Luciano Caruso/Luigi Vitale – Tripterygion (Aut, 2011)

Seconda uscita per la Aut, dopo l'esordio Kongrosian/Sabatin con il secondo disco mi sembra evidente che l'etichetta sottolinei come si tratti di una label jazz oriented anche se non esattamente in senso classico, o quanto meno come spesso viene concepito qui da noi (leggi: roba indolore ruffiana da "reazionari" marchettari servi dei servi dei servi). Tralasciato quest'ultimo sfogo da casa-lingua frustrata (o frustata… sempre che non si tratti di una masochista consenziente), sia ben chiaro che Luciano Caruso e Luigi Vitale non hanno nulla a che fare con i falliti, anzi in un certo senso ci consegnano un disco fruibile, interessante per quanto non si tratti di roba esattamente easy.
Il sax soprano ed il vibrafono si prodigano in una serie di evoluzioni molto eleganti e decisamente ben rifinite; il fatto che la produzione sia molto rotonda, per non dire gonfia, ammorbidisce ulteriormente il suono del duo. Non si tratta sicuramente di jazz molto solare, anzi è sicuramente quel tipo di musica che risente delle influenze marcate della musica contemporanea ma non solo, dato che in diversi passaggi dei due escono dei richiami ad una tradizione da seconda metà del Novecento. L'impasto sonoro si sviluppa su passaggi in cui il gioco preferito di Caruso e Vitale è lavorare in modo parallelo senza per questo perdersi nelle geometrie come se si trattasse di un'uscita "math". Infatti per quanto i due sappiano lasciarsi degli spazi e reggersi a vicenda invertendo i ruoli da strumento solista e d'accompagnamento, si muovono in molto sincronico. Pur avendo un suono ben definito e senza stare troppo a lavorare sugli effetti alcune tracce riservano delle sorprese, come ad esempio la suspance morbida creata in Chromis Chromis, o la blueseggiante Boops boops. La bellezza di questo lavoro sta nel fatto che i Caruso e Vitale senza doversi buttare sul banco mixer o su chissà quale soluzione dimostrano come si possano ancora combinare bene due strumenti "classici" purché le tracce siano rette da una serie di buone idee che ai due non sembrano mancare.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Nestor Makhno - S/T (Stella Nera, 2011)

Il nome del gruppo dedicato ad un personaggio come Nestor Makhno già da solo regalerebbe la mia stima al duo…

03 Jun 2011 Reviews

Read more

Iron Molar/Peacemaker - Split CD (Fucking Clinica, 2008)

Il nuovo parto della Fucking Clinica è gemellare, siamese e internazionale. Ad accompagnare il secondo passo degli Iron Molar nell'inferno…

23 Feb 2009 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - The Earth Cries Blood…

Era atteso da tempo il nuovo disco del toscano The Child Of A Creek; ora, a oltre due anni dal…

12 Jun 2013 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Lali Puna – Our inventions (Morr Music, 2010)

Penso che chi abbia amato, anche per un breve lasso di tempo, gruppi come Notwist, Mùm e i primi Belle…

19 Mar 2010 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Converge - Live At The BBC (Deathwish, 2014)

Nuovo 7 pollici per i paladini dell'hardcore più furioso e metallizzato: i Converge tornano a distanza di un anno e…

14 May 2014 Reviews

Read more

Peter Laughner & Lester Bangs - the famous Lester Bangs…

[Warning: questa recensione è apparsa su This Heart webmagazine, ma siccome non lo legge nessuno, la ripropongo. Perchè sì e…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top