Konstrukt + Ken Vandermark – Kozmik Bazaar (Karlrecords, 2019)

I Konstrukt continuano nella loro marcia forzata delle collaborazioni, e dopo aver incrociato gli strumenti con artisti come Thurston Moore, Peter Brotzmann, Merzbow, Joe McPhee e Evan Parker, tra gli altri, trovano ancora un’occasione per registrare con un altro nome di spessore dell’avant jazz internazionale, il sassofonista chicagoano Ken Vandermark.
La visione dell’ensemble turco è sempre molto funzionale, un modo intelligente di gestire l’improvvisazione avantgarde con un approccio tipico della jam session rock, cosa che non solo si rivela profondamente efficace per affondare colpi interessanti e lavorare la materia con sempre rinnovata freschezza, ma anche per riuscire a costruire con estrema naturalezza una vera dialettica tra le personalità in gioco. Circostanza molto evidente nell’ascoltare il quartetto composto da Korhan Futaci (sassofono alto, loops istantanei e voce), Umut Çağlar (chitarra, synth, gralla, guimbri), Apostolos Sideris (contrabbasso) e Berkan Tilavel (batteria e percusioni electroniche) alle prese con il sax tenore e il clarinetto di Vandermark.
Più compatto ma non meno affascinante del precedente A Philosophy Warping, Little By Little That Way Lies A Quagmire registrato assieme a Keiji Haino, Kosmik Bazaar si concentra sul senso forte del freejazz a partire da omaggi all’armolodia colemaniana, per poi colpire con vere riflessioni contemporanee sul genere. In questo senso va inquadrato l’urlo di Ex-Cess, con un Vandermark esplosivo e i Konstrukt furiosamente sul pezzo. Ma nel complesso il suono vive di una geometria interna che si spande in differenti tensioni di traccia in traccia, fino ad arrivare a riflessioni squisitamente coltraniane: sapendo tingersi caleidoscopicamente di sapori etnico-futuristi (East Of West, West Of East), disperdendosi in diramazioni spirituali (Semazen), trovando pertinenti divagazioni cosmiche (Bammm!), e coinvolgendo con oblique distensioni ambientali (Cocoon). Tutti momenti con una loro specificità, ma che trovano ulteriore equilibrio nel loro insieme. Un lavoro calibrato che soddisfa a pieno le aspettative. Ancora un bel centro.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

Omosumo - Ep (Auprodotto, 2008)

Ancora Sicilia, ancora promesse, ancora cose da dire. Potremmo quasi definirla una seconda ondata, considerando come prima quello fiorita…

17 May 2009 Reviews

Read more

Satanismo o barbarie: intervista al Teatro Satanico

Se vi è capitato di ascoltare anche solo uno dei brani più noti del Teatro Satanico, ben difficilmente sarete riusciti…

12 Oct 2013 Interviews

Read more

AA. VV. - Alessandria Post Industrial Area (Inverno/Creative Fields, 2017)

Torniamo in contatto con la Inverno records di Guido Bisagni aka Larva 108 con questa raccolta di musica ambient/industrial tutta…

23 Feb 2018 Reviews

Read more

Lucio Capece & Marc Baron - My Trust In You…

Le collaborazioni a volte sono un'occasione per provare approcci differenti rispetto al proprio percorso individuale e questo succede in My…

27 Nov 2018 Reviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Nebulosity (Escape From Today/Cheap…

Fin dalle prime battute del quarto lavoro gli Space Aliens From Outer Space ritroviamo tutto quanto del progetto torinese apprezzavamo:…

25 Apr 2019 Reviews

Read more

Davide Tidoni - I Noitasi Inoi (Trovarobato, 2008)

Conoscevo la Trovarobato come un'etichetta che si dedicava in prevalenza a musica ascoltabile se non quasi pop, ed invece a…

10 Aug 2008 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

Mudhoney – Under a billion sun (Sub Pop, 2006)

Sarà qualcosa nell’aria (spero di no) o semplicemente il fatto che chi ha suonato con passione la propria musica, difficilmente…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Sil Muir - S/T (Diophantine Discs, 2009)

Sil Muir è progetto iper-concettuale ad ancoraggio prettamente ambient (se questa parola ha ancora un significato oggi) dove Andrea…

20 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top