Hobocombo – Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon A Time (Trovarobato/Parade, 2011)

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea Belfi (che di recente abbiamo visto in compagnia di David Grubbs), Francesca Baccolini (già negli Urania) e Rocco Marchi (Mariposa) arriva il momento di un esordio discografico che combina assetto strumentale jazz e allegro spirito rock'n'roll, a cui si accodano echi caraibici e sapori del Morricone più messicano. E, sorpresa, il tutto suona elegantemente pop.
Sono sette pezzi, tutti appartenente al repertorio di Moondog, eccentrico musicista uso ad aggindarsi da vichingo per le strade della Grande Mela, al cui tributo è dedicata l'attività del terzetto. Il rischio, in casi come questo, non è tanto l'apparire una pedissequa cover band (la formazione contrabbasso/batteria/chitarra elettrica e synth, mai utilizzata dall'artista americano, scongiura fin da subito il rischio), quanto quello di restituire delle versioni normalizzata delle composizioni. Quante canzoni di Syd Barrett o Daniel Johnston avete ascoltato, totalmente disinnescate da esecuzioni banali? Diciamo subito che non è questo il caso, dato che tutte le rielaborazioni sono fedeli allo spirito, ma non eccessivamente rispettose delle strutture originali: alcune vengono dilatate (Theme), altre messe in loop (All Is Loneliness) o riviste con inserti vocali (di tutti e tre i musicisti) in sostituzione gli strumenti originari. Anche dal punto di vista della caratterizzazione non esiste uno schema fisso, ogni composizione viene assimilata e restituitaci con un trattamento ad hoc: qualcuna è resa più austera, qualcun'altra più giocosa (Be A Hobo) o malinconica (Enough About Humar Rights), sempre fatti salvi i tempi dispari, marchio di fabbrica del vichingo urbano, che danno la chiave di lettura di un lavoro fruibile sia "di pancia" che con orecchio attento. Hobocombo è l'anello di congiunzione fra il Moondog minimale dei concerti sui marciapiedi e quello più elaborato delle registrazioni in studio: musica fortemene empatica che avrà la possiblità di farsi apprezzare da un ampio ventaglio di ascoltatori.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paal Nilssen-Love - New Brazilian Funk / New Japanese Noise…

Spesso è difficile seguire con attenzione scene tanto produttive come quella improvvisativa, fatta di infinite occasioni di confronto e innumerevoli…

14 May 2019 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more

Lali Puna – Our inventions (Morr Music, 2010)

Penso che chi abbia amato, anche per un breve lasso di tempo, gruppi come Notwist, Mùm e i primi Belle…

19 Mar 2010 Reviews

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Dispositivoperilanciobliquodiunasferetta – Rembrandt Era Eccezionale (UHR/Lemming/Respira, 2009)

Dobbiamo prendere atto che oramai i giovani musicisti crescono a pane e Battles come una volta si cresceva con i…

04 Nov 2009 Reviews

Read more

Wound – And Nothing Will Be The Same (Spirit Throne,…

Ha un che di funereo, nel suo candore intaccato solo da fiori raffigurati in toni di grigio, questo nastro del…

08 Sep 2015 Reviews

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

UR / Craig Hilton - I Will Be The Light…

La nuova rappresentazione del terzetto genovese degli Ur, questa volta affiancato sebbene solo virtualmente dalla one man band Craig Hilton,…

07 Jun 2009 Reviews

Read more

St.Ride - Fuori (Niente, 2014)

Disco numero tredici, se non erro, nella copiosa discografia del duo genovese e primo nel formato doppio album: Fuori infatti…

13 May 2014 Reviews

Read more

COG - Course Over Ground (Moonlee, 2007)

Urticante e spigoloso "blues‘n'crawl" croato di ispirazione palesemente Shellac/Jesus Lizard. Forse un filo troppo simile alle fonti ispirative per non…

11 Oct 2007 Reviews

Read more

King Suffy Generator – 60 Minutes Circle (Escape From Today,…

Se l’ascolto delle prime battute di 60 Minutes Circle potrebbe frettolosamente far pensare ad un classico gruppo post rock (e…

09 May 2010 Reviews

Read more

Prettiest Eyes - Looks (Aagoo, 2015)

Con un sound dalle basi blues ma bersagliato senza sosta da attacchi di psichedelia e noise, i californiani (originari di…

31 Aug 2016 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Romina Daniele - Aisthanomai. Il Dramma Della Coscienza (Polygram, 2008)

Partirò subito dicendo la cosa più scomoda, ovvero che si tratta di un disco in cui lo…

23 Apr 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top