Lonius – S/T (Setola Di Maiale, 2008)

Un sax tratteggia una melodia jazz, note si rincorrono, si perdono, si ritrovano, sembrano abbozzare una melodia. Sotto, in un crescendo di mare in tempesta, si accavallano suoni, rumori, oggetti percossi, sibili, che sembrano rubati al porto di Genova, tra le navi vuote che aspettano i loro carichi, le onde che schiantano le chiglie e le incagliano ed il vento che si insinua tra i container vuoti e cigolanti. Comincia così, con Vonega, questa live studio recording di Lonius, trio 2/3 ligure 1/3 piemontese, che vede l'utilizzo e la combinazione di una strumentazione alquanto particolare. Al sax alto il gruppo affianca infatti un tavolo di marmo amplificato, varia oggettistica percussiva, microfoni a contatto e certa non meglio precisata effettistica elettronica. Il cd, fuori per Setola Di Maiale, contiene sei improvvisazioni, il titolo di ognuna delle quali è un anagramma della parola "Genova". Se da una parte i richiami al free jazz, nell'utilizzo del sax alto, sono inequivocabili, dall'altra l'effetto che produce il resto della strumentazione è straniante, in particolare quando, ai momenti più percussivi e in qualche modo ricollegabili di rimando a certo free, si intercalano gli inserti elettronici, davvero inintelligibili le fonti, inquietanti come "quel mare scuro che si muove anche di notte e non sta fermo mai" e dal sentore vagamente noise/industrial. L'ascolto del disco non è dei più semplici, richiede una certa predisposizione (d'umore più che altro), non fosse altro per quella cappa di inquietudine che lo attraversa, monolitica, come una spessa foschia ("lasciaci tornare ai nostri temporali, Genova ha i giorni tutti uguali"). Difficilmente incasellabile, non è puramente ambient, o jazz, o industrial, è certo musica improvvisata, ma non basta. Parafrasando un titolo del catalogo di Anatrofobia, è musica "pesa" e marginale.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Pepi Band – Panic (Lophophora Williams, 2011)

Formata per 2/4 dagli ex Twig Infection Enzo Pepi e Marco Caruso, e completata da Giuseppe Forte e Alessandro Formica,…

04 Oct 2011 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more

Tonaliens - S/T (Edition Telemark, 2018)

I Tonaliens sono una compagine musicale dal suono veramente alieno, basato tutto sulle variazioni microtonali ottenute con il programma Tuning…

09 Apr 2018 Reviews

Read more

Electric President - S/T (Morr Music, 2006)

Piccoli mostricciattoli crescono. Dopo le Ian Fays ti rendi conto che ci sono dischi che, passato un entusiasmo iniziale, si…

09 Oct 2006 Reviews

Read more

Black Eagle Child/Donato Epiro - Split LP (Blackest Rainbow, 2010)

Sarà l'inverno o tutta la roba senza senso o tirata che ho ascoltato ed ascolto, ma ogni tanto provo un…

01 Nov 2010 Reviews

Read more

Passo Uno - Il Passato Riemerso (Trazeroeuno, 2006)

Essendo uno che non ha nulla di meglio da fare, qualche tempo fa mentre curiosavo fra le pagine del sito…

05 Dec 2006 Reviews

Read more

Psyche - The Influence (Final Muzik, 2012)

Nella categoria recensioni minori o per "adepti del Goth" (esiste un gruppo nato dalle mie parti su fb con questo…

13 Jun 2013 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – 16/02/13 Carmen Town (Brescia)

Sfido chiunque a dire di non essere rimasto sorpreso nel vedere uscire, dal bozzolo del baco da pietra, il cagnaccio…

01 Mar 2013 Live

Read more

Antonello Cresti - Lucifer Over London (Aereostella, 2010)

Sarebbe ahimè troppo sostenere che questo libro, dall'eloquente sottotitolo di "Industrial, folk apocalittico e controculture radicali in Inghilterra", vada a…

15 Oct 2010 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Two sing too swing (Grey Sparkle…

Un album lungo vent’anni. Questo è per me il sunto dell’ultima fatica degli Sparkle In Grey che sono tornati con questo…

04 Nov 2021 Reviews

Read more

K-Branding - Alliance (Humpty Dumpty, 2011)

Giovani promesse crescono e vengono mantenute, proprio come nel caso di questi ragazzi belgi: ricordo di aver recensito il loro…

15 Apr 2011 Reviews

Read more

Putiferio: no fun no core no mosh no trend!

In un mondo ideale non dovrebbe essere necessario spiegare chi sono i Putiferio. In un mondo ideale chi scrive, inoltre,…

05 Jul 2010 Interviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor…

09 Jul 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top