Nembrot – S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo la cosa non fa che peggiorare, per quanto continui a ripetermi che "il kaos è tipico delle persone creative" (cazzata su cui quelli come me hanno edificato fior fior di auto-giustificazioni): a conferma di ciò, credevo di aver postato questa recensione parecchi mesi fa quando i Nembrot mi avevano fatto arrivare questo demo. Per fortuna non tutto il male vien per nuocere ed è accaduto che i Nembrot li abbia anche visti in azione ed abbia focalizzato meglio alcune delle impressioni che avevo avuto ascoltando questo CDr.
Si tratta di un trio a due chitarre e batteria che sporadicamente usa la voce: uno dei primi inevitabili accostamenti che mi sono venuti in mente è quello ai Sonic Youth prima maniera, quindi non quelli della forma canzone ma quelli dei tappeti di chitarre tagliati dalla batteria, e quest'ultima è una delle migliori caratteristiche del gruppo, infatti il "batterismo" è quello che spinge il gruppo altrove; invece di ricordare Steve Shelly direi che fra lamiere, pelli e metalli assortiti ci si potrebbe trovare fra Chris Cutler ed Einsurzende Neubauten quando non erano ancora dei dandy del cazzo da conversazione al DAMS. Per quanto la registrazione non renda al meglio le qualità strumentali del gruppo e pur non essendo completamente convinto dal cantato, si tratta della classica materia grezza da cui si potrebbe tirare fuori un gran bel gruppo, anche perchè se è vero che il contesto culturale è quello che influenza in modo determinante la crescita degli individui, è più facile pensare che l'aura mefitica con la quale saranno cresciuti questi ragazzi non sia poi così distante da quella della No New York delle pere di James Chance. Tracce lunghe, ambientazioni fra feedback più o meno controllati, tappeti inframezzati da ritmiche tenute su pelli e lamiere e atmosfere fra il cupo ed il desolante. Ripeto, si tratta ancora di materia che va raffinandosi, ma lavorando di fino le carte ci sono tutte ed è triste constatare che questa sarebbe la migliore pubblicità progresso sulla periferia di Napoli, al di là di tutti i sensazionalismi di Gomorra (che resta un film più che decente), che per ora ha ottenuto come unico effetto di allontanare i turisti dalla città del Maschio Angioino.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Mike Patton / Ictus Ensemble - Laborintus II (Ipecac, 2012)

Anche al più scostante degli ascoltatori il binomio Mike Patton-musica italiana fa venire in mente qualcosa. E in effetti il…

28 Jun 2012 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more

Adriano Zanni – Falling Apart 7” (Boring Machines, 2017)

Otto anni dividono Piallassa (Red Desert Chronicles), uscito a nome Punck, da questo 7” foriero di un prossimo lavoro di…

14 Mar 2017 Reviews

Read more

Psychofagist: grind freak con eleganza

Ho scoperto gli Psychofagist ai tempi del loro disco su Subordinate: li avevo trovati interessanti fin da subito, tanto che…

16 Jun 2012 Interviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

AVSA – Parallels (Manyfeetsunder/Concrete, 2017)

Sarà che mi riduco sempre ad ascoltare e recensire i dischi a tarda ora, ma ammetto di essere rimasto disorientato…

27 Nov 2017 Reviews

Read more

The Softone - These Days Are Blue (Awful Bliss, 2008)

La Awful Bliss è un'etichetta carrarese-napoletana sorta da poco, eppure già con radici ben piantate nel nostro piccolo mondo sotterraneo…

30 Jan 2009 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Psycho Kinder – Epigrafe (Fonetica Meccanica, 2020)

Da sempre aperto all’incontro fra parola e musica, con la prima alla continua ricerca di suoni che la veicolino, Psycho…

24 Jan 2021 Reviews

Read more

Kyle - Space Animals (Overdrive, 2013)

Un divertente banjo apre le porte del mondo di Kyle, un progetto capitanato da Michele Alessi (militante nei Maisie e…

19 Mar 2014 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Fabrizio Ottaviucci - Ragapiano (Odd Times, 2009)

Da pseudo-relativista (che grazie a Dio non sono) e da seguace della ricostruzione storica individuale, o forse solo da "rosicone"…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

A Place To Bury Strangers + Bambara - 26/10/13 Interzona…

Si annuncia un'altra serata di gran livello questa dell'Interzona, in linea con una programmazione che privilegia la messa in scena…

08 Nov 2013 Live

Read more

Den LXV - Ur:Volk (Vintage Pharmakon, 2011)

Altra uscita per la neonata Vintage Pharmakon, creatura di Federico Esposito, che dopo l'esordio col suo monicker Kapalika ora pubblica…

29 Mar 2012 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top