Nembrot – S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo la cosa non fa che peggiorare, per quanto continui a ripetermi che "il kaos è tipico delle persone creative" (cazzata su cui quelli come me hanno edificato fior fior di auto-giustificazioni): a conferma di ciò, credevo di aver postato questa recensione parecchi mesi fa quando i Nembrot mi avevano fatto arrivare questo demo. Per fortuna non tutto il male vien per nuocere ed è accaduto che i Nembrot li abbia anche visti in azione ed abbia focalizzato meglio alcune delle impressioni che avevo avuto ascoltando questo CDr.
Si tratta di un trio a due chitarre e batteria che sporadicamente usa la voce: uno dei primi inevitabili accostamenti che mi sono venuti in mente è quello ai Sonic Youth prima maniera, quindi non quelli della forma canzone ma quelli dei tappeti di chitarre tagliati dalla batteria, e quest'ultima è una delle migliori caratteristiche del gruppo, infatti il "batterismo" è quello che spinge il gruppo altrove; invece di ricordare Steve Shelly direi che fra lamiere, pelli e metalli assortiti ci si potrebbe trovare fra Chris Cutler ed Einsurzende Neubauten quando non erano ancora dei dandy del cazzo da conversazione al DAMS. Per quanto la registrazione non renda al meglio le qualità strumentali del gruppo e pur non essendo completamente convinto dal cantato, si tratta della classica materia grezza da cui si potrebbe tirare fuori un gran bel gruppo, anche perchè se è vero che il contesto culturale è quello che influenza in modo determinante la crescita degli individui, è più facile pensare che l'aura mefitica con la quale saranno cresciuti questi ragazzi non sia poi così distante da quella della No New York delle pere di James Chance. Tracce lunghe, ambientazioni fra feedback più o meno controllati, tappeti inframezzati da ritmiche tenute su pelli e lamiere e atmosfere fra il cupo ed il desolante. Ripeto, si tratta ancora di materia che va raffinandosi, ma lavorando di fino le carte ci sono tutte ed è triste constatare che questa sarebbe la migliore pubblicità progresso sulla periferia di Napoli, al di là di tutti i sensazionalismi di Gomorra (che resta un film più che decente), che per ora ha ottenuto come unico effetto di allontanare i turisti dalla città del Maschio Angioino.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Sword - Warp Riders (Kemado, 2010)

Il revival è una questione delicata e, molto spesso,spinosa da trattare. Da qualsiasi parte lo prendi o lo rigiri, prima…

21 Jul 2010 Reviews

Read more

La Teiera Di Russell - NMR (DreaminGorilla/Scatti Vorticosi/Vollmer/Tanto di Cappello,…

Un fitto tessuto di parole mutuate da situazioni non musicali, questo l'intro - e l'outro - di NMR, primo lavoro…

30 Dec 2015 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Andy Ortmann/Luca Sigurtà – Split (Tulip, 2011)

Esce sulla Tulip di Claudio Rocchetti questa cassetta split tra Andy Ortmann e Luca Sigurtà: l'americano è noto sotto vari…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Sincabeza - Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D'Instrument…

La Distile continua a rigurgitare rock e post-rock a profusione ed i "senza testa" non sgarrano dalla linea editoriale della…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

Patron And Patron - Gen (Nonine, 2008)

Iniziate a segnarvi il nome di Me Raabenstein perché ho il sospetto che "il ragazzo abbia il risultato nelle gambe",…

16 Sep 2008 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top