MU (Gian Luigi Diana, Jimmy Johnsen) – S/T (Setola Di Maiale, 2011)

UIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l’immaginazione di molti musicisti, se, dopo Level 7 di Maria Jikuu, ci capita fra le mani questo disco del duo italo-americano composto da Gian Luigi Diana, qui all’opera con chitarra ed elettronica e dal batterista Jimmy Johnsen, ispirato agli stessi eventi.
I MU, questo il nome scelto dai due, non fanno proprie le istanze anti-nucleari come la musicista giapponese, ma si concentrano sull’evento naturale e sulle sue conseguenze, cercando di tradurne in suono la terribile potenza attraverso otto libere improvvisazioni per chitarra, elettronica, batteria e fugaci inserti vocali. Per raggiungere il risultato i due si servono   di una grande quantità di linguaggi, svariando a tutto campo entro gli ampi confini del free: l’iniziale Tsunami è giocata su un’elettronica spigolosa, la successiva Evacuation Route occhieggia al jazz, le seguenti composizioni optano generalmente per un chitarrismo di ascendenza blues elettrico, dove la furia strumentale viene arginata continuamente da brevi sequenze melodiche, passaggi psichedelici, minimalismo in odore di glitch. È Diana a sbizzarrirsi maggiormente con la sua tavolozza di suoni, ma fondamentale per tenere insieme un album che altrimenti rischierebbe un eccesso di eclettismo è il lavoro dietro alle pelli di Johnsen: il suo batterismo mobile e timbricamente vario, coerente nell’essere assolutamente libero da ogni schema, fornisce un tessuto perfetto per le incursioni dell’italiano. Essendo l’intento dichiarato quello di rappresentare l’imrovviso rilascio di energia rappresentato dallo tsunami, il duo non indugia in atmosfere cupe ma, come un elastico che viene teso e rilasciato, alterna momenti di furia liberatoria a passaggi di quiete non privi di lirismo. MU percorre la classica via dell’improvvisazione strumentale con freschezza e brio, senza cedimenti e regalando anche un ascolto piuttosto piacevole, che potrebbe appassionare le frange di ascoltatori rock più aperti e curiosi.

www.gldianamusic.com

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Circle Takes The Square - Decompositions: Volume Number One (Gatepost,…

Sarebbe ingenuo e anche un pochino arrogante non leggere l'attuale crisi, finanziaria ma anche valoriale, come una fase particolarmente dispersiva…

06 Jun 2013 Reviews

Read more

Robert Lowe: la natura psichica dei licheni

Robert Lowe è recentemente assurto a una pur relativa notorietà grazie alla vicinanza con le doom star Om. In realtà…

27 Oct 2012 Interviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

LvQ – (Y) (Autoprodotto, 2009)

Il passo più duro è stato mettere il CD nel lettore, superando la paura di trovarsi davanti all'ennesimo gruppo di…

27 Nov 2009 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 35 (25/06/15)

Puntata numero trentacinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo alle prese con due etichette molto gradite…

28 Jun 2015 Podcasts

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top