Micah P. Hinson – 16/07/10 Verona Folk Festival (Bovolone – VR)

Nel cartellone di quello che è certamente il festival peggio pubblicizzato della storia si poteva scorgere, fra i nomi della ahinoi rediviva Ginevra Di Marco e dell'insopportabile zingaro Goran Bregovich, quello di Micah P. Hinson, in programma nel parco della villa comunale di uno sperso paesone della media provincia veronese. Scopertolo in extremis, ci muoviamo senza indugio.
Preceduto da un terzetto siculo di cui ho prontamente e non casualmente scordato il nome, il giovane musicista originario del Tennessee si presenta privo dell'annunciata band, armato solo di una chitarra ascellare; il pantalone stretto e alla caviglia, le bretelle, gli occhiali da nerds, lo fanno assomigliare a una versione candeggiata dello Steve Urkel di Otto Sotto Un Tetto. Presentandosi, spiega la solitudine adducendo agli impegni familiari e ai problemi con la legge di alcuni membri dei Pioneer Saboteurs; sarà loquace per tutto il concerto, forse nel tentativo di superare un evidente nervosismo che all'inizio segna l'esibizione, fra canzoni abortite sul nascere a causa di tonalità sbagliate ed esecuzioni non propriamente da manuale. Poi, probabilmente anche grazie alle sigarette fumate alla frequenza di una ogni due canzoni, il concerto ingrana. Nello scarno arrangiamento per sola chitarra acustica e voce i pezzi perdono inevitabilmente l'atmosfera noir delle incisioni, ma se possibile si fanno ancor più dolenti, compensando con una maggior emotività micha_p._hinson_e_signora_bovolonel'assenza del supporto strumentale. Non sempre la solitudine è un male: impossibilitato a giocare coi modelli come capita nei dischi, emerge un Hinson più vicino a… sé stesso. Certo, i riferimenti alla tradizione si sprecano, dalla chitarra guthrieana alla cover di John Denver, ma la somiglianza più evidente, sottolineata sul finale anche da un duetto con la moglie, è quella col Johnny Cash maturo; se chiudiamo gli occhi parrebbe averlo lì e fa un po' specie vedersi di fronte un ragazzo di neanche trent'anni. Altro vantaggio che compensa l'assenza della band è che le canzoni sono inevitabilmente più corte, così nell'ora e mezza prevista (si deve tassativamente chiudere a mezzanotte) ne stanno stipate parecchie e dietro ogni angolo può nascondersi una perla, come nel caso di una scarna Seven Horses Seen la cui melodia non perde un oncia di bellezza, o di una Diggin' A Grave richiesta a gran voce dal pubblico e prontamente eseguita. Poi l'ora fatidica scatta e il concerto finisce; non si capisce perché l'house sparatissima del bar di cafoni che sorge poco lontano e che per un po' ha disturbato la serata, attirandosi l'ironia di Hinson, possa continuare, ma sono misteri che è meglio non indagare. Ce ne andiamo mentre il ragazzo di Memphis si intrattiene col pubblico a conversare e firmare autografi. Le prossime serate saranno appannaggio di Fiorella Mannoia, Davide Van De Sfross e dei due citati all'inizio. Noi non ci saremo, senza rimpianti.

(Foto di Elena Prati)

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more

Ovo + Nadja – The Life And Death Of A…

Due gruppi, quattro movimenti, un concept album: non uno split ma una collaborazione fra il duo canadese e quello italiano,…

07 Jun 2010 Reviews

Read more

Hunting The Beast – When Night Falls… (Hellbones, 2019)

Non cambierà la storia della musica questo When Night Falls…, nemmeno limitatamente al genere a cui appartiene. Non lascerà neppure…

08 Jul 2020 Reviews

Read more

Kleemar/Trus! - Banana Split (God Bless This Mess/Moonlee, 2013)

Era da un po' di tempo che non ascoltavamo musica proveniente dalla Slovenia: ci pensa lo split LP tra le…

03 Apr 2014 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top