Gianluca Becuzzi – [In]visible Fields (Silentes, 2011)

Il gioco di parole che caratterizza il titolo di questo doppio CD avrebbe dovuto farci intuire che le cose non fossero propriamente come apparivano. [In]visible Fields è una compilazione per completisti dell’opera di Gianluca Becuzzi che raccoglie lavori pensati e realizzati per sonorizzare pièce teatrali, istallazioni e cortometraggi; sulla carta, all’inevitabile disomogeneità di siffatte operazioni si aggiungeva il fatto che il suono arrivasse mutilo della controparte visiva per cui era stato realizzato: insomma, ammetto che in partenza le aspettative fossero piuttosto basse. L’ascolto riserva invece più di una sorpresa, rivelandosi, nella maggior parte dei casi, assolutamente appagante.
Se le musiche pensate per il teatro e il cinema, pur piacevoli, patiscono effettivamente la decontestualizazione, pezzi come The Cage (dove una voliera viene “suonata” all’interno di una cisterna etrusca) o Water Memories (sonorizzazione di un antico pozzo), attraverso field recordings, loop e sapienti inserti elettronici, permettono all’ascoltatore di ricostruire la dimensione degli spazi e cogliere pienamente lo spirito delle performance, magari aiutandosi con l’ascolto in cuffia e al buio, così da lasciare che la mente associ liberamente immagini ai suoni. Fra tutti i brani spicca, ancor più della lunga e quasi eponima [In]visibility che occupa da sola il secondo CD, Radio Trans It, realizzato per un’installazione di Pietro Riparbelli/K11 dal titolo Camera Sonora For 4 Radiodramas e ambientata nel salone di una residenza rinascimentale: fra onde radio, voci, registrazioni ambientali, si ha l’impressione di intercettare i segni di vita passate nella stanza nel corso dei secoli; un brano realmente inquietante ai confini fra ricerca e parapsicologia in cui l’idea di luoghi divenuti invisibili una volta passato il “qui e ora” della performance, ma rievocabili e quindi tornati visibili grazie ai suoni conservati nel supporto fisico, raggiunge la sua pienezza, sigillando un album davvero riuscito. Contro ogni aspettativa.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chinese Restaurant/Macho Corporation - Split (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

Mettiamo tutte le carte sul tavolo dicendo che Spina Bifida è la neonata etichetta dei due Iron Molar e in…

27 Jul 2010 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

Deison & Uggeri - In The Other House (Final Muzik/Old…

Cristiano Deison e Matteo Uggeri sono due musicisti che spesso collaborano con altri e questo a mia memoria è il…

03 Aug 2015 Reviews

Read more

Diane And The Shell – Barabolero (Doremillaro (sb)Recs, 2011)

Ultimamente fatico parecchio a scrivere recensioni, ma non segnalare questo Barabolero, seconda fatica dei catanesi Diane And The Shell sarebbe…

14 Sep 2011 Reviews

Read more

Urbanightmare - Nightride Of An Italian Saxophone Player (Revenge/Fonoarte, 2015)

Ennesimo progetto per il decano Bruno Romani (Detonazione, No Guru) sempre alle prese con il suo strumento principe (accompagnato qui…

23 Nov 2016 Reviews

Read more

Holy Palms – Jungle Judge (Arte Tetra, 2016)

Che Pavel Eremeev sia un matto tamarro o un geniale alchimista è difficile da stabilire e certo non basteranno le…

08 Feb 2017 Reviews

Read more

Massimo Volume o Massimo D'Alema?

Amico cittadino... amico bibbitaro... sai, pensavo che DJ Gruff ha indisputabilmente ragione nel dire che: "un sucker (sacher) resta sempre…

24 Jan 2011 Articles

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Empire! Empire! (I Was A Lonely Estate) - You Will…

Che un disco di mero revival possa accendere l'interesse degli ascoltatori è una questione a lungo dibattuta. A maggior ragione…

11 Oct 2014 Reviews

Read more

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top