Mir – S/T (Wallace/A Tree In A Field, 2009)

Qualcuno quest’estate mi ha parlato bene di questo trio e me l’ha presentato come un “gruppo alla Zu”, ovviamente con gli Zu non c’entrano una sega (al più condividono alcune influnze), ma resta che si tratta di un disco davvero bello e con due o tre richiamini a cose che inspiegabilmente hanno finito per essere tronchi morti di certa musica pe(n)sante. E’ triste pensare che ad Europa unita, con il mondo così globalizzato non sappiamo nulla dei nostri vicini di casa (o forse non è triste ma è proprio causa di questo?) eppure è così e un po’ lo è sempre stato, infatti è accaduto che la svizzera abbia dato i natali a più di un gruppo sulla cui validità c’è poco da discutere, per ciò che concerne i Mir direi che riprendono proprio là da dove i Goz Of Kremeur e gli Alboth! hanno lasciato.
Se a ciò aggiungete influenze come i God ed i The Flying Luttenbachers (Weasel Walter ha curato il mastering) buona parte del quadro è dipinta, ma vi assicuro che nulla sarebbe più ingiusto che fermarsi a queste influnze. I Mir infatti hanno un suono omogeneo, a suo modo “svizzero” e che seppellisce parecchie formazioni rock-sperimentali, rock-industriali, free-jazz-core che girano in questo momento. Tempi ripetitivi su giri di basso fra primi Swans e God, batteria solida ma non quadrata come Vinnie Signorelli, tastiere, synth, effetti e chitarre dosati con parsimonia, diversificando il suono senza per questo produrre l’effetto compilation di chi vuole mettere troppa carne al fuoco: questi svizzeri hanno le idee parecchio chiare e si sente. Atmosfere fra il nebuloso ed il plumbeo, ma visti alcuni dei riferimenti mi sembra il minimo di quello che ci si possa aspettare. A tratti ci sono scorie di kraut andato a male incubi degni di uno un territorio soffocato dalle montagne (in fin dei conti HR Giger viene da lì o no?!). Rottami e rimasugli di rock industrialie come la facevano nei giri di etichette seminali come la Permis De Construire Deutschland (http://www.discogs.com/label/Permis+De+Construire+Deutschland), disco registrato dal vivo con un retrogusto di “vecchio”, ma solo retrogusto, infatti il disco è perfettamente ambientato nel nuovo millennio e viaggia su dei livelli che molti gruppi del genere non riescono neppure ad immaginare nei loro sogni più bagnati. Davvero sorprendenti: leggeri come il crollo delle Twin Towers, luminosi come un bosco in una notte senza luna e lividi come un cadavere dopo un pestaggio. Disco interamente registrato dal vivo, cosa che mi fa sperare di vederli in tour o presto o tardi… uno dei dischi dell’anno.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Bad Powers - S/T (The End, 2012)

Un' atmosfera palpabilmente febbricitante ammanta questo esordio tutto nuovaiorchese. Infatti dalle ceneri ancora fumanti dei Made Out Of Babies (tre…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Andrew Quitter/Nick Hoffman - Nu Grotesque (Diazepam, 2013)

Collaborazione tra Andrew Quitter e Nick Hoffman sulla nostrana Diazepam di Mauro Sciaccaluga. Quitter aveva già inciso una bella cassetta…

10 Mar 2014 Reviews

Read more

OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui…

10 Jan 2009 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Built To Spill - You In Reverse (Warner Bros, 2006)

Premesso che qualsiasi uscita sotto questo nome andrebbe acquistata a scatola chiusa (compreso il tanto criticato Ancient Melodies Of The…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Sean Noonan Pavees Dance - Tan Man's Hat (RareNoise, 2019)

Seconda uscita per l’ensemble Pavees Dance capitanato dal batterista di lungo corso Sean Noonan, un cantastorie moderno che, come evoca…

02 Jul 2019 Reviews

Read more

New Jooklo Age – 16/11/10 Circolo Creassant (Brescia)

È ancora il Creassant, nel mortorio omologato della tanto a sproposito decantata scena bresciana, a offrirci una serata di musica…

07 Oct 2010 Live

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Atlantic/Pacific - Meet Your New Love (Arctic Rodeo, 2010)

No amici, non si tratta di uno split, ma del nome per il progetto scelto da Garrett Klahn già in…

07 Sep 2010 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top