Io Monade Stanca – Three Angles (Canalese*Noise et al., 2013)

Piemontesi, classe 1987, visionari, favolosi. Potrei fermarmi qui linkando il video di Momra Rusia, primo singolo tratto da quello che è il loro terzo album. In fondo “è quando le parole non servono che inizia il potere della musica” (Wagner docet!) e qui di musica potente trattasi, appunto. A voler fare la furba tirerei in ballo un paragone coi Pink Floyd di Syd Barrett e le sue sperimentazioni, iperboli sonore, droghe acustiche per la mente, urletti e vocalizzi che amplificano l’effetto degli strumenti – 90 Gradi  – e tutto si collegherebbe a gente superbamente e matematicamente post-rockkosa tipo Tortoise, ma gli Io Monade Stanca, pur essendo contenitori di gran bei pezzi di passato musicale, sputano fuori roba con caratteristiche personalissime e non veramente rimandabili ad altro. Più che musicisti, li avverto come artisti a tutto tondo: non solo suonano, giocano con suoni e parole, li rendono solenni (Birichino Sarai Tu mi sembra una qualche formula in reverse à la Eyes Wide Shut) e cercano la callofonia sia musicale che nei testi – Un giro In Bici -, curano ogni singolo dettaglio di contorno alla produzione sonora (dai, su, quanta gente c’è che suona bene E fa video belli E ha cover fighe E senza etichette che allungano il cash?) in maniera, per me, eccellente. Triste da dire, ma penso siano uno dei gruppi italiani ‘meno italiani’ che io abbia mai avuto il piacere di ascoltare e, per combinazione – o infatti -, suonano parecchio all’estero, dove hanno intessuto rapporti con diverse etichette (la loro si chiama Canalese*Noise ed è grazie alla collaborazione con altre sette che questo terzo lavoro ha visto la luce) e hanno iniziato progetti e collaborazioni (in Télefilm suona Xabier Iriondo che è italiano, ma ha la testa ‘non italiana’ pure lui…). Due righe per la copertina di Three Angles che è ad opera di Mr Layne e che trovo bellissima proprio: leggendo in rete di come i Monade (confidenziale… dopo un sacco di tempo nel mio mp3, ormai siamo amici…) siano influenzati anche dalla psicomagia di Jodorowsky, mi sono venute in mente alcune scene de La Montagna Sacra, opera filmica piena zeppa di simbologia e particolari significativi come anche l’artwork in questione è innegabilmente, un trittico dove i tre cuneesi sono angeli e divini e sopra di loro, nella parte centrale, il tendone di un circo. Alla mia curiosità piacerebbe molto parlarne con l’autore.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

Vinzenz Schwab - Dings #1 (Canto Crudo, 2014)

Dall'Austria arriva Vinzenz Schwab, un altro musicista contemporaneo da aggiungere alla schiera di quelli che hanno già trovato posto sulle…

19 Jun 2015 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Lēvo – S/T (Zen Hex, 2019)

La nuova uscita su 7” dell’aretina Zen Hex è il battesimo musicale del concittadino Lorenzo Cardeti, unico titolare del progetto…

26 Mar 2019 Reviews

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi – Trax To Trax (Silentes, 2012)

Per uno stakanovista della musica come Gianluca Becuzzi operazioni come Trax To Trax sono quantomai benvenute, permettendo all'appassionato di trovare…

08 Jan 2013 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Vittorio Cane - ST (Innabilis, 2006)

Bugo vive. E buon per lui. Il fatto è che una domanda sorge spontanea: avevamo bisogno di un Vittorio Cane…

18 Aug 2006 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

L'Ultimo Disco Dei Mohicani, intervista a Maurizio Blatto

Una varia umanità che spazza via qualsiasi noiosa "pippa" da appassionati di musica. La negazione assoluta di qualsiasi nozionismo musicale fatto apposta…

22 Feb 2011 Interviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Matawan - We Lingered In The Chambers Of The Sea…

La primavera alle porte, il sole del tramonto che filtra dalle tende e... l'immancabile (almeno per me) disco ambient agrodolce…

06 Apr 2018 Reviews

Read more

Le Ton Mité - Version D'Un Ouvrage Traduit (Music A'…

Originario di Olympia, Washington e folgorato dalla Francia, McCloud Zicmuse ha deciso un bel giorno di maggio del 2006…

07 Jan 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top