Jon Rune Strøm Quintet – Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché membro della travolgente Large Unit di Paal Nilssen-Love, che da leader non si accontenta di far girare le composizione attorno al proprio strumento, ma decide di smezzare parimenti le forze, chiamando, sempre al contrabbasso e basso elettrico, Christian Meaas Svendsen, per un ensamble che lavora doppiamente attorno ai suoni delle corde grosse. A completare la formazione Andreas Wildhagen alla batteria, molto efficace sia nelle sue incursioni improvvisative che a sostegno delle strutture, il trombettista Thomas Johansson e André Roligheten al sax tenore, che con intelligenza spingono a riempire lo spettro sonoro delle frequenze alte.
Un disco, questo Fragments, con un baricentro bassistico di grande fisicità e intensità, a volte a costruire duetti graffianti, su cui pero l’ensamble si muove con grande agilità, completandosi, grazie alle indiscusse capacità dei musicisti coinvolti. Partendo dai cardini del free jazz e lavorando con un approccio creativamente libero, il quintetto riesce coinvolgente nei momenti di assolo individuali che si muovono attorno implacature strutturali fatte di continue sovrapposizioni e aperture, innestando incisive latenze avant, con un’attenzione compositiva che riesce a dare il giusto peso sia ai raccordi tematici d’insieme che alle esplosioni delle improvvisazioni libere di gruppo. Merito di una scrittura che sa bene come modernizzare la tradizione, inserendo quelli slanci innovativi che rendono il tutto più fresco e attuale, forzando i confini del semplice genere di riferimento senza mai essere inesseziale. Basterebbe soffermarsi sulla title track per apprezzare la capacità di amalgamare le differenti componenti con brillante disinvoltura e gusto. Una traccia che sa giocare in modo free con le tematiche di fondo per poi implodere in una stasi tesissima che prelude a uno degli assalti più travolgenti del disco. Tecniche che in parte riprendono alcune metodologie post math di tempo fa, ma qui pronunciate con una timbrica che le esprime ancora in tutta la loro potenza. Il consiglio però è quello di ascoltare per intero Fragments in modo da gustare pienamente le notevoli qualità di questo piccolo gioiellino di free jazz contemporaneo.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

Cursive + Green Like July - 19/05/12 Twiggy Club…

'I sogni son desideri di felicitààà...' e con un maggio che pare - oggettivamente dal punto di vista meteo e…

08 Jun 2012 Live

Read more

Sneers - For Our Soul, Uplifting Lights To Shine As…

Non sappiamo se Maria Greta Pizza e Leonardo Oreste Stefanelli, che compongono questo duo formatosi, come spesso capita, a Berlino,…

18 Dec 2013 Reviews

Read more

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – 09/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Riparte la stagione concertistica della Locanda (stasera è il terzo appuntamento) e arrivano i Fuzz Orchestra, che già qualche volta…

14 Jul 2010 Live

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

The Way Of Purity - Crosscore (Aural Music, 2010)

A dispetto della puerile presentazione da cospiratori e sovvertitori dell'ordine mondiale, alla fin fine, questi The Way Of Purity…

11 Jul 2010 Reviews

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top