Giovanni Dal Monte – Reforming The Substance (SonicaBotanica, 2016)

È un progetto ambizioso questo di Giovanni Dal Monte, non lontano da quello messo in piedi da Okapi con Musica Riparata ma con risultati decisamente meno pop: si parte dalla musica classica e filtrandola attraverso l’elettronica si arriva a qualcosa di nuovo che non è né l’una né l’altra cosa. Detta così il tutto potrebbe apparire relativamente semplice, quasi banale, ma il fatto è che attingere a un patrimonio come quello della classica occidentale non è cosa semplice, ci si porta inevitabilmente dietro tradizioni, echi e retaggi che sono inscindibili dalla musica e che pongono paletti a chi cerchi, come il nostro, di riformarne la sostanza. Insomma, se si forza troppo la materia si rischia di trovarsi fra le mani e nelle orecchie una sostanza informe, se ci si limita ad aggiungere qualche suono moderno si rischia una schifezza come già se ne sono sentite in passato (ricordo anche agghiaccianti commistioni rap-classica). Reforming The Substance è un disco-laboratorio dove vengono prese in esame un po’ tutto le possibili declinazioni dell’idea di partenza, da quelle più radicale alle più misurate e meno invadenti. K491KV421, Boris on Broadway e Unser Abendrot che assemblano campioni di sinfonie abbastanza note (per lo più prese da Mozart e Mussorgsky), voci operistiche e misurati interventi elettronici che cuciono, distorcono e mettono in loop gli originali sono gli esempi più riusciti: qui l’elettronica è più un mezzo che un genere e segna le composizioni dettando tempi e forme come un vecchio alfabeto che si dispone secondo le regole di una nuova sintassi. Agli estremi stanno Le Caire En Avril e Ionoafera: il primo è un brano spigolosissimo dove è difficile riconoscere le fonti e si rischia di perde il filo del discorso, il secondo è molto ossequioso nei confronti degli originali e regala meno emozioni rispetto alle altre tracce. Trattazione a parte meritano le tre composizioni conclusive che presentano rielaborazioni delle opere mozartiane Don Giovanni (Dgvnn-A), Flauto Magico (Zbrflt-B) e Fidelio (Fdl-A): sono fotografie che cristallizzano il processo di ridefinizione della forma a metà strada, con le strutture elettroniche ancora in bella evidenza e non ancora fuse con le partiture classiche. Un po’ come i ritagli di giornale che Braque incollava nei suoi quadri cubisti per scongiurare una deriva eccessivamente astratta, questi pezzi ci mostrano contemporaneamente il prima e il dopo e sono un appiglio essenziale per cogliere il senso profondo dell’operazione, specie per chi – come il sottoscritto – con la materia non è proprio ferratissimo: nell’avvicinarsi a Reforming The Substance con piglio filologico andrebbero forse ascoltati per primi. Gli aspetti che questo lavoro chiama in causa – l’attualità dei suoni classici, il debito che verso di loro hanno le musiche contemporanee non necessariamente colte, la produttività di una tale opera di revisione – sono molteplici e richiederebbero approfondimenti che lascio all’ascoltatore, magari guidato dai saggi degli esperti contenuti nel libretto; mi sembra però interessante notare che un disco al tempo stesso godibile (per le orecchie) e difficile (per il cervello) come Reforming The Substance non abbia, almeno sulla carta, ascoltatori di riferimento e per questo si presti ad essere un terreno di incontro/scontro quanto mai produttivo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Night Sins - New Grave (Avant!, 2012)

Una delle primissime musicassette che acquistai, attratto dalla copertina (che, rivista ora, fa orrore...provare per credere) e con la casualità…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Putiferio – Lov Lov Lov (MacinaDischi/Robot Radio, 2012)

Putiferio non ha mai avuto vita facile. Ai tempi della nostra intervista (vai a leggerla qui) reduci dall'abbandono di Giulio…

11 Sep 2012 Reviews

Read more

Modotti - Migranti (Upupa/Fooltribe, 2012)

I tre Modotti suonano come se fossero nati a washington e invece vivono in provincia di Ferrara dalle parti del…

04 Apr 2012 Reviews

Read more

VV. AA. - Asbestos Digit 2019 Sampler (Asbestos Digit, 2019)

La Asbestos è un’etichetta, bisogna ammettere, difficile da seguire a volte: propone una quantità di uscite nel complesso molto valida…

07 Aug 2019 Reviews

Read more

Vincenzo Ramaglia - Formaldeide (Autoprodotto, 2007)

A volte mi stupisco del potere del caos mediatico, della scarsa attenzione che viene prestata a certi generi e della…

29 Apr 2008 Reviews

Read more

Messa In Piaga - S/T (Autoprodotto, 2013)

Ennesima sbrodolatura scatologica per Hugo Bandannas ed Alessandro Scotti arrivati qui finalmente dopo mille sforzi ai minimi storici. Del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Weeping The Black - Meanings In Lacrima (Autoprodotto, 2007)

Ancora metal. Ovviamente. Anche perché: "Heavy Metal will never die!" diceva un caro amico metalmeccanico di Spinetta Marengo. E se…

20 Aug 2007 Reviews

Read more

qqqØqqq / Kaosmos - Sins and Destiny Revelations Under…

Nasce grazie all’inedito triangolo Francia-Italia-Turchia questo Sins And Destiny Revelations Under A Buried Sun, dove i qqqØqqq da Treviso incontrano…

15 Jul 2020 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Capolavoro (Trovarobato, 2014)

Il twist che si racchiude nella testa di Manuel Bongiorni è davvero difficile da codificare. Il one-man-band piacentino, qui all'ennesima…

21 Oct 2014 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Vuur - Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Moka - Hopi (Mokadelic Dream, 2006)

I romani Moka sono in giro dal 2000, dopo un EP, svariate compilation e un album, si fanno notare con…

12 May 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top