Nero And The Doggs – Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un dannato pedigree da critico blasonato per riconoscere un bel disco, quando qualcuno te lo mette sotto il naso. L’altro giorno, per esempio, nella cassetta delle lettere mi è arrivato, dentro una busta gialla in posta prioritaria, l’ultimo lavoro di Nero And The Doggs, che volendo fare i precisini è anche il primo inciso con questa nuova ragione sociale.  Già perché fino all’album precedente la band in questione – originaria dei bassifondi di Milano – si chiamava semplicemente The Doggs, mentre adesso – un po’ com’era accaduto a Iggy And The Stooges, ma il copyright di questo accostamento è di Andrea Valentini – i nostri hanno deciso di mettere in prima linea il loro leader e cantante. Anzi forse è stato lo stesso Nero che, in qualità di anima oscura della band, ha voluto rimarcare a ferro e fuoco il proprio ruolo di trascinatore. Comunque: fatte le dovute presentazioni ed entrando nel vivo di questo torrido album intitolato guarda caso Death Blues bisogna ammettere che l’accostamento con l’Iguana e i suoi compagni di sconfitte è più che mai azzeccato, anche sul fronte musicale. Il garage rock sferraggliante del cd precedente è solo un ricordo. Non troppo sbiadito, sia chiaro, ma neppure così evidente. Adesso Nero e i suoi cani rabbiosi hanno deciso di incanalare la loro furia iniziale dentro una manciata di liriche tossiche e malate, regalandoci, sul fronte sonoro, dieci pezzi di rock’n’roll triste e amaro, fatto di ballate elettriche e molto blues (più nell’anima che nei suoni). E così questo disco assomiglia più alla colonna sonora di una sconfitta, che a una raccolta di canzoni rock per giovani ribelli. Un lamento per chitarra, basso e batteria, che ti prende alla bocca dello stomaco e che ti esplode nella testa. Ogni canzoni è un funerale punk (provare per credere Feel The Death e il suo rantolare ossessivo). Anche quanto i suoni diventano più robusti e la ferocia della band esplode in mille rivoli di dolore (Sweet Confusion) la sensazione di inadeguatezza e frustrazione che fuoriesce dalle casse dello stereo è piuttosto lampante. E’ quasi impossibile restare indifferenti a questa decadenza senza fine, a questo vicolo cieco di suoni. Pezzi come la conclusiva Back To The End e il lentone (come potrebbe esserlo un lentone dei Saints) Damadeg Love sono coltelli affilati che ti entrano dentro la carne. I riferimenti italiani che mi sembrava di aver colto un paio d’anni fa, sono finiti nel cesso. E questo disco potrebbero averlo partorito in qualsiasi epoca e in qualsiasi continente. Un  sorta di garage della crisi, esistenziale ed economica. Anche se, a parte le solite chiacchiere, Death Blues è sostanzialmente un gran disco.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chambers - La Mano Sinistra (To Lose La Track, 2012)

In inglese sarebbe "left hand"..e per i più metallari là fuori potrebbe essere un richiamo al Left Hand Path con…

05 Jun 2012 Reviews

Read more

Alessandra Novaga - La Chambre Des Jeux Sonores (Setola Di…

Alessandra Novaga suona la chitarra elettrica e questo è il suo esordio da solista, con cinque brani composti per lei…

09 Oct 2014 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

FLTY BRGR GRL - Love You Forever (autoprodotto/Diger Distro, 2021)

Abbiamo una certa età, sappiamo riconoscere i sintomi di un’infatuazione, di un colpo di fulmine, di un innamoramento. Eccoci, in…

01 Feb 2022 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more

Levi - Synthesis (MC, Black Marmalade, 2022)

Levi è Damiano Simoncini. Diverse esperienze alle spalle (Damien e Versailles soprattuto, ma anche Melampus e Cristallo), ormai alle porte…

20 Jun 2022 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Kongrosian Meets Oreste Sabadin - Bootstrap Paradox (Aut, 2010)

Oltre ad Oreste Sabadin al clarino, dietro al nome Kongrosian compaiono Alberto Callodei al clarino basso, Alessio Faraon alla tromba,…

24 Jul 2010 Reviews

Read more

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more

Sparkle In Grey - Two sing too swing (Grey Sparkle…

Un album lungo vent’anni. Questo è per me il sunto dell’ultima fatica degli Sparkle In Grey che sono tornati con questo…

04 Nov 2021 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top