K’An – Anima (Ōnyūdō, 2013)

È un esordio che lascia il segno quello del romano Paolo Bellipanni, ispirato e ricco di riferimenti ma non facilmente catalogabile. Il nome scelto, K’An, un esagramma Ching che significa “l’abissale”, ci dice qualcosa circa l’umore che pervade l’opera, ma ci dice molto anche sulla sua profondità e sul lavoro necessario per assemblarla, un lavoro di scavo interiore.
Sebbene nel comunicato stampa vengano citati nomi di alcuni artisti che hanno influenzato la genesi del progetto (Fennesz, Tim Hecker, Aidan Baker, Ulver) la lunga gestazione (K’An parte all’inizio del 2011) ha confuso le tracce, consegnandoci un lavoro che si mantiene equidistante dall’industrial esoterico, dall’ambient (piuttosto dark) e da rovine di architetture warpiane, seguendo coordinate proprie e una propria, precisa personalità. Non inganni il titolo, questa non è eterea musica celestiale, sembra suggerire anzi una discesa lungo meandri oscuri, come a rispolverare l’idea biblica di unità fra anima e sangue: dopo una partenza tutto sommato ariosa, il suono, nella quasi totale assenza di ritmi, si fa via via più cupo, fra droni materici intessuti di rumori concreti, filed recordings, inserti di strumenti a corde, ora malinconici, ora furiosi (come nella chiusura, che rasenta il black metal atmosferico, del brano eponimo). Caratterizzante è il ruolo chiave ricoperto dalle voci: cori austeri e sacrali, montati in loop e organizzati in crescendo, portano all’elevazione spirituale (The Tree In The Garden Of Limbs) e subito dopo atterriscono evocando oscuri presagi (The Gathering), suggeriscono sensazioni di pace (In A River Of Thorns You Mean The Path To Deliverance) e prorompono in esplosioni liberatorie (la seconda parte di Altars). Proprio Altars, coi suoi oltre 14 minuti, rappresenta la traccia più rappresentativa, quasi la sintesi di tutte le atmosfere di un album che comunque va fruito nell’insieme per poter essere pienamente goduto; per farci percepire tutto il peso dell’anima.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Tsigoti - Read Between The Lines... Think Outside (Post-Consumer, 2013)

L'urgenza creativa, in un gruppo come gli Tsigoti, non traspare solo dallo stile musicale, ma anche dalla frequenza delle uscite:…

18 Apr 2013 Reviews

Read more

Quantum Hierarchy - Neutron Breed (Everlasting Spew, 2018)

Continuando sull filone death metal senza compromessi e di vecchia scuola ecco i Quantum Hierachy, (nome difficile da ricordare in…

16 Jun 2018 Reviews

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more

Novellino / Rosi / Mazurek / Barnes - Object In…

Seconda uscita per la Discreetrecords di Attilio Novellino e Saverio Rosi: dopo il bell'EP Radicalisme Mècanique dove lo stesso Novellino…

25 Feb 2015 Reviews

Read more

Koji Asano: il long distance runner della composizione giapponese

Quando qualche anno fa iniziai a ricevere suoi dischi, Koji Asano si trovava in una delle sue fasi più prolifiche:…

17 Mar 2012 Interviews

Read more

Luther Blissett – S/T (Eclectic Polpo, 2010)

Attivo dal 2006 e arrivato ora al disco d’esordio, il quintetto bolognese dei Luther Blissett (ma perché chiamarsi come il…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

Isobel - Fioca (Fooltribe/Smartz, 2006)

Indie punk dal canavese?...Si può. Dopo Anatrofobia, 3eem ed Ex-p arrivano anche gli Isobel anche se a differenza dei conterranei…

25 Aug 2006 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Tetuan - Tela (Brigadisco/I Dischi Del Minollo/Onlyfuckingnoise et al. 2011)

Tela è il disco d'esordio del trio marchigiano Tetuan, ripescato dal cesto a inzio 2013. In realtà l'album era…

14 Mar 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

9cento9 - Land3 - Lletor (Chew-Z, 2007)

Se 9cento9 ai più resta un nome nuovo ad onor del vero Marco Milanesio, il titolare di questo progetto, è…

30 Dec 2007 Reviews

Read more

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top