Konstrukt & Keiji Haino – A Philosophy Warping, Little By Little That Way Lies A Quagmire (Karlrecords, 2018)

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare uno dei nomi imprescindibili del suono avant del sol levante, Keiji Haino, instancabile sperimentatore con una carriera quarantennale alle spalle.
Così, due giorni dopo le registrazioni di A Philosophy Warping, Little By Little That Way Lies A Quagmire,  uscito lo scorso anno su Karlrecords, Korhan Futacı (sax alto, sax tenore, zurna, kaval, sipsi, voce), Erdem Göymen (Batteria e percussioni), Berkan Tilavel (percussioni e batteria elettronica), Umut Çağlar (synth, flauto, xilofono e percussioni) e Haino (chitarra, elettronica e voce) decidono di continuare l’esperienza dal vivo immortalando il live che vede ora la luce in questo disco omonimo del suo predecessore, ma differente nel contenuto.
Sulla carta un felice matrimonio, visto che i turchi sono fautori di un’improvvisazione che fonde kraut, ambient, psichedelia, free jazz e rumorismo in estese jam torrenziali e Haino è un uno dei massimi esperti in materia: inarrivabile nella sua indomita ricerca di strappare significati dall’irripetibilità dell’attimo e indimenticabili le jam psycho massimaliste dei Fushitsusha, come sono da ricordare le attuali scorribande del trio impro-rock Nazoranai assieme a Stephen O’Malley e Oren Ambarchi. Tuttavia mentre disco in studio viveva di momenti alterni, dove ottime progressioni psichedeliche e nervose sferzate di classe si alternavano a momenti molto meno convincenti e a volte al limite dell’inconcludenza, dal vivo invece le cose funzionano perfettamente: gli spazi sono meglio riempiti e le idee fluiscono efficaci con un invadibile assortimento di soluzioni.
Due titoli che racchiudono in realtà quattro live session dalla tensione esplosiva, mostrando un’ottima gestione dei chiaro scuri e un suono carico di attriti psicologici, dove la chitarra lancinante e la vocalità rocambolesca di Haino sono fondamentali nel disegnare sbavature angoscianti.
L’incipit di Into A Trap Surely So Elaborately Laid Air Has Entered And A Splendid, Beautiful Monster Now Swims richiama le storture della nowwave chicagoana e apre a una tribalità martellante che diventa sempre più nevrotica e ossessiva fino a implodere; mentre la seconda sessione è immersa in una melma ritual noise che ingrossa lentamente, dove il frastuono tende corde nervose per poi rilasciarsi in distensioni kraute dalla temperatura discordante, un percorso con un climax urlato ad accentuarne la nevrosi. Excess ÷ [Analysis / Courage] = è un incastro di fiati stridenti, cordature oblique e scatti elettronici, inizio di convulsioni e strappi come un gioco lacerante che scaglia pietre su lentezze scure per costruire una cosmicità inquieta e preoccupante; un brano estenuante consumato nella sua stessa reiterazione fino a prosciugarne il movimento. E l’ultimo assalto chiude i giochi stagliandosi su un tappeto espressionista deformato e drammatico, un quadro post modernista di funk deviato che deraglia nella catarsi del caos cosmico senza alcuna pietà. Semplicemente ottimo.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Princesa - J.P. (Madcap Collective, 2008)

Come dicevamo, in generale quando si parla di Madcap si parla di folk o comunque di canzoni con tutti i…

28 Jan 2008 Reviews

Read more

Paramount Styles - Heaven's Alright (Cycle/Konkurrent, 2011)

Torna Scott McCloud (per chi non lo conoscesse consiglio anche un ascolto delle sue vecchie band: Girls Against Boys, New…

19 Dec 2011 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - It Takes A Nation Of…

Dunque, la storia è più o meno questa: prendere una bella capocciata contro un sottoscala. La prima sensazione che arriva…

06 Oct 2008 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

K11 - Another Temple To The Great Beast 666 (Utech,…

Pietro Riparbelli riprende la sigla K11 e torna sul luogo del delitto, quell'Abbazia di Thelema a Cefalù che già era…

04 Nov 2013 Reviews

Read more

Assumption - Absconditus (Everlasting Spew, 2018)

Potente death-doom corazzato tra i gloriosi Bolt Thrower e gli Oranssi Pazuzu più interplanetari. Equilibrato melange di generi una volta…

20 May 2018 Reviews

Read more

Peter Brötzmann & Jason Adasiewicz - Going All Fancy (Eremite,…

Ormai si sa, che più le release sono introvabili, più fanno gola; come in questo caso in cui mi trovo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Beck - Modern Guilt (XL, 2008)

Inutile negare la grande colpa del Bob Dylan degli anni '90, il grande genietto che ha saputo, se non per…

20 Sep 2008 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Enzo Rocco/Pablo Ledesma - Seis Episodios En Busca De Autor…

Enzo Rocco lo avevamo già visto qualche tempo fa in duo con Coxhill e l'impressione era che il chitarrista italiano…

11 Jan 2011 Reviews

Read more

Talibam! / Matt Nelson / Ron Stabinsky - Hard Vibe…

Quello che si potrebbe definire il duo più funambolico a matto del mondo, ovvero i Talibam!, continua a stupire per…

29 Sep 2017 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top