Martyrdöd – Paranoia (Southern Lord, 2012)

Ultimamente pecco spesso di mancato tempismo: ascoltarmi questo “Paranoia”, ultima fatica degli svedesi Martyrdöd, nel pieno di una estate infernale non è stata cosa facile. Impensabile, e a tratti indigeribile, in quei giorni in cui sudavi ad aprire le palpebre, ascoltare il torrido, compresso, agghiacciante crust-core proposto dai nostri. Avere diluito i passaggi nel mio stereo mi ha permesso di sviscerare non solo il disco, ma anche il contesto entro cui si muove una proposta discografica del genere, uscita per la strombazzata Southern Lord. Partiamo da questo nuovo Paranoia: tirato, tiratissimo. Vecchia scuola svedese e inglese, d-beat a profusione, voce vomitata. Tutto da copione e fatto, siamo sinceri, anche molto bene. Qualche pezzo atmosferico, qualche giro che fa tanto Norvegia (diciamocelo il gruppo hardcore, e non sto assolutamente criticando la cosa, che suona con la maglietta dei Darkthrone è bello oscuro e accattivante). Un ottimo disco di genere però, quello che meriterebbe l’etichetta “For Fans Only”, che pecca però in alcune scelte: se di genere deve essere che almeno non pretenda di regalare pezzi da 5 o 6 minuti. La noia e la ripetitività sono dietro l’angolo. E se vogliamo qualcosa di non lontanissimo, beh, sempre sulla Southern Lord una band nostrana ha fatto un disco di più godibile e vario. L’etichetta americana da tempo pare aver aperto a questo tipo di sonorità, magari riverniciata e cromate per tirarle a lucido: una cosa positiva che permette di uscire dalle pastoie di una etichetta che a momenti induce anche il mio vicino di casa a sperimentare “drone” accattivanti, ma che potrebbe ricreare lo stesso effetto per di più su un genere meno dinamico e aperto e più “conservatore” come il crust-core. Volendo però uscire dal recinto dell’analisi socio-discografica, asfittica e fine a sè stessa, ritorniamo all’album: diretto, potente, spaccaossa. Per molti potrebbe bastare. Se siete consapevoli di cosa vi aspetta potrete trovare un dischetto godibilissimo.

 

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Music As A Second Language (Setola Di…

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal…

02 Aug 2007 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Adam McBride-Smith - Good And Gone (Autoprodotto, 2007)

La materia dell'Americana, più o meno rimaneggiato folk tradizionale degli States, mi ha sempre lasciato abbastanza interdetto. Mica ho mai…

07 Dec 2009 Reviews

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Prehistoric Pigs - Wormhole Generator (Moonlight, 2012)

Ferroso e macilento sludge nostrano che a passo incartato e moribondo procede per tutta la durata di questo esordio. Ogni…

25 Feb 2013 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Songs About Music (Wallace/North Pole, 2010)

Mr. De Leon qualcuno di voi se lo ricorderà per i Rollerball, come molti di voi sapranno questo è il…

16 Mar 2010 Reviews

Read more

Weltraum – Sy (Toxo, 2009)

A volte basta che uno recensisca due dischi o che suoni che dopo un viaggio ti ritrovi pieno di materiale…

29 Nov 2009 Reviews

Read more

Nora Prentiss - They Made Mistakes Too (Lizard, 2017)

Magmatico esordio per questi fiorentini ammaliati tanto dai King Crimson quanto dall'evoluzione della specie. I Nora Prentiss hanno talmente tante cose da…

12 Apr 2017 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Appliance - Re-Conditioned (RROOPP, 2010)

Etichetta interessante la RROOPP, si concentra su pochissime uscite, una all'anno e poi stampa un triplo cd di una formazione…

03 Nov 2010 Reviews

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Le Triomphe Dans L’Endroit De La Duperie (Eicool…

Terzo episodio della saga Eicoolsat e cioè una serie di installazioni che hanno per tema la fantascienza e il cui…

01 May 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top