Il Teatro Degli Orrori – A Sangue Freddo (La Tempesta, 2009)

Oggi nessun gruppo italiano esterno al giro mainstream e dal suono così duro possiede la visibilità che può vantare il Teatro Degli Orrori; oggi, ma non da oggi. Forti di una credibilità ottenuta soprattutto calcando i palchi della penisola erano attesi al varco del secondo disco e ne erano consapevoli. Fra il replicare l'album precedente e il cambiare, magari alleggerendosi, il quartetto sceglie l'antica tecnica dell'un colpo al cerchio e uno alla botte, mantenendo l'originale durezza ma inserendo qua e là qualche divagazione più orecchiabile ed elegante.
Non fatevi ingannare dall'iniziale Io Ti Aspetto per voce, archi e pianoforte, già dalla seguente la temperatura comincia a salire col solito rock'n'roll roccioso alla Jesus Lizard, sebbene un po' annacquato. Non aiutano gli ospiti, numerosi come in ogni album "importante che si rispetti, ma utili più a nobilitare la canzone col proprio nome che non a portare un effettivo contributo; in questo caso sono della partita Jacopo Battaglia degli Zu, Nicola Manzan di Bologna Violenta, Giovanni Ferliga degli Aucan, i Bloody Beetroots e un'altra mezza dozzina che non sto qui a citare. È invece Capovilla il mattatore incontrastato delle 12 tracce: stile vocale ormai codificato (fino a rischiare l'autoparodia), istrionico ed eccessivo, scorrazza in lungo e in largo citando Celentano e recitando Majakovskij, lanciando didascaliche invettive politiche e cantando toccanti storie d'amore finito, elementi contrastanti che, forse, troveranno la quadratura dal vivo. Vien quasi da pensare che A Sangue Freddo sia più il suo album solista che non il parto di un gruppo, ma piaccia o no è lui l'elemento di spicco e la squadra è al suo servizio, anche a costo di sacrificare un po' della furia consueta. Rispetto all'esordio l'album è nel complesso più a fuoco, senza gli squilibri che caratterizzavano Dell'impero Delle Tenebre, con vantaggi e svantaggi: mancano i pezzi di grande presa (a parte forse quello eponimo) ma anche le canzoni insopportabili che allungavano inutilmente il minutaggio del predecessore. Fa eccezione l'orrenda Padre Nostro (sì, proprio la preghiera, rivista e non troppo corretta) che richiama alla mente gli altrettanto orrendi Rats (sì, proprio quelli di Indiani padani e Chiara). In fin dei conti, pur senza segnare un passo falso, questo secondo album appare meno dirompente dell'esordio e cercando di essere più fedele a quello che il gruppo è dal vivo, fallisce nel tentativo di trasmettere la stessa intensità.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

VacuaMœnia - Borgo Schirò Churchscape (Galaverna, 2014)

L’uscita autunnale di Galaverna (sì lo so, siamo indietro di una stagione…) mette in relazione l’etichetta veneto/barese col collettivo siciliano…

13 Jan 2015 Reviews

Read more

Vieri Cervelli Montel - I (Tanca, 2022)

Quel che appare chiaro ascoltando per le prima volte il lavoro di Vieri Cervelli Montel è la sua capacità lirica,…

29 Jul 2022 Reviews

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Adam Wolf - Songs I/II (Autoprodotto, 2018)

Adam Wolf ha due band di musica energica e chitarrosa (Wolfhand e Sleeping In), non particolarmente originali: le foto dei…

01 Mar 2018 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Chris Forsyth & Shawn Edward Hansen - Dirty Pool (Ultramarine,…

Di recente mi è capitato di guardare di sfuggita un articolo che riguardava esattamente questi due musicisti, ammetto di…

15 Nov 2009 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Gopota – Knots Of Fear (Torga Amun, 2016)

Gopota (delinquente di basso livello in russo) è uno di quei progetti che non fa sconti e apparentemente con poca…

26 Aug 2016 Reviews

Read more

AA. VV. - Italian Resonances -Dronegazers? (Oak, 2014)

Fare il punto sulla stato dell’elettronica italiana maggiormente orientata alla ricerca non è facile, soprattutto per via delle molte uscite…

09 Jul 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 24 (09/04/15)

Puntata numero ventiquattro della terza stagione di The Sodapop Fizz: ospite Luca Sigurtà con due pezzi dal nuovo disco in uscita su…

13 Apr 2015 Podcasts

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top