Kaeba – Lanurek 5.0 x 100 (Farmacia 901/Bugdate/Kaeba, 2010)

Proprio l'altro giorno pensavo a quanto questo Paese di "vecchi" (sia chiaro: per forma mentis e non per età!) e di superficial-giovani (alla base della cui educazione, comunque, presiedono direttamente o indirettamente dei "vecchi del cazzo"), trovare del talento così smaccato come in questo disco sorprende ed esalta. Tanto da far tenere le dita incrociate perché questo poco-più-che-ventenne non si bruci e non scompaia nel vuoto. Si tratta di un disco di elettronica più o meno sperimentale, a suo modo quasi ambientale e che ricorda alcuni lavori su questo stile assemblati da gente uscita dal giro IDM e riciclata nella sound art più morbida.
Il fatto è proprio che al di là dei bellissimi suoni, dei giochi che dimostrano una perizia nell'uso dei loop e dei macchinari, quello che resta ben impresso del disco di Kaeba è la melodia ed il vostro Dio sia lodato perché finalmente rincomincia a venire fuori qualcuno che al di là delle strutture, dei suoni super ricercati, si ricorda che un pezzo può ancora essere melodico anche se in un contesto smaccatamente elettronico-sperimentale. Ciò non impedisce che questo ragazzo tagli in modo improvviso tappeti che altri trascinerebbero fino alla fine, li riporta in gioco, li sostituisce con melodie digitali o paesaggi da dopo Pan Sonic o roba da post-techno scandinava. Nonostante i giochi di suono quindi vengono ad alleggerire delle voci etere da Signore Degli Anelli (e ricordiamolo che coinvolta nell'operazione c'era anche Lisa Gerrard dei Dead Can Dance), dei synth e dei tappeti che riportano alle compilation del primo periodo Warp ed ai Seefeel, delle melodie aperte ma simili shoegaze e quindi fra estasi e viaggio psichedelico. I giochi melodici ed i tappeti digitali degni di alcune cose di Richard Chartier & Taylor Deupree comunque non smentiscono un'impressione che ho sempre avuto e cioè che l'elettronica europea mediamente è una spanna sopra quella americana (certo è una generalizzazione e lascia un po' il tempo che trova). Una delle cose belle di questo disco è che nonostante la ricerca del suono ed il piglio sperimentale è rimasta una forte impronta da Intelligent Dance Music degenerata; se sia voluta o un'influenza presa di seconda mano poco importa, quello che conta realmente è che regala una certa ascoltabilità ad un disco che altrimenti non sarebbe certo dei più semplici. Un tempo un lavoro del genere non sarebbe uscito su Warp, ma sarebbe sicuramente sbarcato su Sub Rosa, in un certo senso mi ha anche ricordato l'eclettismo elettronico e la capacità di fare dei minestroni particolari di certi giapponesi che operavano in questa strana terra di mezzo tecnologica. Se Retina/Resina, Martuscello, Teardo, Ielasi, Massimo (che molti non ricordano, ma che si sparò un disco su Mego ed uno su Staalplaat in tempi non sospetti) e gente del genere in passato hanno raccolto più consenso all'estero di qui in Italia (strano… non capita mai), c'è da sperare che il futuro, o meglio, il presente sia nelle mani di un ragazzo di poco più di vent'anni e non di un "vecchio del cazzo" come me e come te che stai storcendo il naso.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lava Lava Love - A Bunch Of Love Songs And…

Beh. Ecco qui. Per la serie paghi due e prendi tre, da Verona arriva un quintetto di musicisti che, sotto…

01 Dec 2011 Reviews

Read more

Graveyard - Lights Out (Nuclear Blast/Stranded, 2012)

Al culmine della ripresa delle sonorità tipiche degli anni settanta, la Svezia come sempre detta legge e i Graveyard hanno…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Zu – Axion/Chthonian Remix 7” (Public Guilt, 2011)

È questa l'ultima uscita della formazione classica degli Zu con Jacopo Battaglia dietro le pelli, un 7" in edizione…

28 Feb 2011 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Masked Intruder - M.I. (Fat Wreck, 2014)

Grande conferma per i Masked Intruder, pop-punk band che dalle lande sperdute del Wisconsin approda al secondo disco (su Fat…

04 Jun 2014 Reviews

Read more

La Piramide di Sangue – Tebe (Sound Of Cobra/Boring Machines,…

Mi mancava ancora un disco per l'estate, uno di quelli buoni da ascoltare quando si scende a sud, che abbia…

13 Aug 2012 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

Micecars - I'm The Creature (Homesleep, 2006)

Gli elogi si sprecano per questa band romana, asso nella manica per Homesleep. Ne parlano un po' tutti, anche la…

06 Apr 2007 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni – amI? (Bunch, 2015)

È enigmatico il titolo di questo lavoro di Andrea Bolzoni (Swedish Mobilia, Dialvogue, Three Trees e mille altri progetti): un’interrogativa…

12 Oct 2016 Reviews

Read more

Comaneci – 05/02/10 Morya (Cellatica - BS)

Finalmente i Comaneci. Dopo un album che nel mio personalissimo tabellino è nettamente superiore al precedete, ero ansioso di verificare…

10 Feb 2010 Live

Read more

Improvvirusoundexperience - Supercoclea For New Apes (Setola Di Maiale, 2008)

Grazie ad internet avevo già sentito qualcosa di questo mammut di tredici elementi a fiati, batterie, chitarra, basso elettrico e…

28 Apr 2008 Reviews

Read more

Die! Die! Die! - Form (Golden Antenna, 2011)

Con un nome che lascia pochi spazi alle interpretazioni e che ha fattto venire il sangue alla testa all'amico Emiliano…

30 May 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 34 (18/06/15)

Puntata numero trentaquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio con le ultime novità…

21 Jun 2015 Podcasts

Read more

Il Disagio – Il Prezzo Dell’Anima (Hanged Man, 2010)

Cosa si può ancora chiedere a un genere come l'hardcore, quello nudo e crudo, con al massimo qualche traccia di…

10 Oct 2010 Reviews

Read more

Built To Spill - 26/10/08 Interzona (Verona)

Nemmeno i Built To Spill sembrano sfuggire al triste rito del tour autocelebrativo, in cui gruppi più o meno…

02 Nov 2008 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top