La Piramide di Sangue – Tebe (Sound Of Cobra/Boring Machines, 2012)

Mi mancava ancora un disco per l’estate, uno di quelli buoni da ascoltare quando si scende a sud, che abbia i profumi del Mediterraneo ma che stia alla larga dall’etno-rock politicamente corretto buono solo per la Festa di Rifondazione. Mancava, ma adesso, grazie a La Piramide Di Sangue, c’è, anche se è meglio affrettarsi: tiratura di cinquecento copie in vinile, ovviamente rosso.
Il settetto torinese (gente di Movie Star Junkies, King Suffy Generator e Love Boat in formazione) l’avevo sentito al NOFest, senza riceverne una grande impressione; probabilmente l’ora tarda e la fatica dei tre giorni non erano buone compagne, fatto sta che questo disco ribalta completamente il giudizio e le coordinate. Lo spirito che aleggia fra i solchi di Tebe è abbastanza krauto e qualche paragone sarebbe possibile con gli altrettanto “egizi” Ash Ra Tempel e (primi) Popol Vuh, ma il vocabolario dei nostri è ampio e arriva a includere l’Egitto cosmico di Sun Ra, così come una quantità non indifferente di suono genuinamente nordafricano, che a Torino fa ormai parte dell’ambiente urbano. Proprio questo è il punto di forza della band, e come sempre, davanti a dischi nostrani che praticano il verbo dello psych etnicamente consapevole, mi chiedo se c’entrino qualcosa ascolti degli Aktuala e della concittadina Joel Orchestra. Comunque sia, lo avete capito, siamo lontani dall’etno-kitch di scuola Master Musicians Of Bukkake (salvo forse per la scelta del nome): il pulsare grasso dei due bassi e delle percussioni, il wah-wah strabordante delle chitarre e le melodie ondivaghe del clarino, danno vita a sette strumentali hard-freak di media lunghezza, da fruire in continuità, all’insegna di uno spirito europeo che guarda con curiosità e partecipazione al Medioriente. Musica al contempo trascinante e rilassata, che si può godere sia in concerto, ondeggiando al ritmo del deserto, sia a casa, seduti sul tappeto col narghilè d’ordinanza. Ma anche se siete straight edge non temete, il suono della Piramide è così avvolgente che, anche senza sostanze, vi troverete  a vagare fra dune, oasi e tende da cui escono forti aromi d’Oriente.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Koji Asano: il long distance runner della composizione giapponese

Quando qualche anno fa iniziai a ricevere suoi dischi, Koji Asano si trovava in una delle sue fasi più prolifiche:…

17 Mar 2012 Interviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

FR Luzzi - Happiness Is An Overestimated Value (Arab Sheep,…

Elogio della lentezza. Elogio della velocità. Andare forte e consumare tanto. Non sgasare e guidare in sicurezza. Elogio della regolarità.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Shiver/Sterile Garden – Candle Burning Magic (Diazepam, 2014)

L’estate può essere il tempo giusto per guardarsi indietro e magari rimediare alle negligenze dei mesi passati, come ad esempio…

07 Sep 2015 Reviews

Read more

Qonicho - Ah! (CD Kaczyński, 2022)

Sassofono, effetti e batteria, live nel 2020 a Seine-Saint-Denis, Festival Banlieues Bleues. Morgane Carnet e Blanche LaFuente. Qonicho è un'imbarcazione ad effetto…

31 May 2022 Live Reviews

Read more

Sdang! - La Malinconia Delle Fate (La Fornace/DreaminGorilla/Taxi Driver, 2016)

No, questa volta ogogliosamente possiamo urlarlo ai quattro venti: "non è meglio il demo! E' meglio il disco!" Per chi…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Angelo Bignamini – Decay (Luce Sia, 2017)

The Great Saunites, Lucifer Big Band, Billy Torello, Filtro… Ad elencare tutti in progetti in cui è coinvolto Angelo Bignamini…

18 Sep 2017 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Horsegirl - Versions of modern Performance (CD Matador, 2022)

Penelope, Nora e Gigi, due chitarre, due voci, una batteria, tutte sotto i 20 anni. Due di loro sono al primo…

29 Jun 2022 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Nido Di Vespe - Primo Sangue (Autoprodotto, 2009)

Ancora turbamenti tardo-adolescenziali ad alzo zero esattamente come per gli Inkarakua. L'unica differenza è che, in questo caso, il…

28 Jun 2010 Reviews

Read more

Low - 3/4/2019, Auditorium Parco della Musica (Roma)

I Low e la trasfigurazione come soglia necessaria Non sapevo cosa aspettarmi dal nuovo live dei Low alla luce del…

12 May 2019 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top