Mombu + Monsieur Gustavo Biscotti – 25/03/11 Arci Tom (Mantova)

Dopo aver apprezzato il disco stavo tenendo d'occhio le date del duo composto da Luca Mai (Zu) e Antonio Zitarelli (Neo), rassegnato a farmi un bel po' di chilometri per poterli vedere dal vivo. Invece, a sorpresa, ecco l'arci Tom dare ai Mombu un palco e a me una trasferta di raggio molto più corto del previsto.
Fanno da valletti ai due gli indigeni Monsieur Gustavo Biscotti, che inserito ormai il chitarrista, stanno cercando di ridefinire la direzione musicale, buttando sul piatto dilatazioni di matrice neuro-isisiana, veementi chitarrismi molto psych e sequenze cantate quasi rock'n'roll. Se le parti post-core sono ormai avulse dal contesto musicale e mgb_arci_tomonestamente piuttosto noiose, le altre due, sebbene ancora non coese, lasciano immaginare future, felici commistioni, trattandosi tra l'altro di rock'n'roll e furia strumentale chiaramente ab-normal, per via dell'anomala formazione a due bassi contro una sola chitarra. Il risultato è un concerto altalenante, con momenti inconcludenti ed altri maggiormente riusciti, che gettano semi per il futuro. Speriamo germoglino. Quando i Mombu si accomodano sul palco ho solo il tempo di notare come il batterista, paffuto e barbuto, assomiglia a un orsacchiotto, che questo prende a picchiare sulle pelli peggio di un fabbro, facendo venir meno qualsiasi illusione di tenerezza; Luca Mai, barba mefistofelica e sax baritono, gli va dietro di par suo e la danza ha inizio. Oddio, in mombu_arci_tomrealtà più che ballo è una continua vibrazione, tanto che la mia giacca, inopinatamente appoggiata su un subwoofer, striscia per due volte fino a terra; la terza, rassegnato, la lascio lì. I Mombu dal vivo sono gli stessi del disco, però diversi: sacrificano le sfumature in favore di un impatto frontale, scelta intelligente visto la ristrettezza della formazione; insomma, se vostro papà è un appassionato di jazz il CD potreste farglielo ascoltare, ma evitate di portarlo al concerto. Non di sola brutalità comunque si tratta e nel corso del concerto alle parti che per lo spirito di moderno tribalismo metallaro mi richiamano i Sepultura di Roots, se ne alternano altre più "vivibili", con assoli dei due strumenti e della kalimba di Mai, o passaggi quasi elettroacustici con scratch generati sfregando e percuotendo il sax con le mani. Tuttavia i momenti migliori sono quando si evocano emozioni viscerali, psichedelia tribale esaltate dalle poliritmie e dal sax, a volte sferzante, altre suadente: un po' ci si agita, un po' si viaggia col pensiero. Il tutto si conclude entro una mezz'ora, breve nella percezione, ma molto intensa. Non potevamo chiedere di più.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orfanado – Iter (Sound Of Cobra, 2011)

Piccoli noiser cambiano pelle, almeno temporaneamente, in questo progetto che coinvolge gente impegnata anche con In Zaire, Lago Morto, G.I.…

23 Dec 2011 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti Ramon Moro - I Cormorani O.S.T. …

Interessantissima colonna sonora per un film che, indubbiamente per storia e location, non sarà facile scovare nei cinema, ma che…

27 Jan 2017 Reviews

Read more

Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo…

17 Jun 2015 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Export For Malinconique (Recbedroom, 2008)

Il titolo dell'album chiarisce immediatamente il concetto, il perno su cui ruota il disco, il centro di gravità permanente, la…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Erdem Helvacıoğlu, Şirin Pancaroğlu - Resonating Universes (Sargasso, 2011)

Nuovo capitolo per Erdem Helvacıoğlu, inarrestabile compositore turco che si muove fra musica colta e colonne sonore. Per chi di…

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Menace Ruine - Cult Of The Ruins (Alien8, 2008)

Il rock non è ancora deceduto. Forse non gode di ottima salute, forse è destinato a diventare lingua morta,…

26 Dec 2008 Reviews

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Gandhi's Gunn - The Longer The Beard The Harder The…

Il secondo tragico disco (per citare Psichofagist) è sempre un ponte di corde che o fa cadere nel baratro oppure…

23 May 2012 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top