Kongrosian – The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà di cose riuscire con il buco, ma questa volta è uno di quei (rari) casi che mettendo assieme un pezzetto della crème della sperimentazione jazzistica italiana, la ciambella riesce con un bel buco e anche con un ottimo sapore. É il secondo lavoro (sempre per AUT) per Kongrosian, questo trio di base composto da Alberto Collodel ai clarinetti, Davide Lorenzon: alto e sax soprano (nonché fondatore e curatore della AUT records) 
e Ivan Pilat al sax baritono, trombone e voce che per l’occasione si allarga aggiungendo Piero Bittolo Bon: alto sax/alto clarinetto, Nello Da Pont: batteria, Nicola Guazzaloca: piano, Edoardo Marraffa: sax tenore e Tim Trevor Briscoe: alto sax/clarinetto. Registrato nel 2011da Salvatore “Uccio” Arangio presso i locali della Scuola Popolare di Musica Ivan Illich e mixato da Ian Douglas-Moore, il disco si compone di 11 tracce per circa un’ora di musica. L’album è dedicato all’opera di Philip K. Dick, costruttore di universi, a trent’anni dalla scomparsa. E ancora una volta fantascienza e musica si prendono a braccetto per completare nel migliore dei modi un mondo non solo fatto di parole scritte su carta e che ha dato ispirazioni a tanti registi, come a tanti musicisti. La prima cosa che salta all’orecchio e la gran capacità di passare da arrangiamenti “puntiformi”, a momenti più “orchestrali” (The Long Tomorrow) fino a richiamare in diverse occasioni (Raum, Slag) una certa scuola inglese di quei gran maestri che sono Keith Tippetts e di Chris McGregor. Un bellissimo lavoro, fatto di educazione alla musica, quindi nel saper dosare le proprie capacità, ma soprattutto nel saper lavorare sugli arrangiamenti, sia in tempo reale (per quei brani o parte di essi che sono improvvisati) sia per quelli scritti a “tavolino”. Mai troppo free o troppo rumoristico, e dove la buona riuscita della ciambella sta anche nel saper suonare assieme, nell’ascoltarsi e nel condividere e misurare il suono che riempie lo spazio dell’Ivan Illich che accoglie la piccola orchestra. I brani mutano velocemente, cambiano direzione e atmosfera, creando piacevoli sorprese per l’ascoltatore. Una neonata etichetta giunta solo alla sua quarta uscita, ma che ha saputo fino ad ora scegliere tra i più interessanti esecutori/scrittori di quei percorsi sonori di ricerca e improvvisazione dove spesso in molti hanno fallito.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zu & Eugene S. Robinson - The Left Hand Path…

Questo malevolo patto non è fatto per creare simpatie o mettere di buon umore, ma piuttosto per immmergerci dentro un…

28 Nov 2014 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

Black Eagle Child - Poland (Sturmundrugs, 2010)

Nuove uscite per la Sturmundrugs il cui nome può essere chiaramente ridotto a Sud, lo sottolineo perché mostra la facciata…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta/Leather Parisi – Past Present Temple (Industrial Coast, 2019)

Era inevitabile che La Furnasetta e Leather Parisi, dopo essersi incrociati in diverse compilation, finissero per condividere insieme un tratto…

27 Mar 2020 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

The Star Pillow Meet Bruno Romani – Via Del Chiasso…

Chissà se siano i musicisti, influenzati dall’aria di casa Setola Di Maiale, a produrre musica così fresca e intrigante o…

26 Jun 2014 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top