Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions (Sonicabotanica, 2015)

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete persa qui trovate il podcast):  si parlò (e si ascoltò) di classica contemporanea, privilegiando quei progetti  che, pur rientrando a pieno titolo in quest’ambito, non creassero una barriera con l’ascoltatore non edotto o, peggio, neofita. Insomma, musicisti colti ma non spocchiosi, tanto per semplificare. Bene, quella sera Giovanni Dal Monte in scaletta non c’era, ma avrebbe potuto starci benissimo.
Qui la componente di base è costituita da un’elettronica figlia dei ’90 -si ascoltino le due Tremors o i battiti fra breakbrat e IDM presenti in quasi tutte le tracce – che, proprio perché gli anni passano e si matura, capisce che può permettersi di esplorare altri ambiti (la musica classica e finanche l’opera, in questo caso) senza perdere la propria essenza, anzi trovando una collocazione per la musica del passato (il Mussorgsky della seconda traccia) e traendone nuova linfa. In questo senso l’inizio è fulminante, con un brano compiutissimo e drammatico come Cafe Richmond, elettronica pulsante che viviseziona uno strumento a corde (un violoncello?): è uno stilema che ritroviamo altrove  nel lavoro- anche se con coloriture sempre diverse – e che ne segna i momenti migliori. Waves That Never Will Be Heard, suono di archi sconnesso e canto lirico che, sul finale, arriva a sfiorare la grandeur laibachiana, From The Cage che fa convivere tribalismo elettronico e classicismo, Shadows That Never Will Be Seen ossessiva con le sue ripetizioni e poi ci culla in una malinconica atmosfera da colonna sonora. Stona un po’, come mood e non come qualità , la bonus track Let’s Go Minimal, beffarda si dal titolo, che si permette di infilare un campionamento di Marlene Dietrich in un moderno e sporchissimo elettro-funk. In realtà non è possibile rendere l’idea della minuziosa tessitura che compone ogni brano, frutto di un lavoro di scrittura complesso e ricercato che, come si diceva, non mette in soggezione l’ascoltatore, ma lo accompagna e gli fa apprezzare territori che mai si sarebbe sognato di frequentare, con naturalezza, senza intellettualismi. L’avanguardia come dovrebbe essere sempre, insomma.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mekanik Komando - Shadow Of Rose (Catsun/Monotype, 2010)

Iniziamo parlando della Monotype anche perché la Catsun ne è una sussidiaria e incominciamo con il dire che si tratta…

21 Oct 2010 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

The Dutch Courage – An Antology Of Collected Wreckages (Under…

Echi di naufragi lontani. Registrato in un lasso di tempo che va dall’inverno del 1998 all’estate del 2003, An Antology…

10 Oct 2014 Reviews

Read more

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

X-Mary - X-Mary Al Circo (Coproduzione, 2007)

Tornano i nostri eroi da San Colombano Al Lambro e ci regalano un viaggio al circo, a Fatima e in…

29 Mar 2008 Reviews

Read more

Fozzy - All That Remains (SPV/Steamhammer, 2005)

Finalmente una band programmaticamente perfetta: Fozzy! Un poco Fonzie e un poco Ozzy, la sintesi insomma della miglior tradizione americana:…

15 Aug 2006 Reviews

Read more

Father Murphy – Calvary (Blue Tapes, 2015)

“Questo è un Calvario, non è mica una scampagnata!” diceva il Necchi al Melandri, impegnato ad interpretare Cristo in una…

28 Jan 2015 Reviews

Read more

St.Ride - Conquistare Il Mondo (Niente, 2013)

Due lembi di bandiere strappate attaccate ad un palo piantato nell'acqua, con il panorama del mare davanti a noi: ecco…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Lean Left - Medemer (PNL, 2020)

Medemer è il nuovo lavoro dei Lean Left, quartetto di improvvisazione radicale formato dal jazz rebel norvegese Paal Nilssen-Love (batteria),…

17 Jul 2020 Reviews

Read more

The Swans + Xiu Xiu – 23/03/13 Interzona (Verona)

E venne il giorno, anzi, la notte degli Swans, inevitabilmente fredda e piovosa nonostante la primavera già ufficialmente iniziata da…

29 Mar 2013 Live

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

Massimo Falascone – Variazioni Mumacs (Public Eyestore, 2014)

Variazioni Mumacs di Massimo Falascone, sassofonista con una lista di collaborazioni fitta come un elenco del telefono,  è un album…

21 Jul 2014 Reviews

Read more

Robair/Ezramo/Fenech/Buchler/Ulva - Popewaffen (Corvo, 2011)

Combo in cui si trovano Gino Robair (che oltre ad una carriera come insegnante, improvvisatore ed altro ha collaborato "solo"…

26 Jul 2011 Reviews

Read more

Colmorto - Volume 1 (Torto, 2020)

Sublime cavalcata strumentale in perfetto equilibrio tra il colto jazz rock e il post rock più strutturato. La neonata Torto…

20 Jul 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top