Giardini Di Mirò + Mimes Of Wine – 7/12/12 Circolone (Legnano – MI)

Con un valido lavoro uscito la scorsa primavera e la ristampa del glorioso primo album Rise And Fall Of Academic Drifting a fine settembre, la premiata ditta Reverberi-Nuccini live non va persa. Questa è l’aspettativa per la serata. Che, vale la pena dirlo subito, viene ampiamente soddisfatta. Ad aprire le danze – mentre fuori c’è un tempo da lupi, visto che la prima neve caduta si sta già ghiacciando – è la bionda Laura Loriga, tastiera e voce (splendida) del progetto Mimes Of Wine di cui è uscito da poco il nuovo album per Urtovox. Del gruppo è solo Laura sul palco a dispiegare, accompagnata egregiamente dalla chitarra di Corrado Nuccini, le ali dei suoi pezzi morbidi e incisivi allo stesso tempo, penetranti come roba di Cat Power, ma più malinconici, suonati ed interpretati con un cipiglio à la Tori Amos. Bella da vedere e da ascoltare. E poi prendono posto in sei sul piccolo palco. Rimane anche la Loriga ad accompagnare alcuni pezzi storici come Pet Life Saver – e non si rimpiange la voce degli Yuppie Flu, anzi…- o diversi nuovi da Good Luck, mentre lo sfondo è costruito da immagini in toni di grigio di viali in pieno inverno, palazzi sfocati e paesaggi nebbiosi che rispecchiano il cortile esterno del locale incorniciato da rami scuri e spogli spolverati di bianco. I Giardini Di Mirò scaldano l’ambiente con un live lungo ed emotivamente pregno, proponendo da molto del loro storico repertorio a pezzi del nuovissimo Ep Unluck con un’intensità che non cala mai. Viene da pensare che gente così, soprattutto in Italia, è rara e che questi qua è almeno quindici anni che scrivono gran belle pagine dell’indie italiano e, ciò nonostante, continuano ad essere a livelli sempre altissimi e a non stancarmi mai. Eccezionale è il primo aggettivo che penso quando si capisce che il concerto – dopo un generoso bis – è proprio finito e, nonostante il fastidio che provo a sentire Smells Like Teen Spirits come primo pezzo messo dal resident dj del locale (a.k.a. Una canzone-icona a caso che, per dirla con Elio E Le Storie Tese, “non c’entra un cazzo, ma che piace ai gio-va-ni”), penso con tenerezza ed empatia ad Andrea Sologni dei Gazebo Penguins che sostituisce momentaneamente – e bene – lo storico Venturelli al basso. Chissà come ci si sente Confusi E Felici a suonare con persone di cui, molto probabilmente, ascoltavi infinite volte i dischi in camera fino a non poco tempo fa.
(foto di Serena Clarà)

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Il Babau e I Maledetti Cretini – Il Cuore Rivelatore…

Secondo fonodramma della trilogia dedicata dichiaratamente ad Edgar Allan Poe che la band meneghina sviluppa anche stavolta attraverso un booklet…

10 Feb 2017 Reviews

Read more

Demetra Sine Die - A Quiet Land Of Fear (Black…

Strano, ma molto interessante melange sonoro quello proposto dai genovesi Demetra Sine Die dove le contaminazioni virali si affastellano le…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more

Rosàrio - And The Storm Surges (In The Bottle Records…

Drammatico stoner fanta-apocalittico quello dei veneti Rosàrio capace di evocare volumi liquidi e mutaforma come in una vecchia pellicola sci-fi.…

23 Jan 2017 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Hypershape Records. Una chiacchiera..

Hypershape è un’etichetta discografica italiana, gestita al momento da Michele Basso e Giorgio Salmoiraghi. I due (ovviamente) loschi figuri non…

20 Mar 2022 Interviews

Read more

The Sinai Divers - Elders (A Lot Of Brians, 2012)

Philippe Henchoz, cantante e chitarrista dei Ventura, negli anni ha registrato canzoni in solitudine tenendole per sé, salvo poi decidere…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Ubik - Anything You Don't See Will Come Back To…

Marco Bonini è un chitarrista jazz con esperienze in ambito improvvisativo (ad esempio lo potete ascoltare negli Acre o nei…

20 Sep 2017 Reviews

Read more

Protestant - Judgments (Shove, 2010)

I Protestant mi sono piaciuti a partire dal nome, ma sebbene l'abbiano preso in prestito da uno dei migliori album…

08 Apr 2011 Reviews

Read more

Bemydelay – To The Other Side (Boring Machines, 2011)

Ascoltando la prima volta il disco di Bemydelay (al secolo Marcella Riccardi, già Franklin Delano e Blake/E/E/E) mi sono trovato…

09 Apr 2011 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - L'Antologia Funk, Dagli Anni 70 Ad Oggi (Cramps,…

Ernesto de Pascale ed il prode Bobby Soul assemblano questa doppia raccolta su Cramps con trentatre tracce per altrettanti artisti:…

14 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top