Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per un locale che chiude (di recente Brescia ha sofferto la dipartita de Le Tits) ce n’è uno che torna a nuova vita, col nome mutuato dal vecchio Le Visionaire e una programmazione coraggiosa, che in questa serata uggiosa ci propone Luca Sigurtà e Gino Delia, nella data conclusiva del loro mini tour.
Per le strade della contrada del Carmine, ai margini del centro storico, c’è il deserto e anche il locale appare piuttosto sguarnito. D’altra parte quello di stasera è un discorso musicale difficile di suo e a cui il pubblico di Brescia, orientato su ben altri e più orecchiabili lidi, non è certo abituato: anche per questo proposte come quella di stasera sono più che mia necessarie. Pochi intimi, si diceva, ma il piccolo seminterrato dove si suona non potrebbe comunque ospitarne molti di più: ci si accomoda sui divanetti lungo le pareti, mentre Sigurtà, a un paio di metri di distanza, prende posto dietro ai macchinari, sistemati su un piano sostenuto da quattro fusti da birra. La porta insonorizzata viene chiusa e si è pronti a partire. E proprio di partire si tratta, perché da subito l’atmosfera rilassata e i loop suadenti suggeriscono immagini di spiagge esotiche e luoghi lontani, solo di rado disturbati da rasoiate di rumore che fanno sussultare la donna che mi è seduta a fianco. Sono il preludio, queste increspature a un addensamento dei suoni che cresce fino a sfiorare il rumore, senza però perdere un senso di ordine, contrapponendo alle immagini evocate in precedenza, quelle decisamente meno idilliache di un paesaggio industriale. Passata la burrasca è la melodia di un piano campionato a riportarci nuovamente alle atmosfere rilassate che caratterizzano il recente album Bliss, stasera ancor più valorizzate dal gioco di contrasti. Fin da subito ci appare chiaro come la pace nonLuca_Sigurt_2 possa durare a lungo e infatti il finale è in una gragnuola di rumore, stavolta sì davvero caotico, che sembra frantumarsi e rimbalzare per tutto l’ambiente, forzando i timpani finché Sigurtà non pone fine seccamente al tutto, restaurando il silenzio. Come di consueto non si oltrepassano i venti minuti, ma sono venti minuti intensissimi, in cui il musicista sfoggia una tavolozza di colori ampia come non mai. Personalmente è il miglior concerto che ricordi di lui; e pensare che la cosa più sorprendente della serata deve ancora arrivare. Di Gino Delia non avevo mai sentito parlare e non avevo avuto tempo di documentarmi: vado totalmente alla cieca. Finito il concerto di Sigurtà siamo tornati al piano superiore: è chiaro che qualcosa ha ancora da succedere, ma non è chiaro cosa, né dove il musicista possa esibirsi nei ristretti spazi del locale. Poi qualcuno dice “si comincia” e tutti si spostano verso… il cesso. Lì c’è un tipo, testa rasata e barba lunga, seduto sul water, che su un giro di chitarra ripetitivo recita “In the bathroom I spend 85% of my life”, ossessivamente. Già di per sé la cosa è straniante, ma si può ancora andare oltre: all’inizio ci sono state date alcune matite da trucco, la cui funzione mi era ignota. Solo io sono all’oscuro del rituale? Ad ogni buon conto è Sigurtà a rompere il ghiaccio, colorando le labbra di Delia mentre questi prosegue la performance. Da qui in poi è tutto un viavai di gente che entra nel bagno a istoriare il musicista, chi evidenziando l’attaccatura dei capelli, chi truccandogli un occhio, chi Gino_Delia_1disegnando un punto fra le sopraciglia. E lui continua a cantare, imperterrito. A me, di fronte a una simile e spietata autoanalisi, l’unica cosa che viene in mente è disegnargli un occhio nel mezzo della fronte. Qualcuno aggiunge qualche altra decorazione, l’esibizione prosegue per un po’, poi la chitarra tace, la voce intona per l’ultima volta il testo in solitaria, ed è finita. Non so bene che dire. Si è in quel territorio al confine fra la genialità e la cazzata, fra il senso profondo e il nonsense totale: ognuno la vedrà un po’ come vuole. È però notevole il meccanismo per cui, in una situazione così insolita, ci si senta più in imbarazzo a non partecipare che non il contrario. Insomma, una performance davvero particolare, che suggella una serata giocata su registri diversi, senza pregiudizi di genere ma all’insegna di uno spirito comune. Situazioni che dovrebbero accadere più spesso.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo – S/T 7" (Tarzan/Bar La Muerte, 2011)

Avevamo colpevolmente lasciato indietro questo dischetto che associa la voce di Stefania Pedretti/?Alos alla musica di Xabier Iriondo, due personaggi…

05 Sep 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - No Abiding Place (Afe, 2006)

Sebbene non si possa parlare di un who’s who della dark ambient, No Abiding Place comprende alcuni dei nomi più…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel…

03 Sep 2019 Reviews

Read more

Betzy – Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

Essere concepiti a New York, anche se poi si cresce in una valle alpina, è cosa che segna nel profondo.…

04 Jan 2010 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more

Belp - Hippopotamus (SVS/Schamoni Music, 2018)

Il tedesco Sebastian Schnitzenbaumer è attivo dal 2013 con il monicker Belp e produce musica elettronica principalmente per la sua…

19 Jun 2018 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Your Intestines - Untitled (Pink) (Black Petal, 2008)

Quando nel mio negozio preferito di dischi, il mitico Sunshine and Grease a Melbourne, mi sono affidato a Pat (non…

02 Nov 2010 Reviews

Read more

Paolo Monti - Di suoni, moti e persone

Già prima dell'ascolto e della recensione (recente) di We Were Never One macchinavo con i vertici di Dissipatio label una chiacchierata…

12 Sep 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top