La Furnasetta /Sara Ohm – Bat Kvinnor (Industrial Coast, 2020)

Il rapporto fra La Furnasetta e la Industrial Coast continua arricchendosi di un nuovo capitolo, condiviso stavolta con la svedese Sara Ohm. Le due si spartiscono la classica cassetta, con il progetto italiano che, pur in campo neutro, fa gli onori di casa aprendo le danze, come di consueto attorniato da una folta schiera di collaboratori. La prima metà della sua facciata è decisamente a fuoco, all’insegna di una musica andata (molto) a male, fra post-modernismo e post-industriale: sono forse i brani migliori mai ascoltati da La Furnasetta, sintesi e summa dello spirito del progetto che danno vita a canzoni più equilibrate ma al contempo belle storte. Le melodie vocali indolenti su basi elettroniche sporche di Italians Spread It Better, le voci sensuali di New Possibilities contrapposte a ritmiche industriali marce e danzerecce (per quanto spesso azzoppate) e i synth singhiozzanti su batterie geiger di Flowers Of The Loose tratteggiano un pop da dopo bomba che lascia il segno. Appena dopo la metà Trapped Under Ice, col cantato rappato e che sembra strizzare l’occhio alle ultime tendenze, stacca un po’ troppo e fa segnare il passo al lavoro che perde incisività: le rumorose schegge elettro-industriali che in passato erano utili a bilanciare le composizioni più sghembe qui, dove i brani contorti hanno comunque un loro baricentro, risultano un po’ accessorie. Il risultato lo si porta a casa tranquillamente, ma è un po’ come star vincendo una partita 4-0 e beccare due gol nel finale. Sull’altro lato Sara Ohm si presenta in splendida solitudine, con voce, chitarra e un bel po’ di effetti: ora noise rock, ora drone, ora powernoise, i cinque pezzi del suo lato hanno nella ripetitività (dei loop o delle urla da manifestazione di piazza) una costante che vorrebbe forse trasmettere ossessività, ma finisce per risultare spesso noiosa. L’impressione che di idee ce ne siano pochine, fra musiche che hanno da tempo perso il loro carattere eversivo e sloganismi che già ai tempi degli Atari Teenage Riot avevano poca ragione d’essere. Insomma, vince l’Italia: il biscotto del 2004 è vendicato.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Mount Eerie – Ocean Roar (P.W. Elverum & Sun, 2012)

A breve distanza da Clear Moon, sempre a nome Mount Eerie arriva Ocean Roar e si apre con Pale Lights, una…

22 Oct 2012 Reviews

Read more

Almamegretta - Senghe ( Saifam Group, 2022)

Voce impastate, groove assassino, scratch chirurgici e bassi plastici. Raiz svolazza calibrando il volo della propria voce in Figlio. Gli…

19 Jul 2022 Reviews

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - Top Of The Pops (Autoprodotto, 2018)

Ci risiamo, è sempre evidente quando senti una canzone di Carla Dal Forno. Idee chiare e gestione intelligente di pochi…

21 Oct 2018 Reviews

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky,…

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live.…

13 Dec 2013 Reviews

Read more

Kinetix - Absolute Grey (Koyuki, 2009)

Dopo aver recensito negli ultimi tempi una serie di dischi in cui Gianluca Becuzzi compare in collaborazioni con altri musicisti,…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Punch - They Don't Have To Believe (Deathwish, 2014)

Spazzate via ogni tentazione di Summer of Love. Niente hippie, niente amore fraterno, niente sogni borghesi arcobaleno. La San Francisco…

15 Jan 2015 Reviews

Read more

The Giant Undertow - The Weak (InTheBottle/Shyrec/Indipendead/PopeV, 2016)

Obliquo e un po' sbronzo il folk di Lorenzo Mazzilli è ricco di un mood irresistibile e coinvolgente. A cercar…

21 Oct 2016 Reviews

Read more

Three In One Gentleman Suit - Some New Strategies (Black…

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more

Tatum Rush - Estate, elegante umidità

Prendete un parte di Tom Jones, una di R Kelly, una di Pino d’Angio, una di Chilly Gonzales, shakerate. Aggiungete…

26 Jun 2022 Articles

Read more

Jello Biafra/Guantanamo School Of Medecine + Panico - 27/08/09 Festa…

Serata punk revival alla festa di Radio Onda d'Urto, vecchie glorie in nuove forme per la gioia di grandi e…

27 Sep 2009 Live

Read more

Heike Has The Giggles - Sh! (Goodfellas, 2010)

Ecco gli Heike Has The Giggles, la rivelazione power punk italiana dell'anno! Voce femminile languida ma graffiante, chitarra da motocross…

09 Jun 2010 Reviews

Read more

Massimo Falascone - Works 05-007-2008 (Setola Di Maiale, 2008)

Questo cd di Massimo Falascone mi è arrivato proprio insieme ad un vagonata di materiali della Creative Sources, ed è…

14 Oct 2008 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top