Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il vedere successivamente dal vivo alcuni dei gruppi di quel giro mi ha mai dato ragione di ricredermi. Non facevano ovviamente eccezione gli Hiroshima Rocks Around da una cui costola nasce però questo progetto davvero interessante. Il figuro incappucciato che si cela dietro al nome Mai Mai Mai lo avevamo incontrato all’ottava edizione Muviments mentre forniva la più improbabile colonna sonora a un aperitivo che si sia mai ascoltata e fa piacere ritrovarlo ora su vinile, in una dimensione certamente a lui più congeniale.
Novello dottor Moreau, circondato solo dai synth, effetti, microfoni e nastri, sintetizza una musica che non si può che definire industrial, ma che fortunatamente è priva di quella cappa greve e compiaciuta che oggi caratterizza la maggior parte delle produzione del genere. Theta resuscita lo spirito degli albori: in mezzo a quintalate di suoni sporchi e ritmi sintetici cogliamo beffarde melodie che si fanno strada illudendoci di poter guadagnare la ribalta per poi abbandonarci nel mezzo de caos; un gioco sottile di illusione e delusione che, anche nel suo ripetersi, dà sempre buoni risultati grazie a una scrittura attenta e rigorosa. A scanso di equivoci è giusto sottolineare come si tratti di musica non facilissima, caratterizzata da toni scuri e che viaggia sul filo del rumore, lasciando poco spazio alla facile fruibilità. Gli otto pezzi si caratterizzano tutti per un incedere meccanico piuttosto lento e per un suono sporco e granuloso, a cui si aggiungono di volta in volta recitati che ricordano i Laibach, campionamenti da fonderia e intricati ritmi sintetici alla Cabaret Voltaire, prima che si dessero anima e corpo al dancefloor. Cosa inusuale per dischi del genere e alquanto piacevole, frutto della citata qualità di scrittura, è il fatto che il disco sia ovviamente fruibile nell’insieme, ma che presenti brani godibili anche fuori dal contesto: a mio parere spiccano l’incidere lento del brano eponimo, Upnos con le sue poliritmie e la quasi wave Telos, ma ognuno, purché uso a simili sonorità, saprà trovare i propri preferiti.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Affranti/Sumo - Split (Smartz/Dizlexiqa/Klas/Sincope/Sonatine/Sonic Reducer/Minoranza/Renato, 2011)

Hardcore di quello buono. Tutto italiano nelle intenzioni, nelle emozioni fortissime e nella fratellanza. Le coordinate di riferimento sono…

02 Dec 2011 Reviews

Read more

Passe Montage - Oh My Satan (African Tape/Ruminance, 2009)

African Tape + Ruminance = math, post, free-rock? Ma certo che sì, la soluzione più semplice a volte è la…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Smart Cops - Per Proteggere E Servire (La Tempesta, 2011)

Inizia, continua e finisce tiratissimo Per Proteggere E Servire degli Smart Cops. Il quartetto, che nonostante i pochi anni di…

12 Feb 2011 Reviews

Read more

The Great Saunites – Nero (HYSM?/Neon Paralleli/Il Verso Del Cinghiale/Hypershape,…

L’opera al nero di The Great Saunites è un disco in tre atti che prosegue la cavalcata del duo lodigiano…

29 Aug 2016 Reviews

Read more

Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen…

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli…

13 Oct 2009 Live

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Maso Nero - News From Home (Taxi Driver, 2021)

Le persone per bene chiamano, al limite scrivono. Maso Nero non è una persona per bene. Per darci qualche nuova da casa…

05 Dec 2021 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

JesterN/Paolo Pascolo - H Bar (Dobialabel, 2012)

Il fisico Alberto Novello (JesterN) concepisce questo disco dal titolo pari alla costante di Planck: il tema del paradosso è…

02 May 2013 Reviews

Read more

Resurrecturis - Non Voglio Morire (Copro, 2009)

Speriamo che dopo una ventennale gavetta, con questo elegante digipack i Resurrecturis riescano ad rendersi visibili ai livelli che…

11 Mar 2010 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Papiro – Rise (Solar Ipse, 2019)

Marco Papiro lo ricordo bene alla chitarra degli svizzeri Mir, autori di uno splendido album omonimo - uscito per Wallace…

13 Mar 2020 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Dust Dive - Claws Of Light (Own, 2007)

"Everyday is an indie day" dove era Reagan per Biafra o Sid Migx, ad ogni modo quella è la materia…

13 Dec 2007 Reviews

Read more

Experimental Dental School / Eniac - Split CD (The Company…

Personalmente parlando, separando qualsivoglia più o meno lontano interesse nel propinare gli Experimental Dental School come grande imprescindibile band al…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top