Mai Mai Mai – 16/03/2014 Thimonnier (Verona)

Per ospitare la tappa veronese del piccolo tour l’associazione Morse si appoggia al Circolo Thimonnier, un ex tipografia riadattata a loft lavorativo, dove una schiera di macchine da cucire contribuisce a creare un’atmosfera magari non propriamente industriale ma certamente industriosa. Stasera in pubblico è meno numeroso delle volte precedenti, ma sono i rischi connessi al fatto di organizzare in provincia, lontano dalla logica dei gruppi che richiamano schiere amici e parenti. Rischi che vale la pena affrontare, credo che nessuno abbia dubbi su questo.
A tenerci compagnia prima dell’inizio è l’eclettico set per solo vinile di Dj Cash, metà del gruppo elettronico Thempelof; poi, nella mise curata da Canedicoda, si manifesta Mai Mai Mai: cappuccio a tronco di cono e tunica beige che lo rendono simile a un Elephant Man associatosi a qualche setta massonica, prende possesso dei macchinari analogici, nondj_cash_thimonnier_copy prima di aver acceso una candela a illuminare debolmente parte egli strumenti. Cosa si può chiedere di meglio a un’esibizione del trovare conferma di quanto già ascoltato su disco? Solo il riuscire a far cogliere qualcosa di ancora più profondo del mondo interiore del musicista; questo è uno di quei rari casi. Dal vivo quello che è il concept di Theta – un viaggio nello spazio-tempo che parte dall’Egeo, luogo natale del nostro, e arriva qui da noi – si dispiega davanti ai nostri occhi (e alle nostre orecchie…): aiutano certamente i visual di vecchi documentari in bianco e nero sulla vita dei pescatori del Mediterraneo, ma è prevalentemente il sentire il suono nelle viscere e sulla pelle che te lo fa comprendere appieno. All’inizio un rumore di legno scricchiolante e percosso dalle onde ci cala nell’immaginario marino, poi è un tutto un susseguirsi di battiti e frequenze che si incrociano e sovrappongo, ci colpiscono a ondate con angolazioni diverse, ci cullano e ci si rovesciano addosso. Non c’è pausa fra un brano e l’altro, solo repentine rasoiate che di tanto in tanto sanciscono un mai_mai_mai_thimonnier_1_copycambio d’atmosfera, da drone vorticosi a momenti di stasi drammatica e sempre rumorosa, sebbene si rifuggano gli effettacci al rumor bianco dei massimalisti del power noise. Questa di Mai Mai Mai è musica che avanza a fatica ma che, pur non concedendo nulla alla facilità d’ascolto, coinvolge con le sue cadenze ipnotiche che combinano le frequenze ondulate dei drone coi batti sintetici, a volte caratterizzati da timbri curiosamente legnosi. È difficile sfuggire all’immaginario marinaresco e la metafora più calzante mi pare essere quella di un sintetico viaggio di Ulisse, che ci fa esperire tempeste di rumore granuloso, momenti di pace quasi funerea, melodie lontane (che siano le sirene?), canti salmodianti di popoli misteriosi, suoni spettrali provenienti chissà da dove. Anche noi, come l’eroe omerico, ne usciamo sani e salvi, giusto un po’ straniti nel ritrovarci, placatasi la tempesta, non su una spiaggia ma fra le pareti del Thimonnier. E con Dj Cash ancora alla consolle, come se nulla fosse successo.

Foto: Collettivo C<

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mombu - Niger (Subsound, 2013)

Sempre a metà strada tra il divertissement e il "safari senza fucile", proseguono le sperimentazioni etno (?) industriali del duo…

17 Dec 2013 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Eagle Twin + Atomic Mold – 10/10/2018 Colorificio Kroen (Verona)

A me queste cose commuovono, c’è poco da fare. Vedere uno dei tuoi eroi di gioventù arrivare su un van…

17 Oct 2018 Live

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Castanets + Lazarus + Vincenzo Fasano – 17/10/09 arci Kroen…

Nel primo vero giorno freddo della stagione va in scena al Kroen una serata all'insegna del folk, proposto in diverse…

12 Nov 2009 Live

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Winfried Ritsch – Woodscratcher (God, 2013)

Bisognerebbe definirla musica concettuale, questa di Winfried Ritsch, se non fosse che il termine "musica" mi pare eccessivo: qualcosa di…

19 Jun 2013 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Invade (O.F.F., 2013)

Come per ogni oggetto volante non identificato che si rispetti, non so darvi alcuna notizia su questi Space Aliens From…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Taras Bul'ba - Secret Chimiques (Wallace,2008)

A volte ci sono dei libretti così strani che a fatica riesci a capire dove infilare il cd, un pò…

17 Apr 2009 Reviews

Read more

Paolo Ippoliti – Vanishing point (Nighthawks Tapes, 2008)

Paolo Ippoliti per inaugurare l'etichetta erede della Kosmik Elk Mind e della S'agita, punta su se stesso e così assembla…

28 Nov 2008 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

Makhno - Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete…

31 May 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top