Read more

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

Fuck Buttons - Slow Focus (ATP, 2013)

Sono tornati i giganteschi droni dei Fuck Buttons quando proprio non potevamo più farne a meno. Il vero compromesso tra…

03 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top