Il Lungo Addio – Pinarella Blues (Wallace/TB, 2014)

Per la riviera ci siamo passati in tanti, da piccoli con la famiglia o da adolescenti a dividersi fra spiagge e locali. Magari, chissà, ci si capita ancora adesso. Ma qualunque sia stata la vostra esperienza, quell’aria di disfacimento,  quella malinconia che questa terra trasmette, un po’ l’avrete respirata. Non è palese, la si coglie di sfuggita fra le file di cabine degli stabilimenti balneari, o con la coda dell’occhio dietro alle facciate degli alberghim ma c’è ed lì che Il Lungo Addio la va a cercare e la mette al centro della propria poetica.
Più che poetica è forse il caso di parlare di ossessione:  ad oggi, ben sei CDr e un 7”, tutti dedicati alla riviera, alle sue cittadine, alle sue abitudini; d’altra parte, sei uno che se ne va in giro in abito scuro e maschera da elefante sul capo, qualcosa che non quadra c’è. Quello che quadra, nel suo particolarissimo modo, è questo Pinarella Blues, prima album ufficiale de Il Lungo Addio, nonché primo dove il nostro Ganesh esistenzialista si fa accompagnare da una band, traghettando il suono verso uno scarno post punk/wave, comunque memore delle radici folk. Sette canzoni brevi (da un minimo di due minuti a un massimo di poco più di tre), cantate con voce profonda, a volte sgraziata ma sempre efficace, dove la collisione di una musica romantica e decadente e la voluta banalità dei testi, talvolta davvero grotteschi, ha un effetto assolutamente straniante. Tra storielle che richiamano il cabaret de I Gufi, accenti degni del Faust’O più alienato (Lido Adriano) e una Pinarella Blues che ricorda stranamente Metà Settembre dei Calle Della Morte (ma è facile cantare la decadenza a Venezia, venite a farlo a Cervia…), questo sarà il vostro anti-disco dell’estate. Anche se non lo sapete, ne avete bisogno.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luminance Ratio / Steve Roden - Split 7" EP (Fratto9…

Mini in coproduzione tra la Fratto9 Under The Sky di Gianmaria Aprile e la Kinky Gabber di Luca Sigurtà (qui…

17 May 2012 Reviews

Read more

Drink To Me – Brazil (Unhip, 2010)

Brazil, secondo album del trio eporediese, segna un’evoluzione netta rispetto al precedente Don’t Panic Go Organic. Abbandonate quasi completamente le…

10 Mar 2010 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Like Lamps On By Day (Old…

Under My Bed e Old Bicycle uniscono le forze per dare alle stampe, su cassetta e CD-R con diversa grafica…

11 Mar 2014 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – Fingers (Important/Cat|Sun, 2015)

Alberto Boccardi si dà al rock? A chi ricorda le sue prime esibizioni, dove armeggiava con le macchine imbracciando l’inseparabile…

10 Sep 2015 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Swedish Mobilia/Luca Aquino – Did You Hear Something? (Leo, 2013)

Tornano i tre Swedish Mobilia per la seconda uscita sulla mitica etichetta di Leo Fegin, e il combo nostrano non…

29 Nov 2013 Reviews

Read more

Father Murphy - Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo,…

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell'autore, sarebbe talvolta (se…

23 Apr 2012 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more

Paal Nilssen-Love - New Brazilian Funk / New Japanese Noise…

Spesso è difficile seguire con attenzione scene tanto produttive come quella improvvisativa, fatta di infinite occasioni di confronto e innumerevoli…

14 May 2019 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jealousy Party - Live (Fratto9 Under The Sky/Barlamuerte/Megaplom/Burp/etc., 2010)

In questo caso si tratta di un buon live con cui si auto-celebra un gruppo storico della musica free di…

21 May 2010 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top