Nascitari – Noi Eravamo Come Voi, Voi Sarete Come Noi (Claustrophilia, 2011)

Disco non recentissimo, questo di Nascitari, ma che merita qualche parola, soprattutto dopo aver visto all’opera il personaggio che si nasconde dietro questo nome al festival Oscenità Sulla Luna, quest’estate a Piacenza. Un’esibizione che trasudava furia e disperazione e trasmetteva un’urgenza che difficilmente ci è capitato di provare in altre situazioni (in rete trovate qualche filmato; non è nemmeno lontanamente come essere lì, ma vi fate un’idea).
I titoli catacombali dei due lunghi brani evidenziano subito il dualismo che caratterizza il disco: la coesistenza di vita e morte, ma anche (è soprattutto nel nome del disco) il rimando a un passaggio, a un altrove, fisico e temporale. Vivo In Una Tomba inizia come un post-industrial pesante ma sfumato che, per gradi impercettibili, si fa sempre più rumoroso e ci porta al power noise a grana grossa de Il Mio Amore Per Le Fosse, una grandinata che cade rovinosamente variando impercettibilmente il ritmo, senza lasciar scampo. Dopo un quarto d’ora dà l’illusione di volersi accomiatare sulle ali di un’aria operistica, ma è solo un inserto utile a evitare il rischio di eccessiva astrazione e prima della fine ci è riservata un’altra scarica di rumore bruto. Due pezzi (si va comunque oltre i quaranta minuti) fondamentalmente immobili, che non possono esplodere perché già in partenza il livello è tale da suggerire un’infinita detonazione che, nel suo continuo accadere, annulla ogni dinamica. Noi eravamo come voi… è l’incubatrice di una forza che, come la creatura del carpenteriano Il Signore Del Male, attende di nascere nel mondo. Lo si potrebbe addirittura intendere come momenti di meditazione atto a catalizzare l’energia che poi esploderà nella realtà fisico. Nelle esibizioni dal vivo, appunto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Daniele Brusaschetto - Fragranze Silenzio (Bosco/Sincope/Bar La Muerte/Chew-Z, 2010)

Uscita di fine anno per uno dei "best kept secret" italiani... ma si tratterà realmente di un segreto? Daniele Brusaschetto…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Le Mal d’Archive - La Chanson De Mai (Autoprodotto, 2009)

Gruppo napoletano di nascita ma francese d’adozione, non credo solo nella scelta del nome e nella suggestione della lingua utilizzata…

15 Sep 2009 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Murmur Mori - La Morte Dell'Unicorno (Casetta, 2018)

La prima cosa che si nota del nuovo disco dei Murmur Mori è il suo essere un lavoro ormai maturo:…

05 Jul 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

The Martha’s Vineyard Ferries - Mass. Grave (Africantape, 2013)

Da una battuta tra amici nasce il nome di questo trio formatosi quasi per caso e composto per i due…

09 Jan 2014 Reviews

Read more

Pablo Montagne/Giacomo Mongelli - Crudités (Setola Di Maiale, 2011)

Nuovo disco per Pablo Montagne e Giacomo Mongelli, nuovamente su Setola Di Maiale e nuovamente gran bel lavoro anche se…

28 May 2011 Reviews

Read more

Buffalo Grillz - Manzo Criminale (Subsound, 2012)

Grind ad alzo zero, una linearità di esecuzione ed una fantasia negli arrangiamenti pari a quella di un gibbone chiuso…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Ultrasonic Bathing Apparatus (Sincope, 2015)

Un rollio di basse frequenze capace di spaccarvi i woofers apre Ultrasonic Bathing Apparatus di Simon Balestrazzi, uno dei musicisti…

11 Jan 2016 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L'Arca…

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche…

13 Jan 2017 Reviews

Read more

Sutt - Elementer (Sincope, 2014)

Uscita perfettamente nelle corde dell'etichetta Sincope: i Sutt infatti sono un duo fuori dalla norma che tra improvvisazione radicale furente,…

17 Apr 2015 Reviews

Read more

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - New Liberalistic Pleasures (Unhip,…

I The Death Of Anna Karina  sono dei provocatori. Basta vederli sul palco, basta ascoltare le dediche a M. Placanica.…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top