Marnero/Si Non Sedes Is – Split LP (Bar La Muerte/Donnabavosa/Sanguedischi/Tdd, 2009)

Le “nuove scuole”, diventate vecchie, capita si riproducano alla maniera delle piante, così i semi di un certo hardcore che nelle nostre lande aveva dato ottimi frutti, germogliano anche a distanza di anni, tracciando nuove traiettorie e intraprendendo nuovi percorsi. Ne è testimonianza, fra le altre cose, questo split LP tra figli d’arte: i bolognesi Marnero, discendenti diretti dei Laghetto e i Si Non Sedes Is, legittimi eredi dei capitolini Concrete.

I primi, dal suono del gruppo d’origine, estrapolano e dilatano le parti a basso numero di giri, optando per un suono lento e compresso, memore di certe cose degli Ornaments, fatte le debite proporzioni. “Debite proporzioni” doverose, dato che l’impressione è che i Marnero, almeno su disco, vadano col freno a mano tirato: nelle parti più caotiche, nonostante il buon lavoro di batteria, non riescono a scalare come ci si aspetterebbe le vette del rumore, finendo per sminuire anche le parti più tranquille, che dovrebbero esaltarsi per contrasto. Da parte sua il cantato, che alterna il parlato, spesso filtrato, alla modalità urlata, si cimenta con testi non sempre in tono con la solennità con cui sono declamati: molto spesso la continua ricerca dell’assonanza o la reiterazione della parola richiama alla mente certa ironia in stile Uoki Tochi in un gioco che, data la differenza di stile, decisamente non funziona. Una prova interlocutoria.
Le cose cambiando decisamente girando il disco. I Concrete, chi li vide e sentì al tempo lo sa, sedevano alla sinistra di Lucifero; I S.N.S.I. dimostrano di poter aspirare a quella posizione. Riagganciandosi al suono dell’ultimo periodo del gruppo romano, dilatazioni post-rock di ritorno e cantato in italiano, lo sviluppano verso paesaggi più atmosferici che sfiorano i Neurosis del capolavoro Eye Of Every Storm, enfatizzando il lato hardcore della faccenda. La chitarra di Cristianone la fa da padrona, ma è la voce di Greg a sorprendere, a suo agio sia quando galleggia nella bonaccia dei pezzi in pulito, sia quando deve veleggiare sulle colate di metallo, scorticandosi le corde vocali. Chi ha amato il gruppo di Patior Ergo Sum e Nunc Scio Tenebris Lux ritroverà certe atmosfere, è innegabile che “l’effetto nostalgia” abbia il suo bel peso nella faccenda e che i nostri siano un gruppo che batte strade in qualche modo rassicuranti, ma lo fa benissimo, tanto che i S.N.S.I. danno diverse lunghezze ai Concrete che si coverizzano in Gvttae Sangvinis. La “rota de fero” è tornata a girare.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Fuh – Dancing Judas (Smartz/Escape From Today, 2010)

I Fuh vengono da Canale, Cuneo, Piemonte. E’ necessario specificarlo perché la geografia riveste una certa importanza in questo caso.…

18 Mar 2010 Reviews

Read more

Volcano! - Paperwork (Leaf, 2008)

Per un gruppo come i Volcano! è difficile aspettarsi certezze. Dopo aver mescolato tutte le carte dei generi, senza mai…

23 Sep 2008 Reviews

Read more

Sutt - Elementer (Sincope, 2014)

Uscita perfettamente nelle corde dell'etichetta Sincope: i Sutt infatti sono un duo fuori dalla norma che tra improvvisazione radicale furente,…

17 Apr 2015 Reviews

Read more

Callers - Fortune (Westernvinyl, 2008)

Qualche tempo fa avevo parlato positivamente dei Balmorea e rimanendo sullo strumentale-melodico credo che avessero fatto un buon lavoro, a…

07 Sep 2008 Reviews

Read more

Julia Kent - Green And Grey (Important/Tin Angel, 2011)

Torna col suo secondo disco solista la violoncellista Julia Kent, canadese residente a New York, ma in realtà cittadina del…

11 May 2011 Reviews

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more

Artimus Pyle - Fucked from birth (Prank, 2006)

Era da tempo che non trovavo gruppi più duri di Zappa che “…è più duro di tuo marito", capaci di…

26 Jul 2006 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Altieri/Balestrazzi/Becuzzi – In Memoriam Of J.G. Ballard (Old Europa Cafè,…

Altieri, Balestrazzi e Becuzzi tributano il maestro della letteratura inglese a tre anni dalla scomparsa e lo fanno tornando sul…

03 Dec 2012 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Boombox Borealis - Quiet (Kosmik Elk Mind, 2008)

È proprio vero che il bel gioco dura poco, infatti questa cassetta fa parte della serie di uscite della Kosmik…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Jackpine - Return To Zero EP (Wild Love, 2009)

Stavo per esordire dicendo che Return To Zero è lo stesso titolo di un album dei Man Or Astro-Man? ma…

17 Oct 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top