Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions (Sonicabotanica, 2015)

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete persa qui trovate il podcast):  si parlò (e si ascoltò) di classica contemporanea, privilegiando quei progetti  che, pur rientrando a pieno titolo in quest’ambito, non creassero una barriera con l’ascoltatore non edotto o, peggio, neofita. Insomma, musicisti colti ma non spocchiosi, tanto per semplificare. Bene, quella sera Giovanni Dal Monte in scaletta non c’era, ma avrebbe potuto starci benissimo.
Qui la componente di base è costituita da un’elettronica figlia dei ’90 -si ascoltino le due Tremors o i battiti fra breakbrat e IDM presenti in quasi tutte le tracce – che, proprio perché gli anni passano e si matura, capisce che può permettersi di esplorare altri ambiti (la musica classica e finanche l’opera, in questo caso) senza perdere la propria essenza, anzi trovando una collocazione per la musica del passato (il Mussorgsky della seconda traccia) e traendone nuova linfa. In questo senso l’inizio è fulminante, con un brano compiutissimo e drammatico come Cafe Richmond, elettronica pulsante che viviseziona uno strumento a corde (un violoncello?): è uno stilema che ritroviamo altrove  nel lavoro- anche se con coloriture sempre diverse – e che ne segna i momenti migliori. Waves That Never Will Be Heard, suono di archi sconnesso e canto lirico che, sul finale, arriva a sfiorare la grandeur laibachiana, From The Cage che fa convivere tribalismo elettronico e classicismo, Shadows That Never Will Be Seen ossessiva con le sue ripetizioni e poi ci culla in una malinconica atmosfera da colonna sonora. Stona un po’, come mood e non come qualità , la bonus track Let’s Go Minimal, beffarda si dal titolo, che si permette di infilare un campionamento di Marlene Dietrich in un moderno e sporchissimo elettro-funk. In realtà non è possibile rendere l’idea della minuziosa tessitura che compone ogni brano, frutto di un lavoro di scrittura complesso e ricercato che, come si diceva, non mette in soggezione l’ascoltatore, ma lo accompagna e gli fa apprezzare territori che mai si sarebbe sognato di frequentare, con naturalezza, senza intellettualismi. L’avanguardia come dovrebbe essere sempre, insomma.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Moving Mountains - Pneuma (Deep Elm, 2008)

Ci sono quelli che detestano mettere riferimenti di altri gruppi nelle recensioni e quelli che per forza di cose li…

27 Oct 2008 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge: oltre la fortezza europea

L'Enfance Rouge è un terzetto franco-italiano composto da François R. Cambuzat (voce, chitarra), Chiara Locardi (voce, basso) e Jacopo Andreini…

15 Sep 2008 Interviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Mexico (Lizard/Grey Sparkle/MCL/Old Bycicle/Afe, 2011)

Invecchiato tre anni. Questo riporta la cover del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey. E come un buon whisky che…

21 Feb 2012 Reviews

Read more

Schonwald - Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

Rec_L – For Anita (Kaczynski, 2018)

La seconda uscita della Kaczynski, dopo la compilation Pulsioni Oblique, è un 7” in vinile che definire ultralimitato è un…

04 Apr 2018 Reviews

Read more

Illachime Quartet - Sales (Zeit/Lizard, 2012)

Tornano gli Illachime Quartet con Sales, disco di remix e rielaborazioni varie da brani estratti dai loro due dischi e…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Roll The Dice - In Dust (Leaf, 2011)

Questo duo svedese approda su Leaf per il secondo disco in studio e per quanto io non sia molto incline…

15 Nov 2011 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Polinski – Labyrinths (Monotreme, 2011)

Colpito dalla visione di Drive, mi sono chiesto quanto a volte un buon film possa diventare quasi un capolavoro se…

07 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top