Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell’ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per quanto l’ascoltarlo resti un’esperienza piuttosto appagante, più interessanti ci appaiono le situazioni in cui il nostro varia la formula, come nella recente serie Japanese Birds dove si cimentava anche con la batteria, o quando si associa ad altri musicisti, come nel caso del disco in questione. Compagni d’avventura sono due star dell’improvvisazione europea: al sax baritono, clarinetto ed elettronica, lo svedese Mats Gustafsson, che credo non abbia bisogno di presentazioni, alla batteria Balazs Pandi, che già aveva collaborato dal vivo con Merzbow e che, da queste parti, abbiamo potuto fugacemente vedere in qualche uscita degli Zu post Jacopo Battaglia.
Il risultato di questa unione è meno sconvolgente di quello che ci si potrebbe aspettare: che si parli di noise, di jazz di confine o di rock, il free è per i tre un terreno comune, su cui si trovano ed incrociano gli strumenti come se si conoscessero da sempre. Così, all’infaticabile batterista spetta il compito di fornire le scansioni ritmiche, di velocità variabile ma abbastanza regolari, su cui lo svedese e il giapponese si affrontano con le rispettive armi. La partenza, a onor del vero, non è delle più memorabili: in Evil Knives. Lines. il sax è quasi completamente fagocitato dall’elettronica e gli inserti clarinetto incidono poco, dando vita a un noise con percussioni, compatto ma poco fantasioso, che si fa ricordare più che altro per il gran lavoro svolto da Pandi. Il pesantissimo mid-tempo di Deep Lines. Cuts. segue lo stesso copione, solo con Gustafsson che si ritaglia qualche spazio in più quando il noise cala d’intensità, mentre l’album svolta con la tensione splendidamente orchestrata di The Fear Too. Invisible.: un’infinita rullata di batteria si impone a fatica sul rumore e introduce un sax finalmente libero di agire e squarciare il tessuto di frequenze basse che fino a questo punto era stato predominante. Da qui in poi i tre dispiegheranno al meglio i loro strumenti e sarà un crescendo, con gli oltre venti minuti di Like Razor Blades In The Dark e la conclusiva Like Me. Like You., dove le sofferte melodie di Gustafsson convivono col cinico rumorismo di Merzbow, che in un paio di occasioni si ritrae addirittura sullo sfondo lasciando campo libero ai fiati. Non so se per un’opera del genere si possa parlare di chiusura in bellezza, ma è certamente il finale grandioso di un album da ascoltare con sofferenza e fede nell’effetto catartico che, un simile tour de force per le orecchie e i visceri, non potrà non avere.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Slagr - Dirr (Hubro, 2018)

Settimo disco nella discografia degli Slagr, Dirr è opera di questo trio norvegese che si muove lungo coordinate di minimalismo…

11 Apr 2018 Reviews

Read more

Benjamin Finger, James Plotkin & Mia Zabelka - Pleasure-Voltage (Karlrecords,…

La prima cosa che colpisce di Pleasure-Voltage è una certa austerità della produzione che inaspettatamente si sposa alla perfezione con…

28 Mar 2019 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Tristan da Cunha – Praia (DreaminGorilla, 2018)

Il duo Francesco Vara e Luca Scotti torna sul luogo del delitto a un anno dal disco d’esordio, riproponendo la…

14 Jul 2018 Reviews

Read more

Konakon – Ars magna (Vacancy, 2015)

Matteo Berghenti l’abbiamo incontrato nei Lady Vallens, duo di Parma che divide con un membro dei Lourdes Rebels; in Konakon…

03 Oct 2016 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Nimh/Mauthausen Orchestra - From Unalthy Places (Silentes, 2009)

Cari piccoli drughi, se recentemente avete scoperto che Maurizio Bianchi suonava la musica dei vostri eroi del rumore ancora prima…

27 Dec 2009 Reviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Chrome Division - Doomsday Rock 'n Roll (Nuclear Blast, 2006)

Ho deciso di dare una svolta alle recensioni di brutti dischi per non prendermi una patente pirandelliana.Con orgoglio posso dire che questo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Crows & Kittywakes & Come Again (Rev Laboratories/Aagoo,…

Seconda uscita per la sussidiaria più elettronica della Aagoo e secondo centro: Connect_icut in quaranta minuti riesce a mostrare tutte…

14 Mar 2014 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top