Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due, essendo il gruppo diviso fra Pittsburg e Santa Fe, due entità autonome che si ritrovano di tanto in tanto per unificare le varie composizioni. Non ci è dato sapere, ma immagino che le due teste siano rappresentate dal chitarrista e dal sassofonista, che ben interagiscono e si spartiscono le aree di influenza dei vari pezzi.
Comunque sia la band, ma sarebbe più il caso di parlare di orchestra, parte come una versione decisamente più facile e meno sintetica degli ultimi Battles, in particolare quelli pop e cazzoni dei pezzi cantati, con la batteria che pesta spesso e volentieri e la chitarra, protagonista assoluta, che fa un lavoro egregio, tecnico ma mai troppo lezioso, mentre il cantato mantiene il tutto su livelli di assoluta fruibilità. Strada facendo emergono passaggi degni del prog più manierato e anche questo ci può stare, molto math-rock trova lì i suoi predecessori, ma quando all'altezza di Know It Aint' Right ci troviamo immersi nel soul dei tardi '70, quasi al confine col dancefloor che esploderà nel decennio successivo, il colpo è duro. Certo, la brevissima Host Skull ce ne aveva dato un assaggio coi suoi fiati in evidenza, ma questo rischia di essere davvero troppo. Summer Stained, deliziosa ballata indie ci rianima, ma rimescola ulteriormente le carte. Sul finale sono le tastiere e gli arrangiamenti d'archi a prevalere e sullo sfondo si accalcano i fantasmi della Motown e di Marvin Gaye, come potrete ben immaginare più per gli arrangiamenti che non per la voce, che è in effetti il punto debole del gruppo, con inserti math piuttosto duri che fanno capolino a ribadire quale sia il substrato che ha generato una simile alchimia. Totally Fatalist è un album eccentrico che in condizioni normali mi irriterebbe a morte, ma che è talmente scompaginato da farlo, se non proprio apprezzare, almeno benvolere per il suo essere pop assolutamente improponibile, contemporaneamente in ritardo e in anticipo sui tempi. Ovviamente non epocale, ma merita certamente un ascolto.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Pale Sister – Embeddead (Sincope, 2014)

L’oscuro progetto Pale Sister ritorna a far sentire la propria lancinante voce su Sincope, sempre disponibile a fare da cassa…

17 Dec 2014 Reviews

Read more

Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e - dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo…

02 Feb 2018 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Invade (O.F.F., 2013)

Come per ogni oggetto volante non identificato che si rispetti, non so darvi alcuna notizia su questi Space Aliens From…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Giacomo Papetti/Emanuele Maniscalco/Gabriele Rubino - Small Choices (Aut, 2013)

E pensare che ho conosciuto Davide solo due anni fa, ad un mini festival in quel di Bologna e…

20 Jun 2013 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

VV. AA. - Eternallyt. The Corrugated Complication (Asbestos Digit, 2018)

Arrivano a cinquanta le uscite della Asbestos Digit e il risultato viene marcato con questa compilation a tiratura limitata e…

04 Aug 2018 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

LvQ – (Y) (Autoprodotto, 2009)

Il passo più duro è stato mettere il CD nel lettore, superando la paura di trovarsi davanti all'ennesimo gruppo di…

27 Nov 2009 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more

Iron Molar - Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking…

Dall'hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada…

24 Sep 2008 Reviews

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Transit (EndTitles, 2022)

Come onestamente confessato, per Joan Jordi Oliver ed il suo Enlaire ho avuto un vero e proprio colpo di fulmine.…

30 Jun 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top