Gianni Gebbia / Miss Massive Snowflake – Phonometak Series #6 (Phonometak Series, 2009)

Spero che molti di quelli che stanno leggendo conoscano Gianni Gebbia, si tratta di uno dei jazzisti (off?) di più alto livello che abbiamo in questa repubblica delle banane e oltretutto parliamo di uno di quelli come Mirko Sabatini, Nicola Guazzaloca, Francesco Cusa e altri, di cui purtroppo non si parla abbastanza e sicuramente non nella misura in cui lo meriterebbero. Se di Gebbia devo ricordare almeno due dischi, lo farei menzionando quel capolavoro dimenticato di Williamsburg Sonatas (sempre su Wallace) in trio con Lukas Ligeti (figlio di cotanto padre) e Massimo Pupillo (mister Zu) e il disco in duo con Stefano Giust (boss di Setola di Maiale).
Innanzitutto parliamo di “jazz” di confine, tanto che forse come termine è un po’ poco appropriato per un disco come questo, e per di più di un musicista dotato di una fortissima versatilità, infatti il nostro ci regala una serie di suoni perfetti per un’uscita su Creative Sources o comunque materiale che solitamente si è abituati a sentire su dischi di elettroacustica; alcuni splendidi passaggi, ma non tutto il materiale delle sei tracce di Gebbia tiene fede alle aspettative che è lecito avere nei confronti di un musicista così bravo. La vera sorpresa del disco sono i Miss Massive Snowflake capitanati da Shane De Leon dei sottovalutatissimi (e bravissimi) Rollerball, il loro disco d’esordio era un superpolpettone pop-rock-folk-360° che non brillava particolarmente pur lasciando alcune piccole perle. In questo caso i nostri vanno sul pop-rock e jazz psichedelico ibridato con parecchie cose (parliamo di un Rollerball, mi pare ovvio), ma sono più che mai devoti alla forma canzone e… che testi! Non vi dico il ridere che mi sono fatto sentendo quello che De Leon cantava in di Shock And Awe: “i could play noise…etc..”. Accostamento di gruppi/suoni parecchio azzardato, ma tutto sommato piacevole, chissà se nel prossimo futuro gli Snowflake riusciranno a tirare fuori qualcosa di altrettanto efficace.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Text Of Light - Un Pranzo Favoloso / A Fabulous…

Facendo Un Pranzo Favoloso a base di improvvisazione avant-free-jazz la cosa più difficile é digerirlo... Anche se trovare il momento…

24 Dec 2007 Reviews

Read more

Aucan + Nexus - 07/08/09 Goose Festival (Zevio - VR)

Dopo che la brigata genovese, quasi unanime, aveva cantato le lodi della data lavagnese degli Aucan, non ho potuto esimermi…

14 Sep 2009 Live

Read more

Gabriele Lunati - Nico, Bussando Alle Porte Del Buio (Stampa…

La bionda chanteuse dei Velvet Underground nella loro incarnazione più magica: un'eroina (di nome, di fatto e forse di più),…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

MSMiroslaw - Organes De La Voix, Chants Funėbres Pour AHYHW…

Il legame di Mirko Santoru/MSMiroslaw  con la Sardegna, la sua terra, va ben oltre la semplice esistenza fisica del musicista:…

22 Jul 2018 Reviews

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more

Padna – Alku Toinen (Aagoo/Rev. Lab, 2015)

Nat Hawks, inglese, insegna alle scuole medie a New York. Chissà, forse il lavoro gli dà poca soddisfazione, fatto sta…

08 Feb 2016 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 1 -…

Nel deserto delle proposte fritte e rifritte, ogni tanto mi capita di andare a cozzare con delle cose veramente personali…

15 Sep 2012 Articles

Read more

Amp - All Of Yesterday Tomorrow (RROOPP, 2007)

Alla domanda su cosa cosa c'è stato a Bristol negli anni '90 la risposta standard è il trip-hop, ma dando…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Like Lamps On By Day (Old…

Under My Bed e Old Bicycle uniscono le forze per dare alle stampe, su cassetta e CD-R con diversa grafica…

11 Mar 2014 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Anabasi (Sincope, 2013)

Fra le etichette in circolazione la Sincope è certamente da annoverare come una delle più coerentemente devote al rumore, non…

28 Jan 2014 Reviews

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

AVSA – Parallels (Manyfeetsunder/Concrete, 2017)

Sarà che mi riduco sempre ad ascoltare e recensire i dischi a tarda ora, ma ammetto di essere rimasto disorientato…

27 Nov 2017 Reviews

Read more

Andrew Tuttle - S/T (Someone Good/Room40, 2018)

Andrew Tuttle arriva al terzo disco mescolando chitarra acustica e banjo con synth e laptop: il suo essenziale armamentario gli…

05 Jun 2018 Reviews

Read more

Les Man Avec Les Lunettes - Qui Cherche Trouve (MyHoney,…

Dopo Lumière Electrique, Fabio Benni sfoga tutta la sua passione per l'indie pop (dall'epoca C86 fino alle nuove scoperte scandinave,…

26 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top