Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l’esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima. Il nome farebbe pensare a qualcosa di indie, invece questo duo chitarra/batteria si cimenta con della musica improvvisata che, pur con qualche particolare ancora da registrare, fa davvero piacere ascoltare.
Intelligentemente breve, per non rischiare di tediare l’ascoltatore, ma comunque esaustivo riguardo alle qualità del gruppo, Scie mette in fila cinque brani costruiti intorno a esili melodie di chitarra, disturbate dai battiti irregolari di una batteria mobile ma mai troppo invadente e da qualche rumore concreto; è musica pulsante e atonale, misurata e quasi priva di asprezze, dove pieni e vuoti si equilibrano. Sicuramente un pregio del gruppo è quello di non ricercare il facile effetto, ma di dedicarsi con cura alla costruzione delle trame, attraverso suoni puliti e un controllo assoluto della materia sonora, con coraggio e una già buona maturità. Anche se non siamo ancora su quei livello, a tratti mi hanno ricordato il blues sghembo del progetto Polvere del duo Iriondo/Coletti e il rock-blues scarnificato dei Madrigali Magri: è infatti questa una musica che tende al rock o, a seconda del punto di vista, che dal rock parte per poi decostruirlo. La registrazione casalinga penalizza un po’ l’ascolto, cosi come qualche passaggio un po’ inconcludente, ma sono peccati davvero veniali. Alla fine dell’ascolto rimane la buona impressione di un gruppo che fa del basso profilo un pregio e che ha saputo mettere insieme un disco che esprime curiosità e voglia di esplorare la materia sonora senza intellettualismi, attraverso il lavoro e la continua sperimentazione.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Caligula031/Le Cose Bianche – Final Muzik CD-Singles Club 06 (Final…

Mancava ancora, al novero dei generi presi in esame dal single club della Final Muzik, la virulenza del power electronics;…

13 Oct 2014 Reviews

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

Noise Female

Breve escursione nell’affascinante stato dell’arte del suono femminile del 2018. Il breve percorso che stiamo per fare non vuole aggiungere nulla…

21 Dec 2018 Articles

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

666 - ...Perché In Fondo Lo Squallore Siamo Noi (Hellnation/Tuscia…

Soltanto loro potevano riuscirci. Solo il Plakkaggio e l'instancabile Roberto Gagliardi (Hellnation) potevano riuscire nell'intento di declinare in chiave oi/thrash…

22 Feb 2016 Reviews

Read more

Incoming Cerebral Overdrive - Controverso (SupernaturalCat, 2009)

La Supernatural Cat riesce a sorprenderci ancora una volta, rivelandosi come forse la più attenta ed intelligente etichetta di musica…

06 Dec 2009 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top