Girl Talk – Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per i catchy riffs o quei giretti che ti rimangono appiccicati in testa per settimane. Poi, magari, si nascondono per tre o quattro anni da qualche parte e ti svegli una mattina ed eccoti a canticchiarli sorseggiando il caffè o levando il blocco al motorino.
Come funzioni il cervello neanche lo so. Come funzionino le mie sinapsi e come recuperino e immagazzinino queste inutili informazioni nei meandri della mia materia grigia neanche mi interessa tanto. Ma se dovessi trovarmi a descriverla, probabilmente userei un mix di Gregg Gillis, aka Girl Talk, come sottofondo. Perchè alla fine, delle canzoni, ci ricordiamo proprio solo quei brandelli, tutti quei giretti appunto, mica le complesse strutture o i testi, per profondi che siano. Se concentrate il meglio e il peggio di quello che avete ascoltato se avete tra i venticinque e i trentacinque anni, il risultato sarà un mash up di bastard pop quasi perfetto, come questo. Con una percentuale di grunge e brit pop d’annata (dagli Smashing Pumpkins ai Verve passando per i Pixies) che fa da sfondo alle più splendenti boiate r’n’b recenti da Britney a Gwen a Mariah… Inutile perdersi nei meandri delle citazioni, nel minimale booklet del cd trovate tutti i riferimenti, quasi loop per loop. Il disco viene bene, quindi, per le vostre gare di “spotta l’intruso”, per il “quanto basso riesci ad andare”, “indovina chi” e altri giochi di società da fare con il vostro wikipedia/scaruffario preferito tanto quanto se viene usato come entusiasmante base per le feste in cui volete far finta di mixare ma in realtà c’avete solo mira di svizzerare più tipe possibile. La critica minima è che, tolta la base più storica che fa parte del DNA dell’ascoltatore medio di musica anglofona alternativa, il resto rimane troppo legato alla produzione pop del momento che, per ovvi motivi, diventerà materiale obsoleto in tempo zero. L’unica è rimanere attaccati al campionatore di Girl Talk, che peraltro pare faccia anche dei live bomba, seguendolo nel suo labirintico ricettacolo di suoni sfasciati da ricomporre in forme nuove.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

T.A.C. - Chaosphere (Old Europa Café, 2013)

Rispolverato fuori dal cassetto di Simon Balestrazzi, esce a quindici anni di distanza questo Chaosphere, registrato infatti nel 1997/1998 ma…

01 Jul 2013 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

The Fresh & Onlys - S/T (Castle Face, 2008)

Ultimamente sono ossessionato dalla teoria dell'estinzione del rock entro e non oltre i prossimi trent'anni. E visti i prodromi…

17 May 2009 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

VV. AA. - Cinque pezzi facili 5 (Under My Bed,…

Capolinea per la serie Cinque Pezzi Facili: quinto capitolo, ultimi due gruppi. E finalmente, accostando le copertine, potrete riconoscere il…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell'ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

Enabler - All Hail The Void (Southern Lord, 2012)

Mi ero ripromesso di non cagare di striscio nessun disco della Southern Lord che presentasse una copertina nera e contenesse…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Black Rainbows - Carmina Diabolo (Longfellow Deeds, 2010)

Ennesima clonazione della fuzzatissima formula, ormai nemmeno più tanto in voga, che a metà anni novanta ha portato Josh Homme…

01 Jul 2010 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top