Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e ampliati fino a diventare un volume. Non fa eccezione questo, che partendo da diversi articoli di Gino Dal Soler si concretizza in un volumetto di oltre 200 pagine alquanto interessante. Il sottotitolo 40 anni di folk psichedelico e visionario non lascia dubbi su quale sia il contenuto.
Da libri di questo tipo difficilmente potete aspettarvi una lettura eccitante: l'opera è organizzata per capitoli tematici e brevi biografie, la continuità è limitata alle righe introduttive che fanno da indispensabile collegamento fra le varie sezione e anche se si fosse scelto un registro maggiormente narrativo, difficilmente avremmo pagine memorabili, essendo la maggior parte dei personaggi coinvolti musicisti che conducono una vita appartata o comunque tranquilla, ben lontana dai canoni del rock'n'roll divertente e cazzaro. Ciò non toglie che la lettura sia comunque interessante, non si tratta infatti della solita, pedante guida all'ascolto: quello a cui l'autore punta è dare suggerimenti, stimolare il lettore a farsi ascoltatore, fornendo chiavi di lettura senza la pretesa di esaurire sulla pagina ciò che la musica vuole trasmettere (parrebbe scontato, ma non è sempre così). I nomi importanti li troviamo tutti, dagli storici Incredible String Band e Tim Buckley ai moderni Black Forest/Black Sea e Six Organs Of Admittance, oltre a una miriade di minori solo per esposizione mediatica, che qui ottengono invece buona visibilità invitando alla ricerca e all'ascolto. Oltre a questo il libro ha altri punti d'interesse, in particolare la ricostruzione del percorso del psych-folk e la sua storicizzazione, cosa, che io sappia, mai tentata, partendo dall'infatuazione dei giovani inglesi per il suono esotico delle Indie, alle varie scene locali, tedesca e italiana in particolare, fino ad arrivare a sporcarsi le mani con la contemporaneità (giusta e salutare la polemica sull'hype del weird-folk). Un ottimo strumento per chi voglia avvicinarsi al genere o abbia intenzione approfondirlo e una volta letto, un valido strumento di consultazione.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dona Ferentes & Rag Mother - S/T (Nighthawks Tapes, 2008)

Primo split per la Nighthawks Tapes in cui apre le danze (si fa per dire) Dona Ferentes & Rag Mother che…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Hunx And His Punx - Street Punk (Hardly Art,…

"Ganzissimo" ritorno per Hunx And His Punx, power trio format da Seth Bogart e da due fide compagne di band…

23 Sep 2013 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Harshcore - Ponytail, Ponytales (Lisca, 2010)

Ritornano gli Harshcore di Tommaso Clerico e Luca Sigurtà e tengono fede alla loro auto-proclamazione di "weird noise band". Anche…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Wora Wora Washington - Radical Bending (Shyrec, 2012)

E' dal 2008 che questi tre fanno roba che non riesce a farti stare fermo neanche se vuoi. Definito Power-electro…

28 May 2012 Reviews

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more

Ronin + Steffen Basho-Junghans - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

A volte nella vita si commettono errori di ripetizione. Se per andare da A a B si passa per…

26 Sep 2006 Live

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more

Polvere - The Polvere’s Farewell (Old Bicycle/Fabrizio Testa, 2013)

È davvero cosa inattesa e gradita ritrovare il duo composta da Xabier Iriondo e Mattia Coletti dopo anni dallo loro…

10 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top