Guided By Voices – The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da fan, noto come le recensioni magicamente si allungano in una sorta di mini monografia sul gruppo. Tutto perchè si apre per magia un file in testa davvero pauroso. E così solo dopo una lunga premessa, come più volte è successo in Sodapop, mi ritrovo a scrivere del disco vero e proprio che finisce recensito, spesso sbrigativamente, nelle ultime tre righe. E il più delle volte, si ha a che fare con una mezza ciofeca. Venendo perciò al nuovo lavoro dei GBV e dribblando il pericolo il più possibile, che si può dire? beh iniziamo ricordando la loro proverbiale prolificità (secondi a nessuno, nemmeno a Ty Segall). Sono tornati infatti – quasi in età da pre pensionati – a sfornare ben tre dischi, e tutti in un solo anno. Quattro, addirittura, se contiamo anche un album a nome Robert Pollard. E questo The Bears For Lunch, il terzo della serie, sembra proprio un’ennesima chicca imperdibile, dopo i primi due lavori, tutt’altro che trascurabili. Non fatevi ingannare dal basso profilo o dalla freddezza con cui il disco è stato accolto: non inventa nulla di nuovo, ed ovviamente tutte o quasi le webzine che fanno tendenza sulle facce nuove, non possono andare oltre al decoroso giudizio di sufficienza. Modestamente direi che l’album potrebbe benissimo essere annoverato tra i picchi della loro carriera (se non ai livelli di Alien Lanes o Bee Thousand, The Bears For Lunch non sfigura affatto se paragonato a Under the Bushes Under The Stars, fosse solo per la durata dei brani). Qua dentro ci sono pezzi incredibili, dal pop perfetto di Skin To Skin Combat o Waving At Airplanes (con un Tobin Sprout in stato di grazia) a tracce indelebili quali White Flag o Everywhere Is Miles From Everywhere. Resta la frustrazione verso i gruppi iperproduttivi: non ti godi mai il grande pezzo che sta passando sullo stereo, ma pensi subito – terrorizzato di tralasciare qualcosa – a quale altra canzone potresti perdere, infilata magari in mezzo a 30-40 tracce di un’uscita che ti era sfuggita. E mentalmente si fa fatica a trovare, raccogliere e catalogare la discografia con un certo metodo. La cosa ridicola, non volevo nemmeno scriverlo, è che ho preparato alla fine un The Best Of GBV 2012 per l’auto, composto da una quarantina di tracce con tutto, o almeno, un buon 90% di questo disco e un 30%- 40% dei due precedenti Class Clown Spots A UFO e Let’s Go Eat The Factory. Uscito a fine 2012 rendiamo ora a The Bears For Lunch l’onore che merita.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Filtro – Riflesso (Upside Down, 2017)

Filtro nasce dall’incontro fra Angelo Bignamini (Lucifer Big Band, The Great Saunites) e Luca De Biasi (Satantango, Vhd Vhd) e…

10 Jul 2017 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Walter Smith Project - S/T (WSP, 2006)

Un cd a tratti particolare, ma che finisce un po' con il perdersi nonostante le buone intenzioni. Elettronica quasi "break…

09 Mar 2007 Reviews

Read more

Nufenen - Lamo La Stiabe (Eisfabrik, 2009)

Strani davvero questi svizzeri. Benchè strutturalmente semplici, il loro rifuggire esplicitamente da etichette formali prestabilite li rende intriganti e…

16 Dec 2009 Reviews

Read more

Davide Maspero/Max Ribaric - Come Lupi Tra Le Pecore…

È un'opera monumentale quella messa insieme da Davide Maspero e Max Ribaric per i tipi della Tsunami, non solo per…

08 May 2013 Reviews

Read more

Stalker - S/T (Produzionisante, 2008)

"Felicità per tutti, libertà, nessuno se ne andrà insoddisfatto!" Sardonicamente si chiude così il capolavoro assoluto dei fratelli Strugatsky…

14 Jun 2008 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more

Joan Of Arc - Boo! Human (Polyvinyl, 2008)

Ricca ospitata per il nuovo Joan Of Arc (Iron And Wine, Wilco e Bonnie Prince Billy tra gli altri), tanto…

17 Jul 2008 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Pugaciov Sulla Luna - S/T (Autoprodotto, 2014)

Giovane terzetto trentino all’esordio, i Pugaciov Sulla Luna dicono di aver raccolto in questo EP “volti diversi di uno stesso…

05 Nov 2014 Reviews

Read more

L’Esperimento Del Dr. K - S/T (Flamingo, 2019)

Horror garage punk  senza compromessi e con il ciuffo di Glenn Danzig. Punto di forza del quartetto genovese è sicuramente…

30 Mar 2020 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

Lean Left - Medemer (PNL, 2020)

Medemer è il nuovo lavoro dei Lean Left, quartetto di improvvisazione radicale formato dal jazz rebel norvegese Paal Nilssen-Love (batteria),…

17 Jul 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top