Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle cover, sia per il modo in cui vengono eseguite. Se infatti abbiamo conosciuto il terzetto come cover band (per quanto sui generis) di Moondog, mai ce li saremmo aspettati alle prese con estratti della colonna sonora di un leggendario documentario sullo skate.
Video Days, opera di quello Spike Jonze (che poi girerà, fra gli altri, Essere John Malkovich), raccoglieva 25 minuti di evoluzioni di famosi skater alternate a riprese della Prima Guerra del Golfo, allora da poco conclusasi, e commentando il tutto con le musiche più disparate, dal jazz al pop, fino all’hardcore più incompromissorio. Delle nove canzoni presenti nel medio metraggio gli Hobocombo ne scelgono tre, cercando di non far torto a nessun genere. My War dei Black Flag, la cui sola scelta me li fa apprezzare, dopo un attacco che ricorda piuttosto i Dead Kennedys, viene resa in elegante veste pop-jazz che sacrifica più la velocità della cattiveria e non avrebbe sfigurato su In My head. Traneing In di Coltrane, sulla carta il pezzo più vicino all’indole del trio, è violato a forza di rumore analogico, su cui galleggia qualche frammento melodico, un incontro in una terra di nessuno in cui sia gli esecutori che l’autore sono ugualmente stranieri. Infine Cancion Mixteca, tradizionale messicano che nel documentario era proposto nella versione di Ry Cooder, viene resa strumentale e con malinconico feeling Roniniano. Rispetto alle esibizioni live, che ce li avevano mostrati timidamente uscire dall’ombra di Moondog, questo EP mischia le carte, col gruppo che finge di mettersi sotto la protezione di altri numi, ma in realtà li usa per aggiungere colori alla propria tavolozza e sugerirci le direttrici dei futuri sviluppi. Sembrava una piccola cosa questo EP, gli Hobocombo invece sfruttano ottimamente l’occasione, rendendo significativo quello che rischiava di essere un simpatico diversivo e nulla più.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Benoit Martiny Band – S/T (Quinto Quarto, 2008)

Quintetto che ruota attorno alla figura del batterista lussemburghese Benoit Martiny, se vogliamo concettualmente paragonabile al nostro Francesco Cusa, quindi…

11 Oct 2010 Reviews

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

Nigloswing - Senza Filtro (Autoprodotto, 2005)

Un tuffo negli anni ’30, quando il “mer” era più blu, e non solo quello di Charles Trenet, più di…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Pablo Montagne – Solo Immobile (Guitar Works) (Setola Di Maiale,…

Guitar Works di nome e di fatto e visto che Pablo Montagne utilizza sia chitarre acustiche che elettriche le variazioni…

28 Sep 2010 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Alberto Boccardi – 05/07/12 Il Revisionario (Brescia)

Chiude la stagione il Re Visionario con un altro musicista della scuderia Fratto Nove, quell'Alberto Boccardi di cui avete letto…

13 Jul 2012 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top