Johnny Mox – Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni intensi, punteggiati di esibizioni e da incontri, il più importante di tutti quello coi Gazebo Penguins che ha portato alla nascita di un singolo, Santa Massenza, che allora sembrò interlocutorio, ma che invece, è evidente, ha lasciato il segno: Obstinate Sermons è qui ad indicarci la nuova via.
L’inizio di They Told Me To Have Faith And All I Got Was The Sacred Dirt Of My Empty Hands, con la voce declamata, il battimani insistito e i loop vocali sembra far a intendere che poco sia cambiato dal precedente We=Trouble, ma le chitarre veementi che irrompono a 2:00 ci dicono che non è così: la sbornia rock non è passata e non è necessariamente un male, dato che il pezzo spacca e sembra perseguire un’idea di evoluzione attraverso la contaminazione di generi e stili che già era nel DNA nell’esordio. Peccato che, nel prosieguo, la dichiarazione d’intenti espressa nel breve spiritual A War Sermon (“Trouble I was and trouble I’ll be”) rimanga in buona parte sulla carta, consegnandoci un lavoro meno spiazzante rispetto al precedente, battagliero e adrenalinico ma rinchiuso all’interno di una formula troppo risaputa. Il rock, variamente declinato nel corso dell’album (una Praise The Stubborn che chiama quasi in causa l’industrial-metal dei LARD, l’hard blues di Ex Teachers, l’hardcore di O’ Brother, il r’n’r spigoloso The Winners), monopolizza la scrittura normalizzandola e imponendo una forma codificata all’interno delle quale i vari loop e inserti gospel diventano elementi accessori utili ad arricchire la formula e a giocare sui contrasti, ma incapaci di contribuire al genuino caos organizzato che era la forza del disco precedente. Il paradosso è che Obstinate Sermons è un album senza evidenti debolezze e coerente in sé, ben suonato e cantato (Mox è riconoscibilissimo e perfettamente a suo agio anche in queste vesti), che piacerà e dal vivo darà paga a molti rockettari; quello che manca è la vena dissacrante, meticcia e ricca di negritudine che ci aveva fatto amare l’inetichettabile predecessore e che qui emerge solo a tratti, in particolare nel folk scuro di The Long Drape, che rimanda all’EP Lord Only Knows…, e nel lungo mantra King Malik. Potrà sembrare ingeneroso leggere questo disco alla luce di quello passato, ma è il rischio che si corre quando si sforna un capolavoro; L’impressione, in definitiva è quella di uno sbiancamento alla Michael Jackson che attutisce parecchio la carica eversiva: a noi il reverendo piace più negro e soprattutto più problematico.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

Gerda - Black Queer (Wallace/Shove, 2018)

Come sempre imprevedibili i Gerda ci arrivano sotto la faccia con l'ennesimo lavoro slabbrato, zoppicante ma anche potente e disperato…

26 May 2018 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

Gianni Mimmo/Harri Sjostrom - Live At Bauchhund, Berlin 2010 (Amirani,…

Ennesimo ritorno di Gianni Mimmo, non che se ne fosse mai andato, anzi, se ci fosse anche solo una qualità…

13 Sep 2011 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

X-Mary - Tutto Bano (Coproduzione, 2009)

Nuovo album per i milanesi (dell'enclave di San Colombano al Lambro) X-Mary, stavolta il lussuosa edizione LP + CD allegato,…

04 Oct 2009 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

Germanotta Youth – The Harvesting Of Souls (Wallace, 2011)

Si contano ormai sulle dita di cento mani i progetti a cui Massimo Pupillo degli Zu collabora in maniera più…

02 Feb 2011 Reviews

Read more

Teho Teardo - 23/02/2014 Santa Maria In Chiavica (Verona)

È sempre un piacere tornare nella suggestiva cornice di Santa Maria In Chiavica ogni qual volta l'associazione Morse organizzi un…

07 Mar 2014 Live

Read more

Growing - All The Way (Social Registry, 2008)

Mi ricordo ancora la prima volta che mi hanno imposto l'ascolto del Dream Syndicate con Tony Conrad e La Monte…

29 Sep 2008 Reviews

Read more

That Fucking Tank – Tanknology (Gringo, 2009)

La formula "duo = ", negli ultimi anni ha spopolato, vuoi per i bassi costi…

12 Oct 2009 Reviews

Read more

The Rambo – The Stabbing (Wallace/Il Verso del Cinghiale/Villa Inferno/Cloudhead,…

In due, una chitarra e una batteria e a peggiorare la situazione due maschere che ricordano i wrestler messicani calate…

09 Dec 2016 Reviews

Read more

Lyke Wake - The Long Last Dream (Final Muzik, 2013)

Lyke Wake è un gruppo di Roma che negli anni ottanta ha fatto parte del circuito industrial/ambient, registrando negli anni…

09 Aug 2013 Reviews

Read more

Lili Refrain - Mana (LP/CD/MC Subsound, 2022)

L’apertura è affidata ad un organo ed ad una voce, reiterata e gonfia. Non riusciamo a dire in che lingua…

26 May 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top