Meneguar – Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito finiscono dischi che hanno ricevuto recensioni su pochissime testate. Liste sincere ovviamente, non quelle dettate dal numero di pagine comprate dal distributore. Quasi mai, oberati da decine di dischi semi-inutili giunti in redazione, o a casa di Emiliano, si riesce a trovare il gioiello sconosciuto che ti accompagna per mesi e mesi. Non me ne vogliano i PR che mandano dischi a Sodapop ma, per il mio opinabile gusto personale, arriva tanta fuffa.
Peggio ancora succede con i gruppi in tour, di solito non capita spesso di pescare dal cilindro il jolly. E di solito i jolly non sono mai quelli su cui puntano i promoter italici. Caso a parte lo fanno pochi gruppi negli ultimi anni: sarò scontato, ma Japanther, Experimental Dental School, Death Sentence: Panda e questi Meneguar sono tra quei gruppi che avrò cari per un bel po'. Visti la sera del mio compleanno in una splendida occasione al Dauntaun del Leoncavallo, con una serie di gruppi non da meno, sono emersi a bomba tra gli altri, soprattutto per come hanno incendiato il loro concerto. Partiti timidi e impauriti dal crowd surfing praticamente continuo del capo della curva del '98, un individuo che risponde al nome di DJ Lake, hanno finito il set con loro stessi innalzati a camminare sul soffitto durante gli assoli… Ovvio che certe manifestazioni particolarmente riuscite ti influenzino il giudizio. Ho comprato il disco prima di scappare e tornare in città, sentendomi già colpevole per una scappatella fuori da Genova.
A qualche settimana dal concerto ho finalmente spacchettato il disco e… Sorpresa! Non esce mai dal lettore. Lo abbiamo messo ai concerti, ci è stato richiesto ai concerti, se avessi una radio l'avrei passato a schifo in tutte le occasioni. Sentito in cuffia, sentito lavorando, sentito dormendo, sentito guidando. E il gioiello si è mostrato in tutta la sua interezza: quasi quaranta minuti di indierock potente, attuale, melodico, veloce e intensissimo. Le canzoni, si finalmente canzoni, ti rimangono in testa dal primo ascolto, e rimandano ai primissimi Death Cab For Cutie per la voce, ma quelli prima della svolta intimista, e gli intrecci vocali agli Shins; il drumming potente richiama alla mente quello degli Unwound, le chitarre mi hanno ricordato certi passaggi degli in-die-menticati KillSadie. I raddoppi di voce, i cori, le melodie del basso, vagamente punkrock nel suo andazzo: tutto cospira a costruire quello che è sicuramente, per me, la scoperta dell'anno.
Quando a metà di Freshman Thoughts ti trovi a cantare a squarciagola, senza alcuna idea di quale sia il testo… Beh, in quei momenti sai di trovarti davanti ad un gran bel disco. "One by one we grow defenseless". E direi che depongo le armi anche io e me lo godo fino in fondo. Ora aspettiamo un paio d'anni per sondarne le doti di sempreverde: ho quasi un certo sentore che questo disco crescerà ancora.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Catlong - My Cocaine (Autoprodotto, 2008)

Tornano i cinque fantasy rockers lombardi Catlong. Questa volta con una ballad sbilenca e ubriaca, ma come al solito…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Elastic Society - Be Strong (Minus Habens, 2012)

Altro enfant terrible, Alberto Dati quanto il suo boss  Ivan Iusco torna sulla lunga distanza sotto l'incarnazione Elastic Society a…

08 Nov 2012 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top