G.I. Joe + Nervous Kids – 11/07/08 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Il tempo incerto di questo weekend suggerisce di non rischiare l'allestimento del palco nel giardino dell'arci Kroen, com'era programmato e di spostare i gruppi nella sala concerti all'interno del locale. Ma se il tempo è autunnale la temperatura non lo è e all'interno l'atmosfera tropicale forse scoraggia i presenti ancor più della proposta musicale della serata. Saliranno sul palco i bolognesi Nervous Kid, seguiti dai trevigiani G.I. Joe, due fra i più rinomati paladini dell'instrumental-punk-funk-noise-core-lightningboltoniano della penisola.
I Nervous Kids tengono fede al nome: ritmi forsennati, chitarra costantemente in solo, spigolosità varie e qualche raro rallentamento, con la batteria che tace, che dà la possibilità di indugiare in riff quasi AC/DCani; ma sono brevi attimi e si ritorna a un suono sempre in bilico sul baratro del caos: una versione minimale, ma decisamente hardcore, dei Don Caballero più chiassosi. Passato lo shock compulsivo, il giochino comincia a mostrare la corda, ma dopo circa venti minuti il concerto volge al termine e non si fa in tempo ad annoiarsi. Salvati dal gong.

Il tempo di una biNKrra, due parole con gli amici e tocca agli headliner della serata.
I G.I. Joe si presentano in identica formazione, solo con il basso che sostituire la chitarra e forte è il sospetto di doversi sorbire una replica del concerto precedente, col limite che l'effetto sorpresa è svanito e i confini della noia già ampiamente erosi. Non ci andiamo troppo lontani: velocità e tecnica da vendere, con la batteria iperdinamica e il basso supereffettato che, poco distinguibile da una sei corde, macina rifferama assortito. A questa sorta di caos controllato si aggiungono minime variazioni, brevi parti dronate, qualche vocalizzo, invero non banale, che lascia sperare futuri sviluppi meno scontati.
gijMa, per ora, anche qui siamo di fronte a una musica che gira un po' su sé stessa e svanito lo stupore e l'ammirazione per cotanta perizia, resta pochino; anche i loro venti minuti passano senza il desiderio di averne di più.

A questo punto, fatte salve le indisputabili questioni di gusto, non siamo dalle parti di un Yngwie Malmsteen qualsiasi?

"Ecco, vi porto una ben triste novella, che sarà di grande dolore per il popolo tutto: l'indie rock non salverà il mondo. Votate heavy metal."

(fotografie di Rik)

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Verme – Un Verme Resta Un Verme (Autoprodotto, 2010)

Un'Agatha, più un Fine Before You Came, più un Dummo, più un Hot Gossip, uguale: un Verme.  Trovarsi a suonare…

26 Jan 2010 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.6

No, non è il caldo ad averci dato alla testa. L'ultima puntata della stagione è un mix di poesia aulica,…

08 Jun 2010 Podcasts

Read more

Winfried Ritsch – Woodscratcher (God, 2013)

Bisognerebbe definirla musica concettuale, questa di Winfried Ritsch, se non fosse che il termine "musica" mi pare eccessivo: qualcosa di…

19 Jun 2013 Reviews

Read more

Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai - Sweetness & Light EP…

"Tu sei completamente stanco", questo il significato del nome che gli Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai hanno scelto: trio che…

17 Mar 2010 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

The Doggs - Red Sessions (Autoprodotto, 2012)

Ancora frastornati dal debutto di pochi mesi fa ecco ritornare questo giovane ed arrogante terzetto milanese per prenderci (di nuovo)…

16 May 2012 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Squadra Omega – S/T (Holidays/Boring Machines, 2010)

La Squadra Omega va certamente annoverata fra quei gruppi le cui produzioni discografiche, seppur buone, pagano inevitabilmente dazio alle ottime…

20 Jan 2011 Reviews

Read more

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

Ivan Iusco: Minus Habens o Homo Superior?

Questo è uno di quei personaggi che ho cercato di odiare con tutto me stesso, anima e corpo. Mi ha…

19 Nov 2011 Interviews

Read more

S.J.Esau - Wrong Faced Cat Feed Collapse (Enormous Corpse/Fooltribe, 2005)

Da qualche parte nel mondo qualcuno ha una mappa. Ma noi ci siamo decisamente persi. Sensazione spiacevole e nervosismo crescente.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

15 anni di ODRZ – 12/12/2015 Spazio Ligera (Milano)

Anche se dalla data è passato un po’ di tempo e gli infiniti impegni della vita non ci hanno permesso…

08 Jan 2016 Live

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top