Le origini documentate di una specie rumorosa

Tre brani clamorosi che anticipano nettamente la nascita del noise (così come lo percepiamo con le orecchie di oggi) ai primissimi anni sessanta. Roba di Robert Ashley, Pauline Oliveros e John Cage. Il bello è che, al puro ascolto, non c'è niente che li faccia percepire come antichi, se non fosse per una qualità e una fantasia che spesso latitano nelle produzioni rumorose degli anni recenti. La differenza, comunque, sta soprattutto nel contesto, che, a grandi linee, era dark-apocalittico per il proto-noise di origine industrial, mentre quello degli anni 2000 si propone in linea di massima come una "atroce party music" in salsa do-it-yourself. Questi tre personaggi, invece, operavano nell'ambito della musica di ricerca, e si sono ritrovati ad esplorare il rumore e i volumi alti come una delle infinite possibilità del suono. Uno o due brani e avevano detto la loro.

Robert Ashley – Wolfman (Alga Marghen, 2002)
robertashleywolfmanLa traccia in questione è Wolfman del '64. Una lezione sull'uso dei distorsori, come spiega Anthony Pateras. Perchè qui è una questione di straordinaria padronanza dei mezzi al servizio di un inventiva geniale. Il brano parte in sordina, rumori d'ambiente, voci sparse, suoni distanti, probabilmente dei nastri. Nel giro di pochi minuti il suono comincia a montare. Parte un feedback, Ashley ha attaccato la bocca sul microfono, e comincia a lanciare un vocalizzo che si interrompe solo nei momenti in cui deve prendere fiato. A questo punto ha messo il suo sigillo sul brano, noi siamo dentro e cominciamo un viaggio in infiniti mondi. Suoni e feedbacks si modulano senza sosta, il rapporto con la voce varia di continuo, un po' è in primo piano, un po' si nasconde, la saturazione cambia pasta mentre il suono mantiene sempre la sua dinamica. Sedici minuti di estasi del rumore, e non vedi l'ora di ricominciare da capo.

Pauline Oliveros – Four Electronic Pieces 1959-1966 (Sub Rosa, 2009)
Track: One Again / Buchla Piece 19:19.
paulineoliveros4piecesIn questo caso Pauline Oliveros utilizza uno dei primissimi synth mai prodotti dal pioniere Don Buchla, e va subito a fondo nelle possibilità espressive più estreme dello strumento. All'inizio sembra di sentire una voce singhiozzante, poi un sibilo, delle modulazioni, e poi vai di carta vetro fischiante e inceppamenti ululanti. Un esperienza talmente materica che diventa mistica, praticamente l'effetto di una seduta di venti minuti col trapano del dentista.

John Cage & Christian Wolff (Mainstreet, 1962)
Track: Cartrige Music 19:55 (John Cage & David Tudor) (1960)
Questa registrazione è il risultatodella sovrapposizione di quattro performances in cui il prode John e il suo sodale David Tudor adoperano microfoni a contatto, puntine di giradischi e oggetti amplificati. Come dice Cage "tutti i suoni, anche quelli normalmente considerati indesiderabili, sono compresi in questa musica". Il risultato è indeterminato ed estremamente rumoroso. Grattamenti, scricchiolii, feedbacks, adorabili terremoti e spirito zen-dadaista.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

ӔLMĀ - The Beings Of Mind Are Not Of Clay…

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di…

12 Jun 2022 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Black Moth - The Killing Jar (New Heavy Sounds, 2012)

Non partivo affatto prevenuto. Sebbene non ascolti molti gruppi con una donna alla voce, sono pronto a valutare con grande…

15 Jan 2013 Reviews

Read more

Joanna Newsom - Have One On Me (Drag City, 2010)

Dopo quello Ys che tanto ha fatto parlare di sé qualche anno fa, ritorna  la principessina dell'indiefolk Joanna Newsom, ben…

02 Apr 2010 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 11 (18/12/14)

Undicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano con graditissimo ospite Mirko Spino con novità e…

22 Dec 2014 Podcasts

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Saverio Evangelista ‎- Micromal Sonorities (Silentes/13, 2015)

Interessante ristampa per Silentes, all'interno della serie audio/video 13: un booklet in formato A4 con belle foto di Stefano Gentile…

01 Jul 2015 Reviews

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro - S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split…

04 Oct 2010 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top