Larix – S/T (Pseudomagica, 2017)

Fonti ben informate, basandosi su uscite discografiche e cartelloni di concerti, mi dicono essere tornato in auge il jazz-core: rabbrividiamo. Potete quindi immaginare la mia reazione nel leggere questo nome nella cartella stampa che accompagna il 12”, anche se solo nel curriculum di uno dei membri: la mano corre subito alla fondina. Intendiamoci, non è per il genere in sé quanto per la forma estremamente statica e ripetitiva che ha assunto nel giro di pochissimo tempo. Il discorso non riguarda comunque i Larix, terzetto che schiera batteria, chitarra ed elettronica in sostituzione del “solito” sax: se un’idea di jazz mutante è certamente presente fra le tracce del vinile, così come l’attitudine a flirtare con suoni ruvidi e dall’elevato peso specifico, il campo d’azione non è facilmente circoscrivibile perché Giacomo Ancillotto (Sudoku Killer, Luz)alle sei corde, Franz Rosati a synth e sampler ed Emanuele Tomasi (Nohaybandatrio, Knup, Luca Aquino 4tet) alle pelli  gettano sul tavolo le proprie esperienze e le rimescolano senza preconcetti alla ricerca di un’intesa da trovare non a priori, sulla carta, ma sul campo, suonando. La batteria è la spina dorsale e l’anima del progetto: è lei a dare il tono ai brani ma non prevarica mai gli altri due strumenti che lavorano di concerto, in modo spesso indistinguibile l’uno dall’altro. Ne escono cinque tracce (sei nella versione digitale) che rifuggono l’arzigogolo e si esprimono con costruzioni lineari in continua mutazione attraverso l’addensarsi e rarefarsi del suono e dei ritmi; talvolta si ha quasi l’impressione che i pezzi vengano remixati in tempo reale. Il primo lato si apre con la veemenza e la brutalità quasi metal di Untitled 1 (James Plotkin, che cura il mastering, se la sarà goduta un sacco) per proseguire con una batteria in libera uscita su sfondi ambient che poi si lancia in una corsa lungo le corsie di un’acciaieria chilometrica (Untitiled 2) e con le lancinanti frequenze industriali che introducono una rullata tendente all’infinito ma che si conclude in un improvviso silenzio (Untitiled 3). Il secondo lato è meno brutale ospitando melodie ondivaghe che vanno man mano sporcandosi col serrarsi dei ritmi (Untitled 4) e mantra futuristici che mutano in danze tribal-robotiche (Untitled 5). La bonus track, più vicina a certo jazz di confine, si distacca abbastanza dall’atmosfera del disco ma è comunque un gustoso siparietto che inizialmente potrebbe ricordare degli Storm And Stress in salsa tecnologica ma poi precipita in un scatafascio di frequenze impazzite. Larix è una strana creatura elettroacustica, un’entità mutevole per la quale ricercare una nuova forma o una soluzione imprevedibile sembra questione di sopravvivenza: un’urgenza che ci regala un esordio davvero brillante.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

RUMUR Volume 1 – 16-17/11/2019, Musil (Cedegolo – BS)

Una rassegna come RUMUR avrebbe meritato un tempo ben maggiore di quello che, per problemi di lavoro e faccende domestiche,…

03 Dec 2019 Live

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

Cave Canem - S/T (XcRoCs, 2008)

Arriva da Marsiglia questo a suo modo particolarissimo duo, chitarra, sax tenore e drum machine. Per certi versi Cave Canem,…

09 Jul 2009 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more

Six Twilights - S/T (Own, 2007)

La Own si consacra all'indie pop, anche se non proprio quello convenzionale che le permetterà la scalata delle classifiche, non…

07 Sep 2007 Reviews

Read more

Juarez - Revontulet (Sabbatical, 2008)

Cari amici vicini e lontani, il nostro gran capo in persona si è spinto nelle lande australiane in cerca di…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Ultraphallus - Lungville (Autoprodotto, 2006)

Ammetto di aver perso la biografia della band. Si tratta di un flyer didascalico che, d'abitudine, accompagna  i promo sotto…

08 Apr 2007 Reviews

Read more

Lost (Songs) in Leominster, tra Tupperware e hardcore

Scostare la tenda della finestra è quasi un rituale quando piove, ripetuto in maniera ossessiva, con il vetro scalfito, ogni…

02 Sep 2018 Writings

Read more

Katharina Klement - Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all'improvvisazione che alla…

07 Feb 2013 Reviews

Read more

Dynasty Handbag - Foo Foo Yik Yik (Love Pump, 2006)

E' un uomo. E' una donna. E' un uomo. E' una donna. E' un uomo. E' una donna. E' un…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Zero23 - Songs From The Eternal Dump (Kaczynski, 2018)

Il secondo lavoro del crossover Zero23, terzetto che mette insieme il violoncello e i campionamenti di  23RedAnts con l’elettronica di…

12 Mar 2019 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Philippe Petit - Fire-Walking To Wonderland (The Extraordinary Tale Of…

Ritorno sia della AAgoo (che per chi non lo sapesse ha anche in catalogo i nostranissimi Father Murphy) e per…

19 Oct 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Annie Hall - Cloud Cuckoo Land (Pippola, 2007)

Dopo un demo e un Ep autoprodotto, l'approdo all'album d'esordio in un cartoncino che al tatto sembra fatto di stoffa.…

12 Oct 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top