Lili Refrain – 23/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Ancora una serata in Locanda (e stasera neppure piove!), ma vista la qualità e l'originalità delle proposte non posso davvero esimermi. Stavolta tocca a Lili Refrain da Roma, un album uscito di recente su Trips Und Traume/Three Legged Cat e concerti un po' in tutta la penisola, in contesti vari; non poteva quindi mancare nel posto che, in quanto a contesto, fa sicuramente categoria a sé. La musicista, tenuta all black e boa di piume attorcigliato all'asta del microfono, è tutto sommato meno scura e più comunicativa di quanto le immagini che girano in rete lascino intendere: bene così, un po' di calore si sposa bene ai colori del portico e la musica sottilmente malinconica sarà certamente intonata al primo giorno d'autunno.
Poche volte il palco è stato arredato in modo così minimale: gli strumenti in gioco sono una Telecaster, una loop station, la voce (poca) e dei cartelli (qualcuno, con frasi…problematiche, segni di punteggiatura e insetti!); tutto qui e davvero, a conti fatti, non si sentirà la necessità di altro. Una volta che Lili ha sistemato alcuni particolari tecnici, imbracciato la chitarra e illustrato la teoria dello Shippinghead (che non vi anticipo per non guastarvi la sorpresa quando avrete occasione di vederla dal vivo) si parte, immergendosi nel suono. Anche la musica questa sera riserva delle sorprese, o quanto meno delle sensibili differenze rispetto alle incisioni, un po' per necessità (l'assenza di un ampli adatto a supportare l'abituale strumentazione), un po', immagino, per scelta di assecondare il clima rilassato, quasi agreste del posto: c'è un minore influsso metal, meno toni stridenti, tutto sommato anche meno volume, sebbene i pezzi conservino la loro dinamica. lili_refrain_locanda Resta comunque musica densa ed energica, sempre suonata, lontana dai bordoni oggi tanto di moda e dalle noiosissime distese di delay che vagano per conto proprio e che ancora troppe volte ci capita di sentire; le stesse movenze di Lili, spesso piegata sullo strumento, testimoniano la visceralità di una psichedelia che trascina con vigore, più che cullare. Come capita in questi casi la canzone prende forma davanti a noi: un primo fraseggio viene cristallizzato in un loop e così è per il secondo fino a che sulla struttura, comunque mai eccessiva, si appoggia la chitarra live e la voce, a volte anch'essa "looppata" e che assume spesso il tono della lamentazione. Succede, quando la musicista è china a regolare gli effetti o concentrata per catturare il loop giusto, di cogliere riferimenti a musiche tradizionali, folk o rock, ma subito li si perde nel rimontaggio a strati che caratterizza le composizioni, salvo poi sentirli riemergere in forma di citazioni, come nel caso del tema de Il Padrino nel pezzo di chiusura (che nostalgia, quando ero un giovane rockettaro queste cose le faceva Slash…). Per farvi un'idea potete pensare a qualcosa fra Alexander Tucker e Harvestman, più rock del primo e meno…"core" del secondo ma che di entrambi coglie quel senso di musica ancestrale, verrebbe da dire quasi rituale. E come in ogni rituale che si rispetti il finale è catartico, coi volumi che si alzano e la chitarra, suonata in ginocchio, che stride, tributo al rock che tutto sommato, almeno dal punto di vista della forma, è stato tenuto lontano tutta sera: non ne abbiamo sentito la mancanza.
Per dovere di cronaca dirò che dopo Lili Refrain suonava Vittorio Cane, ma ammetto di averlo ascoltato solo con mezzo orecchio. Diverse buone canzoni, di cui almeno un paio che ti si attacca addosso dopo il primo ritornello, ma non so dirvi molto di più. Lo so, sono poco professionale, per fare ammenda andrò a sorbirmi un gruppo di emo 98 revival e scriverò una recensione di 4000 battute.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Low - Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest'estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l'uscita è…

08 Oct 2018 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Weight & Treble - Riddims 2010-2014 (CD Love Boat,…

Riddims, ritmi prodotti da Massimo Carozzi e Manuele Giannini, teste e dita pulsanti di alcuni fra i progetti più intriganti…

05 Jun 2022 Reviews

Read more

Le Pietre Dei Giganti - Abissi (Overdub, 2019)

Roccioso stoner di provenienza orgogliosamente eighties (Soundgarden) con sinuoso cantato in italiano. I ridondanti arrangiamenti chitarristici riducono un poco l'impatto…

09 Mar 2020 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Grotto Terrazza - Kalte Köstlichkeiten (Maple Death / Cut Surface…

Thomas Schaman, sciamano bavarese che confonde tiki bar con grotti ticinesi, reo e reiterato autore di uno space lounge pop…

21 Sep 2022 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top