Luigi Turra – Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si trattasse di un autore orientale. Per questo disco i primissimi riferimenti mi riportavano alla mente molta musica giapponese o a quella di alcuni autori che, vuoi per origine vuoi per cultura, da essa ha succhiato linfa vitale per alcuni lavori; in particolare parlo di Ikue Mori, Toru Takemitsu e Koji Asano. Propenderei per la soluzione più semplice, almeno per me che scrivo, e quindi posizionerei Turra al centro del triangolo dei miei Bermuda situato in una confluenza fra questi tre "prodi kamikaze" (come li appellava l'eroico Adolfo Celi in Amici Miei). Minimalismo zen del secondo millennio e quindi paratie ultrasottili di carta di riso, da cui l'unica forma a prende corpo sono strumenti più o meno tradizionali suonati a poche note e con una gran disciplina. Un gioco di ombre cinesi (alla faccia dell'Urlo Di Chen che ormai non fa più paura ai nostri futuri padroni) fatto con una pazienza certosina, in un'epoca in cui molti lavorano in addizione, Turra fa parte di quella corrente di musicisti che invece sottrae lasciando venire a galla solo il minimo indispensabile. Quand'anche si colori di field recording o di rumori elettroacustici, il disco rimane rigorosamente sobrio, formale ma per fortuna non impettito tanto da diventare tronfio; questo direi che è ciò che rende patitici molti lavori di questo ambito, per non parlare delle citazioni forzatamente colte di alcuni autori, ma qui sto divagando. Visto che si potrebbe pensare che si tratti di un disco la cui cifra stilistica sia puramente etnica, in realtà è musica più che mai contemporanea e se dovete inserirlo in una rastrelliera del negozio impilatelo fra contemporanea ed elettroacustica (per quanto ce ne sia poca) ed oltretutto credo che molti dei suoni siano campionati. E' importante che ciò che state sentendo sia risuonato o ricollocato grazie all'ausilio di un laptop invece che suonato? E' importante che si tratti di un compositore invece che di uno che magari si è avvicinato al genere grazie ad Aphex Twin o non in un conservatorio? Ma ciò che conta realmente è il suono ed il disco suona molto bene. Atmosfere rarefatte, alle volte dense senza essere sature e spettrali, sull'ultimo aggettivo metterei l'enfasi maggiore visto che l'essere spettrale è una delle caratteristiche portanti del lavoro di Turra. Sulla copertina di Enso compare la foto di quello che credo sia un angolo di un giardino zen, un'immagine più che mai appropriata per un disco del genere e quindi per l'ennesima volta tutti a seguire le parole di Lydon/Rotten: "this is what you want, this is what you get".

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Sqaramouche – Tutu (Nonine, 2011)

Concepito e ideato in Sicilia nell'estate del 2010, in un clima immaginiamo assolutamente rilassante, Künstler Geer Mussert aka Subsequent, produttore…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Ludmilla Spleen - Gennariello (Artista Anch'Io/Villa Inferno/Neon Paralleli, 2020)

Mi rendo conto siamo ad inizio anno e di cose ne potremo  ascoltare molte, ma ad oggi, senza indugio alcuno…

18 Feb 2020 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead…

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era…

28 Sep 2012 Live

Read more

Luigi Turra - Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si…

16 Nov 2007 Reviews

Read more

Elena M. Rosa Lavita & Samuele Innocenti - BBBB (Luce…

Bad Bare Black Bones. Bad: la connotazione che implicitamente diamo agli artisti potrebbe definirli come placidi o tormentati. Spesso questi estremi non dipingono la…

12 Aug 2022 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

St.Ride - Fuori (Niente, 2014)

Disco numero tredici, se non erro, nella copiosa discografia del duo genovese e primo nel formato doppio album: Fuori infatti…

13 May 2014 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top