Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno della musica indie-pendente dev'essere ben stipato, se orde di gruppi-zombi infestano i nostri palchi con tanta frequenza. Dopo Get Up Kids, Massimo Volume, Polvo e prossimamente pure Pavement, stasera è la volta dei Metroschifter da Lousville, Kentucky, reparto geriatrico. Piuttosto noti a metà dei '90, sono tornati quest'anno con un album appena dignitoso che ora viene supportato da una decina di date in giro per l'Europa. Forse non è felicissima l'idea di mettere in apertura quegli spietati macellai dei Lucertulas: al di là delle differenze di genere, sono pochi i gruppi in giro che possano permettersi di avere i tre veneti come spalla senza rischiare figuracce. Nell'acustica finalmente buona dell'Interzona, che per la prima volta mi fa sentire distintamente la voce del bassista, le nuove canzoni, meno caotiche, senza perdere potenza e tensione, emergono in tutta la loro forza. Oltretutto, la maggior disciplina della sezione ritmica valorizza le doti del chitarrista ciabattato, che svaria da violente sferzate a fraseggi quasi melodici, sempre con grande pulizia. Pochi minuti di concerto per loro, insufficienti a saziarci ma bastanti a trapanarci le orecchie e farcele fischiare fino all'ora di tornare a casa. Ed ecco i Metroschifter. Dal loro metroschifter_live_metroschifter_live_metroschifter_live_periodo d'oro, era circa il '97, il bassista sarà ingrassato di 20 chili, attestandosi intorno a quota 150, il batterista è cambiato e Scott Ritcher, voce e chitarra, si è pelato e rinsecchito. Al tempo avevano, ricordo, anche un secondo chitarrista, ma deve essersi perso per strada, o forse il bassista se l'è mangiato. Comunque sia, i tre imbracciano gli strumenti e iniziamo a gigioneggiare (lo faranno per tutto il concerto): brutto segno. Commento di una ragazza alla mia sinistra "Beh, sono anche simpatici". Già. Il problema è che sono solo simpatici e lo spettacolo, musicalmente, è imbarazzante: i dieci anni di inattività si sentono tutti, il tiro è pari a zero e le capriole da "preso bene" di Ritcher contrastano clamorosamente con il nulla che esce dagli amplificatori. Proseguendo le cose un po' cambiano, la coesione si fa migliore, il mix di pezzi nuovi e vecchi, con la prevalenza di quest'ultimi, galvanizza i fan di vecchia data,ma il suono è inutilmente appesantito, inadatto alla scrittura, il batterista sembra il fratello paralitico dell'originale e il gruppo, nell'insieme, sembra una cover band dei Fugazi meno ispirati. Concerto breve ed è l'unica nota positiva. Eppure c'è qualcosa di peggio; a concludere la serata, o ad aprire quella danzante, dipende dai punti di vista, è Publicist, one-man-band di Sebastian Thomson dei Trans-Am: progetto per batteria, synth cafoni e vocoder, a confronto del quale i Rockets sembrano i migliori Kraftwerk. Si salvi chi può…

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Secret Shame - Dark Synthetics (Taxi Driver, 2020)

Ottimo goth revival per questi giovani statunitensi della North Carolina. Sembra di aprire le polverose pagine di un Rockerilla del…

24 Nov 2020 Reviews

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Elasi - Oasi Elasi (EP Trident/Capitol 2022)

Oasi Elasi è il secondo ep di Elasi, 5 brani per un quarto d’ora abbondante di musica. Elasi è l'alias di…

15 Jul 2022 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Father Murphy + Lady Vallens – 25/01/2014 Arci Zerbini (Parma)

Il lungo tour che porterà i Father Murphy in giro per l’Italia e l’Europa a presentare il recente Pain Is…

31 Jan 2014 Live

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo Falascone – Variazioni Mumacs (Public Eyestore, 2014)

Variazioni Mumacs di Massimo Falascone, sassofonista con una lista di collaborazioni fitta come un elenco del telefono,  è un album…

21 Jul 2014 Reviews

Read more

Touché Amoré - Is Survived By (Deathwish, 2013)

Appassionato, sofferto e brumoso come questo primo scorcio di autunno. Arrivati al loro terzo disco i Touché Amoré, quintetto californiano…

11 Nov 2013 Reviews

Read more

Drink To Me - Don’t Panic, Go Organic (Midfinger, 2008)

Esordio ufficiale per i canavesani Drink To Me, dopo una serie di cd-r per la personale etichetta Stuprobrucio. Meno naif…

27 Apr 2008 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top