Monsieur Gustavo Biscotti – S/T (6X6, 2008)

Era cosa impensabile, anche solo poco tempo fa, trovare a Mantova quattro musicisti interessati a sviluppare un progetto non banale e slegato dai facili modelli alternativo-MTVniani imperanti in provincia. Ora invece, grazie anche all'impegno di realtà quali la 6×6 Records e ai pochi posti che si sforzano di dare un palco ai gruppi più meritevoli, può accadere e i Monsieur Gustavo Biscotti, sebbene gravati da un nome che contribuisce a raggelare ulteriormente il già freddo inverno, si accreditano come punta di diamante di una scena locale che mai come oggi si dimostra attiva e in salute.
La formazione che scende in campo è insolita: due bassi, tastiere e batteria; non fosse per la totale assenza del cantato mi lascerei andare a spericolati paragoni coi Cop Shoot Cop. È invece un riferimento che calza solo parzialmente, più per la capacità di ordinare un discorso musicale lontano da quegli estri gratuiti che troppo spesso contraddistinguono i gruppi strumentali con assetto anomalo, che non per effettive analogie stilistiche. I sette pezzi del CD spiccano infatti per la scrittura accurata, che incanala la veemenza delle otto corde e la forza entro quadrate strutture percussive; sta poi ai synth, sapientemente dosati, dare quel po' di melodia che completa il tutto. Semplificando, possiamo identificare due tipologie di brani: quelli più lineari, caratterizzati da un groove pesante a cui la tastiera dona inedite coloriture, vagamente anni '70 e quelli più movimentati e complessi, debitori tanto dei Neurosis quanto delle uscite più "math" dell'Hydrahead, che si sviluppano fra momenti di stasi e sfuriate trattenute a fatica. Trait d'union fra queste due anime è la lunga My Holiday With Billie Holiday Will Never End (da un gruppo con un nome del genere che titolo potevate aspettarvi?): violenta partenza post-core, lungo passaggio "ambient" centrale che fa convivere synth e corde effettate, finale in crescendo coi due bassi che avanzano a fatica sull'orlo del caos. Musica soul per anime metal.
A dispetto dell'assetto strumentale, apparentemente limitante, sono molte le possibilità che si aprono davanti al quartetto: se sapranno sviluppare quanto di buono ci hanno fatto sentire, ne vedremo delle belle.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Babau – Papalagi (Arte Tetra/Narvalo, 2015)

Arte Tetra, piccola etichetta marchigiana devota al nastro magnetico (ha in catalogo non solo cassette ma anche un VHS) si…

16 Sep 2015 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Earth + Mount Eerie + Ô Paon – 24/03/12 Auditorium…

Al quarto tentativo, dopo vari spostamenti di sede dovuti al terremoto di febbraio, finalmente la rassegna Sound Canvas riesce ad…

06 Apr 2012 Live

Read more

U.S. Girls + Father Murphy - 07/01/09 Arci Kroen (Villafranca…

Portarsi sul posto in anticipo per poter gustare un buon pasto nella trattoria all'interno del Kroen è certo il modo…

22 Feb 2009 Live

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Tomografia Assiale Computerizzata - Senza Titolo (Sometimes, 2011)

Più conosciuti come T.A.C., i Tomografia Assiale Computerizzata rientrano a pieno titolo nei gruppi leggendari dell'ondata sperimentale della musica italiana.…

05 Oct 2011 Reviews

Read more

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent Remixes (Western…

É la seconda volta che mi trovo a recensire un disco di questo gruppo americano per Sodapop, nel primo caso…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

Live Footage - Doyers (Autoprodotto, 2013)

Topu Lyo e Mike Thies da più di cinque anni servono la scena di New York City con la loro…

18 Jul 2013 Reviews

Read more

Viridanse - Gallipoli 1915 E Le Altre Storie (Silentes, 2012)

Non suona affatto bizzarro il recupero della discografia completa dei Viridanse, in un'epoca in cui il suono new wave è…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer.…

21 Mar 2019 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top