Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non in solitaria: dei nove brani di We Can Be Everywhere infatti ben sei sono stati composti in collaborazione con altri musicisti, nello specifico due con Svart1, due con Retina.it e due con Deison; a dire la verità il taglio dato da Becuzzi rende il disco omogeneo, non dando per niente l’idea dello spezzatino con troppi ingredienti.  D’altro canto il disco è di Gianluca Becuzzi e le coordinate sonore della sua dark ambient ad alto tasso ansiogeno, suoni cristallini ed atmosfere inquietanti sono fin da subito chiare nella iniziale From This Poem Of Void, dove parti di chitarre trattate in vario modo e clangori vari  (ipotizzo siano di Svart1), voci sussurrate e una sorta di tempesta digitale di fruscii di alte frequenze compongono un lungo brano azzeccatissimo; tempesta di alte che esplode anche all’inizio di The Screaming Torso salvo lasciare spazio ad un bel drone per poi far riaffiorare nel finale echi di rumori misti a trame quasi estatiche. Esauriti i primi due bei brani che vedono collaborare Svart1, è il turno di una cinquina che alterna tre pezzi del solo Becuzzi a due composti con Retina.it: questi ultimi sono i più interessanti di We Can Be Everywhere. Soul At Zero Density e Farer Than Ever fanno uso di ritmiche marziali non scontate, intriganti e per nulla banali (credo farina del sacco di Retina.it) che assieme al delirio sonoro messo in campo costruiscono qualcosa di davvero Lynchiano; i tre pezzi di Becuzzi che stanno attorno fanno ampio e sapiente uso di voci orrorifiche, droni ed alte frequenze e rendendo amalgamata questa parte del disco in modo intelligente, dando al tutto un aurea rituale. Infine ci sono le due collaborazioni assieme a Deison (autore anche del bell’artwork del digipak), il primo dei quali ripropone l’uso interessante di ritmiche e parti ad alte frequenze miscelate con vocalizzi, mentre il pezzo finale è la lunga All The Ghosts Of My Life dove soffiano venti digitali su cui veri e propri fantasmi fanno capolino nelle sabbie sonore del brano, il più ambientale ma non meno inquietante dei suoi predecessori. Lunga escursione negli abissi, We Can Be Everywhere davvero non lascia prigionieri: a patto di essere temprati per l’esperienza vale la pena farsi questo viaggio nell’incubo.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stop The Wheel - Morning (Madcap, 2006)

Amo passare il mio tempo, qualcuno direbbe sprecare, il mio tempo nei negozi dell'usato. E non parlo di dischi. I…

14 Jul 2006 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Cruel Experience - Lives Of Ugly Demons (Brigante/Hopetone/Edison Box e…

Rock a 360° di chiaro stampo americano per questo quartetto di Lucca che riesce a coinvolgere con un freschissimo mélange…

31 Mar 2017 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Hibagon - Polyposmic (Taxi Driver, 2019)

Matematica impossibile, cosmica e con derive metalliche neanche troppo mascherate. Album totalmente strumentale per questo duo bergamasco interamente dedito ai…

04 Feb 2020 Reviews

Read more

Chapter - Two (The Biographer) (Saiko, 2007)

Copertina extralusso stile piccolo libro "di una volta" con tanto di booklet strafigo per questo duo svizzero, in fin dei…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Spread - Anche I Cinghiali Hanno La Testa (Il Verso…

Intitolare ai cinghiali il proprio CD mi appare come il segnale di un atteggiamento genuino, un approccio spontaneo e senza…

14 Oct 2009 Reviews

Read more

Punk 'n' Rai (prima parte)

Il punk? Musica paranoide e sgradevole. I punk? Una rimasticatura di James Dean e dei Teddy Boys. Così la Televisione…

21 Apr 2013 Articles

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Johnny Mox - Lord Only Knows How Many Times I…

The other side of Johnny Mox è sorprendente solo per chi ha conosciuto il musicista di recente: gli altri ricorderanno,…

06 Dec 2012 Reviews

Read more

Mingle &The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia, 2016)

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

The Tall Ships - Paint Lines On Your Glasses Look…

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Claudio Lugo/Esther Lamneck - GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del…

09 Oct 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top