[mumble]³ – S/T (Autoprodotto, 2010)

Mumble Mumble Mumble (così si legge il nome [mumble]³ ) arrivano in tandem da Torino, ancora una volta basso/batteria senza voce. Il disco, registra in presa diretta, è diviso in due parti, la prima con quattro pezzi "veri e propri" (così li definiscono loro), la seconda con tre improvvisazione e vede al missaggio e mastering il leggendario Tino Paratore, che i reduci ella scena HC sabauda (e non solo) conosceranno certamente.
Non è una bella cosa da dire di un gruppo con un nome così cerebrale, ma le tracce più pensate sono di gran lunga le meno interessanti. Saranno forse i titolo massonici a portare sfiga, ma P1, P2, P3, P4 non vanno al di là del solito basso ultradistorto alla Zu e batteri ipercinetica, con pezzi compressi in tempi piuttosto brevi. Non che siano malfatti, ma di queste cose francamente non se ne può più e non da oggi. Tutto si ribalta nei successivi tre pezzi, forse anche grazie all'ingresso di un polirumorista che si cimenta con voce, bottiglie vuote, tubi corrugati flessibili: pur conservando l'attitudine lo-fi e la ruvidità di fondo, i volumi si abbassano e i tempi dilatano. In A1 un basso gorgogliante su un tappeto di piatti vibranti va alla ricerca dei giusti giri, come un vecchi motore che fatica ad avviarsi; la batteria sembra assecondarlo per un breve tratto e si ha l'impressione che possa venire fuori qualcosa di strutturato, ma è un fuoco di paglia. Si chiude con un nulla di fatto, ma l'intelligente orchestrazione del pathos tiene vivo l'interesse fino alla fine. T1 è un pezzo più dritto e tutto sommato interlocutorio che fa da apripista al blues scarno e notturno di A2, la vera perla del disco. Un basso pulito ma che di tanto in tanto sale fin quasi ai limiti della saturazione, battiti e suono come di maracas metalliche (?!), voce che intona una melodia disturbata per poi farsi sussurro quando la canzone si rarefà ulteriormente, con un accenno di percussioni discontinue e solo le quattro corde a tenere la rotta. A mio modo di vedere è decisamente questo il percorso più produttivo per il gruppo. "Improvvisare, adattarsi e raggiungere l'obiettivo", direbbe Gunny Highway.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Enchanted Realm - Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati…

12 Sep 2008 Reviews

Read more

Rue Royale - Remedies Ahead (Sinnbus, 2013)

Il duo anglo-americano Rue Royale, coppia anche nella vita, con Remedies Ahead è al suo terzo lavoro prodotto attraverso una…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky,…

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live.…

13 Dec 2013 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Kc (Wallace/Phonometak/Paint Vox/Brigadisco, 2010)

Credo che ci siano dischi e gruppi interessanti, lavori ben fatti e lavori che per quanto piacevoli finiscano per essere…

16 May 2010 Reviews

Read more

Nevroshockingiochi – Scena 2 (Onlyfuckingnoise/Neon Paralleli/HYSM?/Il Verso Del Cinghiale…

Quando sulla loro pagina avevo letto l'autodefinizione art-rock, instintivamente avevo messo mano alla fondina, non credo si ci sia bisogno…

16 Oct 2013 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

Panser - S/T (Autoprodotto, 2010)

Che immenso piacere sentire che la Norvegia non è solo croci rovesciate e salame d’alce affumicato. I Panser (Oslo)…

09 Jun 2011 Reviews

Read more

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Child Bite - Vision Crimes (Joyful Noise, 2013)

I Child Bite sono considerati la miglior band live di Detroit. In otto anni di carriera hanno cambiato diverse formazioni…

13 May 2013 Reviews

Read more

McKenzie - Ep (Black Candy/La Lumaca, 2016)

Per certi versi potremmo definire questi giovani calabresi i Mclusky di casa nostra anche se, musicalmente, non siamo esattamente sulle stesse coordinate…

07 Dec 2016 Reviews

Read more

Fossil Aerosol Mining Project - August 53rd (The Helen Scarsdale…

Fossil Aerosol Mining Project uscì con due cassette a fine anni ottanta, per poi ricominciare nel 2004 pubblicando parecchi dischi fino a questo…

13 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top